Luglio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Secondo il Crédit logement, a dicembre il tasso d'interesse medio ha superato il 4,2%.

Secondo il Crédit logement, a dicembre il tasso d'interesse medio ha superato il 4,2%.

L'aumento del tasso dei mutui, che ha raggiunto il livello più alto dal 2009, è in gran parte legato ai tassi della Banca Centrale Europea, che intende combattere l'inflazione.

Il tasso medio dei mutui ipotecari ha raggiunto nel quarto trimestre del 2023 il 4,20%, il livello più alto dal 2009, mentre il numero dei prestiti concessi ha continuato a diminuire, secondo i calcoli dell'Osservatorio CSA/Crédit Logement pubblicati giovedì. Secondo la stessa fonte, nell’intero anno 2023 il tasso medio è stato del 3,59%. Sebbene in rallentamento, l’aumento del tasso d’interesse ipotecario medio è impressionante dalla primavera del 2022, quando era ancora appena superiore all’1%.

L’aumento dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea per contrastare l’inflazione ha aumentato il costo dei fondi per le banche, che trasferiscono ai loro clienti per mantenere i loro margini di profitto. Le cifre comunicate ogni mese dal Crédit Logement differiscono da quelle della Banca di Francia, attestandosi rispettivamente al 4,24% e al 4,11% a dicembre.

Le statistiche delle banche centrali hanno il vantaggio di coprire l'intero mercato, a differenza delle statistiche del Crédit Logement, poiché sono riformulate sulla base di dati parziali. Questi tassi sono sufficienti a scoraggiare i candidati dall’acquistare una casa, soprattutto perché alcune banche hanno ridotto i loro prestiti e i prezzi non sono scesi rapidamente. Nel quarto trimestre del 2023 la durata media dei prestiti concessi ha raggiunto i 248 mesi, ovvero 20 anni e 8 mesi.Questo è un livello raramente osservato in passato» Secondo l'osservatorio, che precisa che era di 13,6 anni nel 2001 e di 17,1 anni nel 2014.

Un calo “lento” dei tassi di interesse

Durante l'autunno, la stabilità dei tassi di interesse della BCE e un leggero aumento del costo del risparmio delle risorse hanno consentito un significativo miglioramento della redditività delle banche. Ha osservato che l'attività del mercato del credito ha beneficiato: ma l'impatto atteso è stato mitigato dal deterioramento della solvibilità della domanda derivante dall'aumento dei prezzi del credito. Nel 2023, la produzione di credito – gli importi presi in prestito – è diminuita del 41,7%. Il numero dei prestiti è diminuito nel corso dell'anno del 39,5%.

READ  Tsunami delle vendite in Francia

Nel quarto trimestre il calo si è attenuato rispettivamente del -30,6% e del -19,5%. La riduzione dei tassi di interesse sui mutui saràprimavera“, secondo l'osservatorio, che prevede”Una tendenza al ribasso, ad un ritmo relativamente regolare durante tutto l’anno» 2024 dal 4,20% del primo trimestre al 3,25% del quarto trimestre (3,60% in media nell'anno). “Poi il calo dei tassi continuerà nel 2025», del 3,10% in media.