Settembre 26, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un membro dell’ISIS Beatles si dichiara colpevole di complicità nei rapimenti e uccisioni di ostaggi

Un membro del gruppo dei rapitori affiliato allo Stato Islamico (ISIS), soprannominato “The Beatles” (per via del loro accento inglese), ha ammesso giovedì 2 settembre di complicità nei rapimenti e uccisioni di ostaggi occidentali, in un tribunale federale di Alessandria. , Virginia, Stati Uniti. Il procuratore Dennis Fitzpatrick ha affermato che le famiglie delle quattro vittime statunitensi hanno acconsentito a questo cambiamento nella strategia di difesa.

Leggi anche I Beatles, due jihadisti dell’Isis, saranno trasferiti negli Stati Uniti per essere processati

Alexanda Kotey, un’ex cittadina britannica di 37 anni, si è finora dichiarata non colpevole dell’accusa in tribunale, insieme ad Al-Shafei Al-Sheikh, 33 anni, un altro dei quattro membri del gruppo dei rapitori dell’ISIS. Sono accusati in particolare di coinvolgimento negli omicidi dei giornalisti americani James Foley e Stephen Sotloff, uccisi nel 2014, e degli operatori umanitari Peter Kassig e Kela Mueller – il giovane umanitario americano, rapito ad Aleppo (Siria) nell’agosto 2013 , sottoposto a tortura, stupro e omicidio.

Alexanda Kotey si è dichiarata colpevole, ha rinunciato al suo diritto a un processo e affronta diversi ergastoli senza diritto al rilascio anticipato. Il giudice T.S. Ellis, che presiedeva l’udienza, emetterà sentenza il 4 marzo 2022.

Ha anche concordato con il governo di fornire tutte le informazioni in suo possesso sulle sue azioni in Siria. L’accordo prevede anche che sarà estradato nel Regno Unito dopo 15 anni di carcere, dove sarà anche processato per rapimento e uccisione di ostaggi.

privato della cittadinanza britannica

Alexanda Kotey e Al-Shafei Al-Sheikh sono stati estradati negli Stati Uniti dall’Iraq nell’ottobre 2020 per essere processati negli Stati Uniti. Sono stati catturati nel gennaio 2018 dalle forze curde siriane, quindi consegnati alle forze armate statunitensi in Iraq.

READ  La Cina vieta agli uomini "bisessuali" di guardare la TV
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Le vittime dei jihadisti “Beatles” chiedono il loro trasferimento

Entrambi gli uomini sono cresciuti nel Regno Unito, dove sono cresciuti estremisti prima di unirsi all’ISIS in Siria nel 2012. Alexanda Kotey ha spiegato in una dichiarazione che si è unito alla Siria per combattere contro il regime del presidente Bashar al-Assad considerando questo. “Il concetto islamico di jihad armato era di grande valore e una causa legittima”.. Successivamente si è unito all’unità dell’ISIS responsabile del rapimento e della detenzione di ostaggi non musulmani.

Londra, non volendo processarlo sul suo territorio, lo ha privato della cittadinanza britannica. L’estradizione dei due uomini negli Stati Uniti è stata possibile solo dopo che le autorità statunitensi hanno assicurato a Londra che non avrebbero chiesto una condanna a morte nel caso.

I Beatles sono imprigionati in Turchia

Sono accusati di aver rapito ostaggi americani, europei, giapponesi e siriani tra il 2012 e il 2015 e di aver torturato e ucciso le loro vittime, in particolare mediante decapitazione. I video dell’assassinio, diffusi dallo Stato Islamico a fini di propaganda, hanno scioccato il mondo intero.

Si dice che i due uomini abbiano supervisionato i luoghi in cui erano tenuti gli ostaggi e coordinato le trattative per il riscatto via e-mail. Parteciperebbero anche loro “Nei ripetuti atti di violenza fisica e psicologica contro gli ostaggi”, secondo la giustizia americana.

Il presunto leader della cellula, Mohamed Emwazi, soprannominato “Jihadi John”, è stato ucciso in un attacco aereo statunitense in Siria nel novembre 2015, mentre il quarto “Beatle”, Ayn Davis, è detenuto in Turchia dopo essere stato condannato per terrorismo nel 2017.

READ  La preoccupante deriva autoritaria del presidente Kais Saied

Il mondo con AFP