Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Tecnologie all’avanguardia permettono di ricostruire lo splendido volto di una donna anziana in Australia

Tecnologie all’avanguardia permettono di ricostruire lo splendido volto di una donna anziana in Australia

La testa mummificata di una donna di epoca greco-romana, tra il 332 a.C. e il 395 d.C., conservata per più di un secolo presso la Grafton High School in Australia, è stata recentemente al centro di uno studio approfondito. Gli esperti del Victorian Institute of Forensic Medicine, in collaborazione con l’Università di Chieti in Italia, hanno utilizzato moderne tecniche di scansione TC e ricostruzione facciale per sollevare il velo sulla sua identità e aspetto. In questo modo ripristinano il volto di una donna vissuta tra 2000 e 2300 anni fa.

Questo è il lavoro che ha rivelato abc.netMostra come i metodi scientifici possono trasformare la nostra comprensione dei resti storici, sollevando al contempo interrogativi sulla conservazione e l’esposizione etica dei resti umani nelle istituzioni pubbliche.

Un’interessante scoperta dell’antichità nella biblioteca

La testa mummificata esposta nella biblioteca della Grafton High School è stata a lungo oggetto di curiosità e leggenda tra gli studenti e il personale. Nonostante la sua notevole presenza, fino a tempi recenti si sapeva poco sulla sua origine o sul contesto storico.

Una nota che accompagna la testa, datata 1960, indica che è stata acquistata dal Dr. TJ Henry. Si dice che lo abbia riportato dai suoi studi a Edimburgo nel 1915. Questo pezzo di storia è rimasto nell’istituzione per oltre un secolo senza che la sua storia fosse completamente compresa o esplorata.

L’interesse per la testa mummificata è stato rivitalizzato dalla copertura mediatica del programma televisivo “Stuff the British Stole”. Quest’ultimo esplora le storie di oggetti culturali che sono stati tramandati nel corso della storia. Questo interesse ha portato a una fruttuosa collaborazione tra il Victorian Institute of Forensic Medicine in Australia e l’Università di Chieti in Italia, dove competenze forensi e archeologiche sono state combinate per comprendere meglio il passato di questo manufatto.

READ  I segnali di pericolo non mancano

Le analisi hanno rivelato che la testa apparteneva ad una donna vissuta in epoca greco-romana. Al momento della sua morte aveva tra i 50 e i 60 anni. A quel tempo, l’Egitto si trovava sotto l’influenza di vasti imperi e culture in cambiamento. Gli esperti hanno scoperto frammenti di foglia d’oro attaccati alla testa.

Ciò indica che la donna era di alto rango o possedeva qualche ricchezza. Questi oggetti, infatti, erano destinati ai membri più fortunati della società. Queste scoperte hanno dato un volto alla storia. Hanno anche evidenziato il contesto storico e culturale di questo periodo egiziano.

Tecniche di ricostruzione facciale dall’antichità

La tomografia computerizzata, o TAC, è stato il primo passo nella ricostruzione della testa della mummia. Ha permesso di ottenere un quadro dettagliato della struttura interna del cranio. È comunemente usato in medicina, dove gli scienziati hanno ricreato la base fisica della testa senza danneggiare i resti originali. Dopo aver eseguito la scansione, hanno realizzato una stampa 3D del cranio. Ricercatori e artisti hanno quindi avuto una base concreta per il loro lavoro di ricostruzione.

Jennifer Mann, scultrice forense del Victorian Institute of Forensic Medicine, ha spiegato l’importanza di questo passaggio Scienze vive La stampa 3D ci consente di lavorare con una replica esatta, che ci aiuta a visualizzare e modellare le caratteristiche con grande precisione rispetto all’originale ».

Stampa 3D del cranio utilizzando marcatori di profondità dei tessuti. ©Jennifer Mann

Jennifer Mann ha utilizzato misurazioni ad ultrasuoni. Queste sono stime dello spessore del tessuto basate su dati contemporanei. Li combinò con formule storiche, tenendo conto delle caratteristiche anatomiche documentate delle popolazioni antiche. Ha poi terminato la ricostruzione con un copricapo e orecchini greco-romano-egiziani. Jennifer Mann ha basato il suo lavoro sulle immagini delle mummie del Fayoum in Egitto.

READ  Lo schermo del tuo smartphone presto si sistemerà da solo: "Non è più fantascienza"

Il risultato è una scultura in resina di bronzo colorata. Questa finitura è stata scelta per la sua neutralità. Ciò ha evitato qualsiasi ipotesi su caratteristiche non verificabili come il colore della pelle o degli occhi. ” La scelta di rifinire queste sculture in bronzo permette alle persone di apprezzarne le caratteristiche senza pregiudizi dice Mann.

Voleva presentare un volto che trascendesse le caratteristiche razziali o etniche, per riflettere meglio l’universalità della storia umana.

Impatto culturale ed educativo

Il completamento della ricostruzione facciale della testa mummificata presso la Grafton High School ha avuto un profondo impatto. Sebbene abbia risolto un mistero di vecchia data, ha anche cambiato il modo in cui gli studenti e il pubblico vedono queste reliquie storiche. Fornendo un volto a quello che una volta era semplicemente un artefatto inanimato, questo progetto umanizza il passato.

Simon Robertson, insegnante di storia alla Grafton High School, sottolinea: “ Vedere il volto ricostruito di questa donna ha cambiato immediatamente il nostro rapporto con lei. Sei passato da materia di studio a “persona” con una storia che risuona emotivamente con gli studenti Questo cambiamento è fondamentale per l’educazione storica. Coinvolge gli studenti in modo più personale e profondo, aumentando il loro interesse e l’empatia per gli studi storici.

Il teschio ha un buco nella tempia sinistra, la cui causa è sconosciuta. © Siemens Medical Systems Australia

Inoltre, questo lavoro incoraggia una riflessione più ampia sui diritti e sulle responsabilità associati al possesso e all’esposizione di artefatti culturali. Questo caso di studio presso la Grafton High School incoraggia il dialogo su chi “possiede” la storia e su come il patrimonio culturale dovrebbe essere trattato e rispettato nelle società contemporanee. Janet Davey, una delle ricercatrici coinvolte nel progetto, ha espresso questo concetto in termini di ripristino dei diritti umani e della dignità. ” È essenziale trattare questi resti con il rispetto che meritano, in quanto rappresentativi di civiltà passate ».

READ  "Le soignant qui rifiuto le vaccin jusqu'au bout, niant science et réalité, n'est plus un soignant"

Questo dibattito è particolarmente importante in un contesto in cui la provenienza e la rappresentazione dei manufatti storici rimangono spesso controverse.