Giugno 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Tesla Model 3 Grande Autonomie: il nostro esclusivo trattamento delle altezze

Tesla Model 3 Grande Autonomie: il nostro esclusivo trattamento delle altezze

Dopo una presentazione esclusiva, abbiamo avuto la possibilità di guidare brevemente la nuova Tesla Model 3 per vedere se i miglioramenti apportati hanno dato i loro frutti.

La Model 3 riprogettata, che tutti gli appassionati di auto elettriche, in particolare Tesla, aspettavano con impazienza, ha finalmente visto la luce. Conosciuta nella cultura popolare come Project Highland, la berlina è profondamente rispolverata dal suo aggiornamento di metà carriera. Sulla carta, gli sviluppi migliorano significativamente il livello di comfort e il livello di rumore a bordo. Non ci restava che metterci al volante per la prima valutazione.

Ora, alla luce del giorno, la Tesla Model 3 permette di osservare meglio i suoi miglioramenti estetici. Ciò è particolarmente vero all’interno, dove un nuovo cruscotto e nuovi materiali conferiscono alla berlina un’atmosfera ancora più raffinata rispetto a prima. Una sensazione sottolineata dalla scomparsa delle levette sul piantone dello sterzo, sostituite dai pulsanti touch sul volante. Certo, l’ergonomia non è così naturale come con le barre tradizionali, ma dopo un po’ di esercizio intellettuale si riesce a padroneggiarla rapidamente. Fortunatamente, la berlina familiare ha avuto la buona idea di non occupare metà della ruota della sorella maggiore.

Si tratta di una rottura rispetto alla versione precedente, così come le sensazioni di guida ai primi giri del volante. Come nella Tesla Model S, il controllo della guida si trova ora sul display, che consente di attivare la direzione di marcia desiderata, ma anche le telecamere di retromarcia riprese dalla vecchia versione.

Più comfort a bordo

Fin dai primi giri del volante, la Tesla Model 3 diventa molto rapidamente più comoda della versione precedente. Questo è particolarmente vero nella parte posteriore, dove la percussione nella parte bassa della schiena è meno violenta. Molto meno fragile negli abbinamenti errati, senza essere irragionevolmente flessibile, la berlina sembra quindi trovare un buon compromesso tra comfort e sostegno del corpo, senza eccessivo rollio in curva. Comportamento evidente quando si passa dalla vecchia versione a questa nuova versione.

Se Tesla non ha elencato specificamente le modifiche apportate a molle e ammortizzatori, il marchio ha indicato che le impostazioni tecniche sono state riviste. La scelta tecnica è senza dubbio guidata dalla volontà di rendere la Model 3 meno esigente di prima in termini di comportamento. Volevo soprattutto che fosse più stabile e confortevole, la berlina adesso si dimostra meno sottosterzante una volta provocata. Tuttavia, scommettiamo che queste situazioni vengono incontrate raramente dalla maggior parte dei conducenti di questa versione a lungo termine.

READ  I prezzi aumentano in Francia dopo sconti inferiori

Leggi anche
Test – Sistema di propulsione Tesla Model Y: perché schiaccia la concorrenza?

Sviluppi sonori meno evidenti

In termini di comfort acustico, la nuova Tesla Model 3 emette caldo e freddo. Certo, sarebbe necessario tornare al nostro consueto modo di valutare lo sforzo in termini di isolamento acustico alle velocità autostradali, dove i rumori di rotolamento e aerodinamici sono i più fastidiosi. D’altra parte, per il momento non abbiamo notato differenze davvero grandi nell’orecchio rispetto alla generazione precedente. Se questo è un po’ vero all’anteriore, lo è molto meno al posteriore, dove i pneumatici Hankook (misura 235/40 R19) sono risonanti, ma sono dotati di tecnologia fonoassorbente.

Tuttavia, le misurazioni iniziali effettuate utilizzando un’app fonometro calibrata hanno mostrato un miglioramento nei numeri. Certo, il metodo utilizzato durante questa rapidissima dimostrazione è primitivo rispetto alle nostre abitudini nell’ambito del supertesting, il che ci costringe a fare delle riserve sui valori assoluti. Ciò ha permesso però di evidenziare una differenza piuttosto significativa di tre punti tra le due vetture, sulla stessa strada e alla velocità costante di 80 km/h. Per darvi un’idea, questa differenza corrisponde generalmente a quanto si può osservare tra gli 80 e i 130 km/h nella stessa vettura.

