Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Sbloccare il rapporto tra fantascienza e brevetti

Sbloccare il rapporto tra fantascienza e brevetti

Questo articolo è stato rivisto secondo Science Processo di modifica
E Politiche.
Editori Sono state evidenziate le seguenti caratteristiche garantendo al tempo stesso la credibilità del contenuto:

Verifica dei fatti

fonte attendibile

Correzione di bozze

Credito: Pixabay/CC0 dominio pubblico

× Vicino

Credito: Pixabay/CC0 dominio pubblico

Immagina di immergerti in un mondo di storie futuristiche in cui le astronavi volano e le macchine fanno cose incredibili. Ora, pensa a come queste idee si trasformano in cose reali che usiamo. Camilla Hrdy, professoressa di diritto della proprietà intellettuale, e il suo coautore, l’ex professore assistente di diritto dell’Università di Akron Daniel Breen, hanno raggiunto nuove scoperte sul rapporto tra fantascienza e brevetti.

Utilizzando documenti conservati in un archivio di ricerca privato presso la Syracuse University, Hrdy e Breen hanno appreso che il famoso editore di fantascienza Hugo Gernsback aveva alcune opinioni uniche sulla natura della fantascienza e sul ruolo dei brevetti.

Nel 1926, Gernsback fondò e fu redattore della prima rivista al mondo interamente dedicata alla fantascienza. Ma non era solo un redattore di riviste. Era anche un ingegnere appassionato e un innovatore, lasciando dietro di sé un’eredità di oltre 30 brevetti. Tra i suoi contributi editoriali ai suoi diari, Gernsback condivideva l’idea che un romanzo di fantascienza ben realizzato è come un brevetto: un documento ufficiale presentato al governo che descrive nei dettagli una creazione nuova, pratica e innovativa.

Gernsback sostiene che le storie di fantascienza sono come i brevetti perché rivelano tecnologie future che un giorno potrebbero essere possibili, anche se oggi non possono essere praticate. Credeva che le storie di fantascienza ispirassero i lettori a imparare come realizzare quelle invenzioni e notò che molti di questi lettori avrebbero ottenuto brevetti per le invenzioni di cui avevano appreso nella fantascienza.

READ  Questi tumori sono più comuni in Francia

Molti autori di fantascienza ispirano molte invenzioni successive ma di solito non riescono a brevettare le loro invenzioni perché di solito non sono realizzabili nel momento in cui l’autore le descrive. Gernsback credeva che ciò fosse ingiusto e cercò di cambiare la situazione. In un discorso del 1952 alla World Science Fiction Convention, sostenne che il Congresso avrebbe dovuto modificare la legge sui brevetti degli Stati Uniti per rendere più facile per gli autori di fantascienza richiedere brevetti per le invenzioni che descrivono nelle loro storie.

Anche se l’idea di Gernsback non è diventata legge, Hrde e Breen pensano che valga ancora la pena prenderla in considerazione. Molte cose là fuori oggi, come ChatGPT e Metaverse, sono ispirate alla fantascienza.

“Ciò non significa che tutti gli autori di fantascienza dovrebbero poter ottenere brevetti”, afferma Hrdy. “Questa sarebbe una cattiva politica. Ma dobbiamo riconoscere l’influenza che questi autori hanno sul presente.”

Mentre Hrdy e Brin frugavano in vecchi documenti e libri, si sentivano come se stessero viaggiando nel tempo. Questo viaggio alla scoperta ci ricorda che il passato nasconde segreti che possono aiutarci a comprendere il presente e persino guidarci verso il futuro.