Agosto 19, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Robert Boyer: “L’economia oggi è il trionfo della tecnologia sul pensiero”.

Robert Boyer, studioso dell’Institute of Americans, è il co-fondatore di The School of Regulation. Un approccio nato negli anni ’70 che tenta di spiegare le dinamiche economiche delle diverse forme di capitalismo sulla base dello studio delle grandi trasformazioni istituzionali che le caratterizzano.

Ho appena pubblicato Può una disciplina senza riflessologia essere una scienza? teoria della conoscenza in economia (Edizioni Sorbona, 2021). In questo libro, fornisce un inventario dell’economia tradizionale. Questo non è divertente! Gli economisti sono diventati esperti al servizio dei potenti e non ci aiutano più a dare un senso al mondo. Lo stile scelto privilegia il rispetto delle idee esistenti rispetto all’innovazione.

I critici stanno diventando più accaniti negli Stati Uniti ma non in Francia, e qui capiremo perché e come le cose potrebbero cambiare.

La teoria economica prevalente si presenta come il miglior caso scientifico in un continuo movimento di progresso attraverso i secoli. Sei d’accordo con questa rappresentazione?

Robert Boyer: Da macroeconomista, ovviamente no! Negli ultimi quarant’anni, l’economia si è spostata maggiormente verso la scolastica: supponiamo che un individuo razionale, con aspettative perfette, in un’economia ritorni sempre all’equilibrio, ecc. Un approccio che oscura la comprensione dell’economia. Gli strumenti – matematica, modelli e statistiche – sono altamente efficaci, ma una sconfitta totale in termini di costruzione di un pensiero globale illuminato sull’economia.

Non esiste una mente a tutti gli effetti che immagini sempre meglio le categorie pure prima di presentarle al mondo reale: le teorie economiche e sociali esistono sempre localmente e nel tempo. Gli economisti hanno l’impressione che il mondo abbia sempre funzionato come il mondo che conoscono, e spesso dimenticano la storia economica, che generalmente non conoscono.

Questo significa che non ci sono costanti nella storia del capitalismo?

Signore: Non vedo alcun fatto che sia stato osservato nel corso dei secoli. Possiamo dire che più periodi possono assistere allo sviluppo di meccanismi simili, ad esempio l’iperinflazione in Germania negli anni ’20 e in alcuni paesi dell’America Latina negli anni ’80, ma ciò non significa che possiamo determinarne la regolarità storica nel corso dei secoli.

“L’importante non è rimanere fedeli alle proprie idee ma essere fedeli alle idee prevalenti, anche quando cambiano!”

Moneta ? La sua forma, importo, ecc. varia a seconda delle innovazioni finanziarie di ciascun periodo. In questo aspetto principale del funzionamento delle economie, come in molti altri, non possiamo fare riferimento a leggi universali e senza tempo. Possiamo solo sottolineare che alcuni strumenti resistono alla prova del tempo, ad esempio la contabilità in partita doppia.

Lei afferma che gli economisti sono più vincolati dall’obbedienza rispetto alle scienze naturali e alle altre scienze sociali. perché ?

READ  « Une IA capace de nous débrancher ? Ça relève de la science-fiction», analizza Antoine Bordes

Signore: Questo appartiene a due ragioni. La prima è che il mondo economico è molto incerto. Nelle scienze dure, siamo riusciti a costruire un consenso sulle leggi della natura. In economia, i processi in atto sono più complessi e cambiano nel tempo e nello spazio, e incontriamo uno scetticismo radicale sulla corretta interpretazione dei fenomeni. Di conseguenza, incoraggia l’imitazione, perché è meglio sbagliare con gli altri che rischiare di avere ragione da soli.

Puoi dirmelo: è lo stesso in sociologia. Ma è qui che entra in gioco il secondo motivo, che ha a che fare con la regolamentazione della professione degli economisti. Competono per posizioni, premi, ecc. È assolutamente essenziale tenere traccia del movimento complessivo per essere riconosciuto. L’importante non è rimanere fedeli alle proprie idee ma essere fedeli alle idee prevalenti, anche quando cambiano! Tutto questo spiega l’arroganza con cui vengono accusati gli economisti: più le loro diagnosi cambiano e ambiguità, maggiore è la loro arroganza.

