Dicembre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Resistere alla crescita francese quest’estate, all’inflazione dei mutui a fine anno

Inserito venerdì 28 ottobre 2022 – 13:50

L’attività economica è proseguita, ma attenzione al ritorno dell’inflazione: la crescita francese ha rallentato bruscamente nel terzo trimestre, con una crescita del PIL di appena lo 0,2% dopo un balzo dello 0,5% in primavera, secondo i dati dell’Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici (INSEE) venerdì. .

In linea con le previsioni dell’Istituto Nazionale di Statistica e leggermente al di sotto di quella della Banque de France (+0,25%), la crescita ha beneficiato di un leggero aumento dei servizi (+0,5%), ma rispetto alla primavera (+1%) .

“Poiché si tratta soprattutto di ridurre gli arretrati di produzione, è difficile descrivere la performance economica del terzo trimestre come molto solida”, ha affermato il giudice Charlotte de Montpellier, economista di ING.

Il ministro dell’Economia Bruno Le Maire, in una dichiarazione inviata dai suoi servizi, ha accolto con favore “la crescita francese che resiste, in un contesto internazionale in deterioramento. Questo risultato conferma le nostre previsioni di crescita per il 2022”, accogliendo con favore l’aumento degli investimenti e della manutenzione delle imprese. Consumi delle famiglie “nonostante l’inflazione”.

Gli ultimi tre mesi dell’anno dovrebbero essere ancora più impegnativi, con una crescita zero prevista nel quarto trimestre dall’INSEE, che prevede un tasso del 2,6% per tutto il 2022 (0,1 punti al di sotto della stima del governo).


L’inflazione, che è aumentata nettamente al 6,2% su base annua in ottobre dopo il rallentamento di agosto e settembre, sta iniziando a mettere sotto pressione i portafogli francesi.

Il terzo trimestre “è l’ultima risorsa prima di entrare in una recessione”, ha chip Maxime Darmette, economista di Allianz Trade.

READ  Disarmare l'Europa di fronte al protezionismo statunitense

Il governatore della Banca di Francia Francois Villeroy de Gallo ha rivisto questo affermando che l’intervallo di crescita francese previsto dall’istituto per il 2023 (da -0,5 a +0,8%) non doveva essere rivisto, “a fortiori dopo il +0,2%” nel terzo trimestre.

– fine dell’orgasmo –

Con i prezzi in aumento a una velocità che non si vedeva dalla metà degli anni ’80, le famiglie francesi “non sentono quasi il calo del loro potere d’acquisto”, afferma Maxime Darmette.

I dati per il terzo trimestre non sono ancora disponibili, ma l’Istituto Nazionale di Statistica e Statistica ha già registrato nel primo semestre un calo del potere d’acquisto.

Cosa spinge le famiglie a risparmiare: l’INSEE prevede un aumento del tasso di risparmio entro la fine dell’anno (17% contro il 15,5% del primo semestre).

La spesa dei consumatori delle famiglie per alloggio e servizi di ristorazione ha già iniziato a ridursi quest’estate, passando dal 12,7% nel secondo trimestre ad appena lo 0,6% nel periodo luglio-settembre.


Tuttavia, entrambi i settori beneficiano tradizionalmente dell’afflusso di turisti in piena estate e hanno beneficiato di spese straordinarie in primavera dopo due anni di pandemia.

“L’euforia post-Covid è finita quando si tratta di spendere per i servizi”, commenta Darmette.

“Durante l’estate ci siamo resi conto che le cose non sono migliorate e che i prezzi di gas ed elettricità” hanno continuato a salire, il che potrebbe aver incoraggiato i francesi ad adeguare i propri consumi, aggiunge all’Afp.

Così, beni e servizi combinati, e consumi delle famiglie, abituale motore dell’economia francese, hanno ristagnato nel terzo trimestre (0,0% dopo +0,3%).

Dans le détail, la consommation d’énergie resta bien orientée (+0,6%) contrairement à la consommation alimentare, en recul de 1,6% nel trimestre, l’augmentation continua des prix des denrées obligeant les consommateurs à serrer Belt.

READ  Maxwell, L'Or, Senseo... Pourquoi ces marques de café risquent de disparître des rayons Intermarché

Dal lato corporate, invece, gli investimenti sono ancora incoraggianti e addirittura in progresso rispetto alla primavera.

“Non sorprende che le aziende prevedano tempi più difficili nel quarto trimestre e quindi beneficino di condizioni di finanziamento favorevoli”, prima che Darmet decidasse il codice.

“Il contributo del commercio estero è negativo in questo trimestre (-0,5 punti, dopo +0,0 punti nei due trimestri precedenti)”, aggiunge l’Istituto Nazionale di Statistica, a causa di una crescita delle esportazioni più debole (+0,7%) rispetto alle importazioni (+2,2% ).

Il calo delle esportazioni è particolarmente evidente nel settore dei servizi (-0,4% dopo il 3,3% di primavera).