Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Queste quattro cattive abitudini influenzano la memoria man mano che invecchiamo

Queste quattro cattive abitudini influenzano la memoria man mano che invecchiamo

Anche la memoria è influenzata dal tempo. Con il passare degli anni, a volte diventa difficile conservare o ricordare certe cose. Come per il resto del corpo, anche questa funzione è influenzata dal nostro stile di vita e dalle nostre buone o cattive abitudini.

In un articolo di L CcnIL Il professor Charan Ranganathneuroscienziato e direttore del Laboratorio di Memoria Dinamica Università della Californianegli Stati Uniti, fornisce consulenza.

Memoria: dormire per pulire il cervello

Il primo consiglio è quello di dormire bene, cioè per un periodo di tempo sufficiente e senza svegliarsi durante la notte. “Ora sappiamo che il cervello ha un sistema che drena le tossine che vi si accumulano, inclusa la proteina amiloide, coinvolta nell’insorgenza della malattia di Alzheimer. Lo spiega la professoressa Sharan Ranganath. Questo sistema funziona di notte.

Infatti, le persone con malattia di Alzheimer presentano due tipi di lesioni nel cervello: depositi di amiloide e grovigli neurofibrillari, secondo Istituto Nazionale di Sanità e Ricerca Medica (INSRM). Ogni lesione è associata a una proteina: il peptide beta amiloide (ß-amiloide) per i depositi di amiloide e la proteina tau fosforilata per i grovigli neurofibrillari. Il sonno aiuta quindi a sbarazzarsi di questi elementi dannosi, ma non è tutto.

Durante il sonno si attiva la memoria, ed è questo che molti attribuiscono all’origine dei sogni (…). Il sonno rende più facile conservare le informazioni che abbiamo appreso. Continua il neuroscienziato. Se una persona non dorme abbastanza, la funzione frontale del cervello diminuisce, così come il livello di tolleranza allo stress, e quindi non è in grado di concentrarsi adeguatamente.

READ  92% en France, quels symptômes ?

Per dormire bene, si consiglia di non bere bevande stimolanti prima di coricarsi – come alcol o caffè – ed evitare gli schermi, di non mangiare troppo e di svolgere attività fisica regolarmente, ma non troppo tardi.

La seconda abitudine che può influenzare la memoria è fare più cose contemporaneamente. “La corteccia prefrontale ci aiuta a concentrarci su ciò che dobbiamo fare per raggiungere i nostri obiettivi, ma questa meravigliosa capacità viene interrotta se ci muoviamo costantemente da un obiettivo all’altro.“, sottolinea il professor Charan Ranganath. Ma attenzione, questa regola non è valida se i due compiti sono correlati, come accade quando si segue una ricetta di cucina.

Il neuroscienziato fa un esempio concreto: ascolta una conferenza e apre le email. Secondo lui, il risultato sarà necessariamente negativo, il che significa che non manterrai il ciclo. ““Quando cambi focus (inizi a controllare la posta elettronica), i tuoi neuroni si distraggono e registrano ricordi frammentati della lezione, perché stai utilizzando troppe funzioni esecutive per gestire il passaggio da un’attività all’altra, rendendo difficile la formazione di un ricordo duraturo .”

Per evitare questa cattiva abitudine, la soluzione ideale è finire un’attività prima di iniziarne un’altra, fare delle vere e proprie pause e spegnere tutte le possibili distrazioni, come ad esempio il cellulare.

La terza cattiva abitudine: la routine. In effetti, sono le emozioni – felicità, desiderio, rabbia, ecc. – a rilasciare sostanze chimiche benefiche per la plasticità e la memoria del cervello. “La plasticità cerebrale ci aiuta a svolgere compiti, soprattutto quelli ripetitivi, in modo più efficiente. dice il professor Charan Ranganath.

READ  L'origine dell'emicrania découverte

Per stimolare il cervello, non è necessario intraprendere sfide estreme. Il neuroscienziato consiglia di apportare piccole modifiche come cambiare regolarmente le password. “Quando cambi la password, i neuroni che memorizzavano la vecchia password combattono con i neuroni che hanno la nuova password.

Misura la tua sicurezza in modo da non perdere l’amnesia

Le persone pensano che la loro memoria sia molto buona finché non si rendono conto, ad un certo punto della loro vita, che non è così. Lo conferma il professor Charan Ranganath. Lo scopo della memoria non è ricordare il passato, anche se può farlo, ma estrarre dal passato informazioni importanti di cui abbiamo bisogno per comprendere il presente e prepararci per il futuro.

La tua memoria non dovrebbe essere sopravvalutata e messa alla prova di tanto in tanto. “Pochi minuti dopo aver presentato qualcuno, mettiti alla prova e prova a dire il suo nome”, consiglia. Man mano che la conversazione procede, ricomincia da capo. Quanto più lontani sono questi tentativi, tanto meglio.

Infine, anche la dieta e l’esercizio fisico sono molto importanti per la memoria e la salute generale. Fin dalla tenera età, questi due elementi dovrebbero essere presi in considerazione per ridurre il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative.

Secondo le proiezioni, il numero di persone affette da demenza in Europa quasi raddoppierà entro il 2050, arrivando a 14.298.671 nell’UE e 18.846.286 in tutta Europa.L’Europa dell’Alzheimer.