Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Se collezioni carte Pokemon, il fisco ha buone notizie per te

Se collezioni carte Pokemon, il fisco ha buone notizie per te

Le tue carte Pokemon potrebbero valere una fortuna, ma alcune dovranno presto essere dichiarate alle autorità fiscali. Se non riesci a vincere il jackpot alla lotteria, potresti aver deciso di investire in JCC. L’idea è tutt’altro che stupida, dato che la carta Pokemon più costosa della storia è stata recentemente venduta per ca 4,5 milioni di euro. Oggi l’8% dei francesi colleziona carte Pokemon e il mercato del GCC non ha più nulla per i giochi per bambini.

Di fronte a un fenomeno che genera sempre più entrate, l’amministrazione fiscale ha deciso di inasprire i toni. La questione non era tanto quella di reprimere quanto di regolamentare un mercato che fino ad allora era stato sotto il radar fiscale. D’ora in poi le regole sono chiare: non tutte le carte da gioco sono considerate oggetti da collezione ai sensi della normativa fiscale generale. Se collezionare e scambiare carte Pokemon non fa invidia a francobolli e cartoline, Termini fiscali I mostri tascabili che accompagnano variano.

Le carte Pokemon non sono collezionabili

Se la decisione francese può sorprendere,L’amministrazione applica solo il testo europeo, che definisce chiaramente l’elenco degli oggetti da collezione, di cui le carte da gioco non fanno parte“, afferma l’avvocato Thomas Le Boucher ai nostri colleghi di riverbero. Per una buona ragione, gli oggetti da collezione nel senso legale del termine devonoOffrire interesse storico o etnografico, ovvero rappresentare un passo distintivo nello sviluppo delle conquiste umane o illustrare un periodo di tale sviluppo“.

Questo non è il caso (al momento) delle carte Pokemon, che sono considerate oggetti consumabili e non collezionabili. Unica eccezione: se la carta in questione contiene Valore storicoAd esempio, dovrebbe essere la prima produzione, oppure dovrebbe essere collegata a una storia specifica.

READ  Numerosi formaggi contaminati sono stati prelevati da tutta la Francia

Tasse sulle plusvalenze?

D’altra parte, se le norme francesi riguardano il sistema IVA con cui vengono commercializzate le carte Pokemon, allora permane l’ambiguità quando si tratta di… Il valore aggiunto ottenuto dagli individui Sulla rivendita di carte rare. Per una buona ragione, non esiste una giurisprudenza chiara sull’argomento. In generale, i beni di consumo sono soggetti a imposta quando le loro vendite superano i 5.000 euro. Al venditore viene quindi chiesto di pagare A Onere fiscale totale 36,2%, comprese le imposte sul reddito fisso e i contributi previdenziali. In questo caso specifico, gli importi totali interessati dovranno essere inseriti dopo l’operazione, sul modello fiscale 2092-SD.

Tuttavia, tassare i beni di consumo può essere vantaggioso per diversi motivi. Nel suo articolo per il giornale Echi Dettagli in particolare il sistema di riduzione graduale, nonché La flat tax è più interessante delle opere d’arte e l’incasso, che si applica solo ai profitti delle vendite, non al prezzo di vendita totale.

Alcune eccezioni

Pikachu e i suoi amici non sono gli unici esclusi dalle tasse sugli oggetti da collezione. Anche le scarpe sportive, ad esempio, sono soggette alle stesse regole, anche se le loro vendite raggiungono talvolta cifre record. Inoltre, ci sono alcune eccezioni. A seconda della loro rarità, della loro affiliazione con un personaggio famoso o della loro storia particolare, alcuni pezzi possono essere legalmente considerati oggetti da collezione, a condizione che venga fornita la necessaria documentazione giustificativa.

Stai attento però, Nuovi oggetti Non possono essere considerati oggetti da collezione. Le carte protette sotto vuoto appena estratte dalla confezione o le scarpe da ginnastica che non sono mai state indossate non possono essere considerate tali.

🟣 Per non perdere nessuna novità su Journal du Geek, iscriviti a Google News. E se ti piacciamo, abbiamo una newsletter ogni mattina.