Maggio 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La cronaca “È già domani”: la scienza… in fondo al buco, dalla Cina al Messico

La cronaca “È già domani”: la scienza… in fondo al buco, dalla Cina al Messico

Di base
Recenti scoperte scientifiche nei cenote cinesi di Tianqing e in Messico mostrano che la scienza sta progredendo… in fondo al buco!

In un’epoca in cui migliaia di satelliti monitorano, monitorano e analizzano il minimo movimento tettonico e mappano la Terra da ogni angolazione, c’è ancora Terre sconosciute Com’era ai tempi dei grandi esploratori? Ci sono ancora popoli isolati che vivono ai margini del mondo, in Amazzonia, Perù, Colombia o Venezuela. La stragrande maggioranza di queste tribù amazzoniche si trova anche in Brasile, che ha identificato segni di 114 di questi piccoli gruppi di cui si conoscono i luoghi di vita. Ma le terre sono ancora sconosciute? Beh, ce n’è ancora qualcuno.

Nel 2008, gli scienziati britannici del Royal Botanic Garden di Kew (a ovest di Londra) hanno scoperto una foresta precedentemente sconosciuta contenente specie precedentemente sconosciute ai piedi del Monte Mapo, nel nord del Mozambico. E la cosa più sorprendente è che l’origine di questa scoperta è stata… Google e il suo pionieristico programma di immagini satellitari, Google Earth.

Una foresta vergine sotterranea senza alcuna traccia di attività umane

Negli ultimi anni sono state fatte nuove scoperte in Cina, nel cuore del paesaggio carsico del Guangxi. In questa regione autonoma del sud della Cina, al confine con il Vietnam, sono stati scoperti enormi cenotes – tianqing – che ospitano antiche foreste, che svolgono un ruolo essenziale nella conservazione della biodiversità e sembrano brulicare di vita. Formate dalla decomposizione di rocce solubili come il calcare, queste rocce carsiche sono rifugi per la diversità genetica, soprattutto per le specie a rischio di estinzione come Manglizia piccanteSecondo un nuovo studio pubblicato il mese scorso sulla rivista Foreste.

Una foto del Gruppo Pingtang Tianqing, un’area di oltre 20 chilometri quadrati con enormi crateri di varie dimensioni, a Guizhou, Cina, 7 luglio 2023.
Forum Mondiale dell’Ambiente – Sandoval

Ha spiegato: “La scena era sorprendente: una foresta pluviale sotterranea senza alcuna traccia di attività umana, con alberi secolari alti 40 metri e una collezione di piante selvatiche in via di estinzione risalenti all’epoca dei dinosauri”.UNESCO Nel luglio 2023, Tang Jianmin, assistente ricercatore presso l’Istituto di Botanica del Guangxi, che lavora su questo argomento dal 2016.

READ  Uno studio rivela quando si è maggiormente a rischio di morte

Con 300 tianqing conosciuti in tutto il mondo, di cui 200 in Cina, gli scienziati stanno studiando le diverse piante e animali che vivono lì, secondo il sito web scientifico. debriefingQuesto mese è stato assegnato per indagare sulla questione.

Oltre alle piante che hanno beneficiato dell’ecosistema preservato di Tianqing, gli scienziati si aspettano di trovare nuove specie animali. “Non sarei sorpreso di apprendere che ci sono specie presenti in queste grotte che non sono state ancora segnalate o descritte dalla scienza”, ha affermato George Finney, direttore esecutivo del National Cave and Karst Research Institute nel New Mexico. Su AccuWeather.

Tianqing nella contea di Li, Cina – 192 metri di profondità, 5 milioni di metri di profondità3 – Ospita quindi un’ampia gamma di specie, come scoiattoli volanti, zibetti, rettili, anfibi, ecc.

Record mondiale del Tam Ja Blue Hole

A migliaia di chilometri dalla Cina, gli scienziati hanno appena scoperto un altro cratere in Messico, questa volta al largo. Il Tam Ga Blue Hole, nella baia di Chetumal, a sud-est della penisola dello Yucatán, è stato misurato a una profondità di 420 metri, battendo il record per un Dragon Hole nel Mar Cinese Meridionale, che era di 300,89 metri. Il team, che ha utilizzato specificamente una sonda CTD (conduttività, temperatura e profondità) per esaminare questo buco, ha pubblicato i risultati della sua ricerca sulla rivista. Frontiere nelle scienze marine.

“Quando si approfondisce la geomorfologia spaziale sottomarina del Tam Ja Blue Hole, l’attenzione si concentra sulla decifrazione della sua profondità massima e sulla possibilità che faccia parte di un complesso sistema di grotte e tunnel sottomarini possibilmente interconnessi”, hanno scritto gli scienziati. Che non sono ancora andati in fondo al buco.

READ  Tra politica e media, la bilancia della scienza