L’approccio economico appare articolato in molte aree di intervento altamente specializzate. Perché è così?

Signore: Cinquant’anni prima della richiesta di perizia economica? era lo stato. Aveva bisogno di illuminazione per definire le politiche economiche generali. Nella misura in cui era limitato, l’esperienza è stata trovata principalmente nel settore pubblico, presso il Ministero delle Finanze, presso la Banque de France. Oggi è particolarmente sviluppato nei dipartimenti di ricerca economica delle grandi banche: assumono le menti buone, hanno i dati migliori… L’economista finisce per trovarsi nella posizione di consigliare anche i principi. Ma dalla ricerca guidata dagli interessi dell’uomo con le corone!

“L’economista diventa un esperto che dovrebbe guidare le strategie degli attori privati”

La frammentazione delle conoscenze è dovuta anche al fatto che l’economista è diventato un tecnico, specializzato nel suo campo: ogni settore vuole assumere un proprio specialista di dati economici che alimenterà le sue riflessioni sulla sua politica di marketing, ecc. L’economista diventa un esperto che dovrebbe dirigere le strategie degli attori privati. È il trionfo della tecnologia acuta sul ragionamento generale.

Ognuno sta facendo del proprio meglio nel proprio campo senza preoccuparsi della coerenza della visione d’insieme, ci troviamo di fronte ad un’anomalia totale. I “Grandi Autori”, Arrows, Solos, Kaldor, Tobins, ecc. sono quasi scomparsi. Oggi non c’è alcun incentivo a diventare un teorico economico per cercare di capire il mondo.

Si parla di privatizzazione di competenze e anche di tecnici che servono interessi economici. L’economia prevalente è al servizio dei potenti?

Signore: Il primo esempio che mi ha colpito su questo argomento viene dalla teoria dei mercati contesi, che mostra come ci si possa sempre chiedere, in linea di principio, la posizione di dominio di un’impresa nel suo settore, teoria sviluppatasi nella domanda… dei monopoli ! In generale, l’economista dominante fa parte delle élite esistenti. La macroeconomia è inseparabile dalle persone al potere, pubbliche e private ora. Inoltre, l’economista è un essere sociale: il più delle volte, la sua posizione nella società determina la sua posizione più delle sue conquiste scientifiche.

READ  La scienza dice che mangiare le noci favorisce la longevità!

Come spiega che il Premio della Banca svedese per l’economia può essere assegnato nello stesso anno a un economista che nega l’esistenza delle bolle finanziarie ea un altro che ne spiega i meccanismi?

Signore: Quel giorno del 2013, ho quasi avuto un infarto! I mercati finanziari sono efficienti, integrano sempre tutte le informazioni disponibili per consentire un processo decisionale razionale? Forse è, secondo Eugene Fama, e forse non, secondo Robert Schiller, un altro vincitore! Il non sapere è stato premiato.

Perché era così? A quel tempo, la comunità degli economisti raccoglieva molti specialisti finanziari e doveva ricevere un bonus. Ci sono due campi? Non importa, la commissione se lo dà a vicenda! Questa patetica decisione ha fatto infuriare gli economisti non ortodossi, ma per l’economista medio non è cambiato nulla e il prezzo rimane il criterio ultimo.

Come si spiega che l’economia è la scienza sociale più chiusa ad altre conoscenze?

Signore: L’economista dominante è convinto che, di fronte a tutti i problemi, le altre scienze sociali possano porre buone domande, ma solo lui ha gli strumenti per rispondervi. Questo porta alcuni economisti a prestare attenzione a questioni sociali o storiche, ma proiettando i loro metodi e concetti su altre discipline.