Tuttavia, gli utenti del modello sentiranno senza dubbio le differenze, sia che si tratti di chattare sull’aereo, fare telefonate di migliore qualità o lasciare che i bambini guardino uno spettacolo o un video Netflix. Youtube Tramite il nuovo lunotto posteriore funzionale durante la guida. Per chi è meno abituato l’asticella potrebbe sembrare un po’ alta.

Difficilmente più autonomia

Per il resto, la Tesla Model 3 Highland resta un punto di riferimento in termini di efficienza e ricarica. Purtroppo questo breve test non ci ha permesso di effettuare letture significative dei consumi, e nemmeno un test di carica. Tuttavia, nonostante i nostri eccessi, abbiamo notato appetiti che si aggiravano intorno ai 14kWh/100km. Ma durante una sessione di allenamento a un ritmo molto più tranquillo, quella cifra si è avvicinata agli 11 kWh/100 km. Insomma, sia in termini di autonomia che di consumi, gli utenti generalmente non avranno sorprese.

READ  USD/EUR: contro un dollaro forte, queste valute si comportano molto meglio dell'EUR

Se la catena di trazione non beneficia di alcuno sviluppo, i guadagni in termini di autonomia sono dovuti ad un’aerodinamica più favorevole e si noteranno quindi in autostrada, almeno sopra gli 80-90 km/h, soglia dell’aria oltre la quale prevale la resistenza. . Avremo modo di verificarlo approfonditamente quando il veicolo sarà a nostra disposizione. Intanto ricordiamo che la berlina elettrica pubblicizza ora un’autonomia WLTP di 629 km (+27 km) in questa configurazione di prova, con ruote da 19 pollici. Con gli attacchi più piccoli, il produttore stima l’autonomia a 678 km (+52 km).

Leggi anche
Modello Tesla

La Tesla Model 3 Grande Autonomie fa ancora affidamento su una batteria con una capacità stimata di 75 kilowattora. Per quanto riguarda la ricarica, è sempre possibile una potenza massima di 250 kW, che permette di raggiungere il 10-80% in circa trenta minuti. La ricarica in AC è sempre affidata ad un caricabatterie da 11 kW.

Evoluzione nella continuità

La Tesla Model 3 riprogettata è molto più raffinata e robusta all’interno, più vicina agli standard riscontrati a bordo della Model S di ultima generazione, ed è riuscita persino a dare un look retrò alla versione precedente lanciata nel 2017. La station wagon acquisisce maturità anche con il comfort delle sospensioni Ora è accettabile un miglioramento per un’auto di questa classe, mentre il comportamento è più saggio. Prova di ciò è che la velocità massima è ora limitata a 201 km/h. Tuttavia, la berlina riesce comunque ad arrivare lontano se il guidatore esagera: oltre ad accelerare da 0-100 km/h in 4,4 secondi, abbiamo misurato 80-120 km/h in meno di 2,5 secondi nella modalità più dinamica.

READ  L'esecutivo rivendica la vittoria sulla “Legge sulle forze di difesa etiopi” sostenuta dal Partito socialista

Evoluzione piuttosto che rivoluzione, quindi la Tesla Model 3 corregge i suoi principali difetti. Se le nostre orecchie hanno notato un bell’aumento di volume a bordo, niente di più, le nostre prime misurazioni esclusive hanno evidenziato miglioramenti ancora più evidenti. Ma in termini di comfort a bordo, la berlina con un chilometraggio migliora notevolmente. Resta da vedere se tutti questi aggiornamenti saranno sufficienti alla Model 3 per il resto della sua carriera. Se non c’è dubbio che la Tesla Model Y continuerà ad attrarre sempre più automobilisti, la berlina può essere presto solleticata dalla concorrenza, soprattutto da quella cinese, che si avvicina sempre più aggressiva. Ma Tesla parte in vantaggio in termini di immagine e prezzo: la Tesla Model 3 Grande Autonomie è disponibile a 50.990 euro (bonus esclusi), 1.000 euro in meno rispetto alla versione precedente.

Leggi anche
Articolo – Sigillo BYD: che sigillo!