Dicembre 2, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Thierry Breton mette in dubbio il calendario

Il commissario europeo si affida alla clausola di revisione 2026 per controllare l’estinzione termica.

dopo una settimana L’Unione Europea ha raggiunto un accordo definitivo Al termine della vendita di nuovi veicoli con motore a combustione interna nel 2035, Thierry Breton, Commissario europeo per il Mercato interno, si interroga. In un’intervista a diversi giornali europei, sembra che il commissario europeo stia già premendo il pedale del freno.

Ora sta affermando la Clausola di Revisione del 2026, stabilita nel presente Accordo: “Annuncio la creazione di un gruppo di lavoro per prepararsi alla scadenza del 2026, ha detto a riverbero. Ogni tre mesi raccoglierò questo gruppo composto dalle principali case automobilistiche, fornitori, sindacati, associazioni di utenti, città, operatori elettrici, ecc. Il suo obiettivo sarà identificare e affrontare le difficoltà nell’attuazione di questa massiccia trasformazione. Le domande sono troppe e potremmo doverci adattare nel 2026, o prima del 2026, con misure che sostengano il percorso verso il 2035.».

rassicurare il settore

Le sfide di questa trasformazione sono ben note. Thierry Breton li ricorda: 600.000 posti di lavoro distrutti, veicoli elettrici venduti troppo cari, forniture di materie prime sotto pressione per produrre batterie elettriche e infine pochissime colonnine di ricarica…” Sono due anni che facciamo queste argomentazioni. È un peccato che non siano stati presi in considerazioneinteragisce con un esperto del settore. Queste affermazioni vengono dal tempo. Sembra che mirino soprattutto a rassicurare l’industria sul supporto che può essere fornito per affrontare questa rivoluzione. Senza fornire dettagli sulle reti di sicurezza che verranno installate per evitare collisioni, Thierry Breton ha dichiarato che lo farà.Tutto ciò che è possibile imporre “Nella data del 2035.

READ  PUNTO DI MERCATO- I mercati azionari europei dovrebbero scendere dopo Wall Street - 21/01/2022 alle 07:33

È già difficile immaginare di lasciar andare quella scadenza. Perché sul versante industriale il colpo è già passato. Poiché gli investimenti vengono effettuati a lungo termine, è già stato mobilitato in questa trasformazione. Persino la retorica di Thierry Breton li irrita. “Abbiamo chiarito mesi fa alle PMI e alle organizzazioni ETI che questa decisione è definitiva e che tutti devono investire nella nuova catena del valore dell’energia elettrica. Uno degli attori di questo settore è rimasto sorpreso. I principali produttori si stanno preparando da mesi e ognuno ha il proprio modo di adeguare il proprio programma in base agli sviluppi del mercato. all’interno del gruppo RenaultIl marchio Renault prevede di essere il primo a passare al 100% elettrico dal 2030 con una produzione francese al 100%. Il marchio Dacia, alla fine, giocherà le estensioni termiche, almeno fino al 2035, o anche oltre se cambia la normativa. E ovviamente a condizione che le vendite di veicoli alimentati a carburante e facilmente accessibili siano mantenute. Stellantis rivendica agilità, con più centrali elettriche. Sulla stessa linea di produzione vengono assemblati veicoli alimentati da batterie o motori a combustione. “E se i politici si tirano indietro, saremo pronti ad adattarci‘, spieghiamo.

Thierry Breton ha anche invitato gli attori del settore automobilistico europeo a continuare a mobilitare l’energia termica oltre la data dell’ascia. “Rispetto il fatto che alcuni abbiano deciso di affrettarsi verso un’offerta 100% elettrica, ma incoraggio anche i produttori a continuare a produrre veicoli termici, a generare posti di lavoro di alta qualità e a rimanere una potenza di esportazione.Lui dice. Già lo scorso aprile durante una visita a Torino, il commissario europeo ha twittato:Se l’UE pone fine alla vendita di motori termici in Europa dopo il 2035, ciò non si applica al resto del mondo. L’ecosistema automobilistico europeo dovrebbe continuare ad esistere nel mercato di esportazione con le auto Clean Euro 7 prodotte in Europa.»

READ  Wall Street termine en baisse dopo i "minuti" della Fed - 06/04/2022 alle 22:55

Gli industriali sono confusi

Detti che confondono gli industriali. Come suggeriamo che siano realizzati in Europa, dove i costi di produzione sono alti, e termoplastici destinati ai paesi del continente africano o del Sud America? Dicono che questa è una sciocchezza economica. Tanto più che tutti hanno già siti industriali in queste aree che continueranno a funzionare con energia termica dopo il 2035.

Ma Thierry Breton è interessato a dare un po’ di futuro al calore: è lui il portatore della nuova norma sull’inquinamento Euro 7 che sarà resa popolare nella prossima – e ultima – generazione di veicoli termoelettrici. Per farlo, dichiara che lo faràRiunisci un altro gruppo di industriali per determinare quali tecnologie dovrebbero essere sviluppate, ad esempio, nella chimica dei combustibili, nella meccanica, nella pirolisi, ecc.“. Ma alcuni produttori, Stellantis in testa, hanno già annunciato che non investiranno in attrezzature ordinate da Euro 7 che aumenteranno il prezzo dei veicoli termici da 3000 a 5000 euro. Molti produttori non vogliono più investire in …


Guarda anche – Alexis Verczak afferma che il passaggio alle auto completamente elettriche non è “altruistico”