Gli economisti con il maggior potenziale di pensiero teorico creativo e innovativo, si stanno rivolgendo al sistema operativo di dati minerari »

Questo dà cose come: La guerra civile è nata dal fatto che la schiavitù non era più la forma ottimale di sfruttamento della forza lavoro, negando così la natura politica di questo evento. Sono evitati dalla storia economica e da altre scienze sociali.

L’approccio sperimentale è stato ampiamente sviluppato di recente. Questo migliora la qualità del lavoro degli economisti?

Signore: Il vantaggio degli studi empirici è quello di mostrare l’eterogeneità degli agenti economici, non tutti si comportano allo stesso modo e non esiste un “agente rappresentativo” per la teoria prevalente. D’altra parte, ci troviamo con molte opere che non offrono una comprensione del mondo economico. Al sistema operativo si rivolgono coloro che escono dalle migliori scuole, che hanno il maggior potenziale di pensiero teorico creativo e innovativo dati minerari. Oppure lasciano una specialità che non gli si addice e vanno a condurre le loro ricerche altrove.

READ  Royaume-Uni : 7 casi diversi di singoli détectés... Faut-il s'inquiéter ?

Thomas Piketty non fa teoria economica e usa molti dati. Possiamo dire che il suo lavoro è solo un sistema operativo statistico?

Signore: Thomas Piketty riporta la questione della distribuzione del reddito e della disuguaglianza al centro della disciplina e adotta un approccio storico. Ma mi piacerebbe, allora, che si potesse partire da lì per costruire la teoria economica associata che permetta di comprendere le dinamiche presentate. È fattibile! Ma nella formazione degli economisti, non c’è nulla che li motiva ad andare in quella direzione. Sarà necessario raccogliere attorno al tavolo economisti, sociologi, storici e se possibile non solo francesi, per costruire insieme uno schema esplicativo.

Molti big sono scettici sull’organizzazione della professione: James Hickman condanna la “tirannia” delle riviste, Paul Romer è specializzato in auto-aiuto e Paul Krugman è la sua dimensione ideologica. In Francia, non sentiamo quasi questo tipo di critiche.

Signore: Penso che ciò derivi dall’omogeneità della formazione degli economisti francesi. Provengono tutti dallo stesso percorso, centrista e tecnocratico, che li porta a un certo scientismo. Negli Stati Uniti la formazione intellettuale è più decentrata nelle varie grandi università e lascia più spazio a chi la vuole per esprimere opinioni più critiche. Siamo piuttosto democratici o repubblicani. In Francia, l’economista si vede più come un rappresentante della scienza, una fonte di soluzioni tecniche che può vendere a qualsiasi governo.

Gli economisti non ortodossi rimangono emarginati. Quale strategia è più efficace: progressiva critica interna o necessaria opposizione a presentare altri punti di vista?

Signore: Negli Stati Uniti le critiche arrivano da economisti che hanno lavorato prima di unirsi alle voci non ortodosse. Raccolgono il potere simbolico acquisito nel mondo antico per contribuire all’emergere di un altro, e hanno ragione. Ma il lavoro non è ancora finito: dobbiamo riformare il processo di selezione, i criteri di selezione delle riviste, ecc., e lì ci opponiamo agli interessi acquisiti.

Dovremmo quindi aspettare un nuovo Keynes o un nuovo Schumpeter, o dovremmo cercare di costruire un terreno fertile per l’innovazione riunendo gruppi in grado di sviluppare un’altra comprensione del mondo? Congratulazioni ai geni che sanno stupire! Ma gli Stiglitz ei loro colleghi stanno invecchiando, non avendo ricevuto un’istruzione nella loro seconda carriera e non sono più successori. Esigo un lavoro collettivo costruttivo, liberato dalla ricerca di lavoro, ricompense e ricompense.

Dovremmo creare l’equivalente dell’American Institute for Advanced Studies o del Max Planck Institute tedesco, dove economisti e altri ricercatori di scienze sociali aperti al rischio e all’innovazione si riuniscono per farli lavorare insieme. È necessario costruire un’architettura istituzionale originale nella speranza di rivoluzionare le questioni macroeconomiche, e la mano invisibile degli incentivi attuali non basterà.