Aprile 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Questa è la più grande esplosione cosmica: “Non abbiamo mai osservato una cosa del genere”, affermano gli astronomi stupiti

Questa è la più grande esplosione cosmica: “Non abbiamo mai osservato una cosa del genere”, affermano gli astronomi stupiti

di base
Venerdì 12 maggio, gli scienziati britannici hanno osservato la “più grande” esplosione cosmica mai registrata. Tuttavia, al momento non sono in grado di determinare la causa.

Venerdì (12 maggio), gli astronomi hanno annunciato la scoperta della “più grande” esplosione cosmica mai registrata, una sfera di energia cento volte più grande del nostro sistema solare che si è improvvisamente accesa tre anni fa.

Gli scienziati hanno una nuova spiegazione per spiegare la causa del fenomeno, ma insistono sul fatto che sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire la questione. L’evento, indicizzato AT2021lwx, non è il più brillante di tutti. Questo onore va a un lampo di raggi gamma (un’enorme esplosione di energia nel collasso di una stella) GRB221009A, scoperto nell’ottobre 2022 e ritenuto il “più luminoso mai visto”.

Ma l’esplosione descritta negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society britannica potrebbe essere descritta come “la più grande” perché ha rilasciato infinitamente più energia di un lampo di raggi gamma in tre anni, secondo l’autore principale del rapporto. Studia, Philip Wiseman, un astrofisico dell’Università di Southampton in Gran Bretagna.

“scoperta accidentale”

Ha detto ad AFP che l’AT2021lwx è il risultato di una “scoperta accidentale”. L’esplosione è stata definitivamente rilevata nel 2020, automaticamente, dallo US Zwicky Transient Facility Observatory in California. Ma la scoperta “è rimasta inutilizzata nel database” dell’osservatorio, secondo Philip Wiseman. prima che gli scienziati se ne accorgessero l’anno successivo. L’osservazione diretta del fenomeno ha cambiato il gioco. L’analisi della luce ha dimostrato che ci sono voluti otto miliardi di anni per raggiungere il telescopio.

READ  Queste 35 app che nascondono malware, possono rubarti, fai attenzione!

Gli astronomi si stanno ancora interrogando sul motivo di questo fenomeno. Potrebbe essere una supernova, l’esplosione di una stella massiccia alla fine della sua vita, ma qui la luminosità è 10 volte maggiore del previsto. Un’altra possibilità è un evento di rottura mareale, in cui una stella viene lacerata dalle forze gravitazionali di un buco nero in avvicinamento. Ma ancora una volta, l’AT2021lwx è tre volte troppo luminoso per convalidare uno scenario del genere.

Non esiste un equivalente noto della luminosità misurata ad eccezione dei quasar: queste galassie ospitano nei loro nuclei un buco nero supermassiccio che risucchia la materia emettendo un’enorme quantità di luce. Ma la luce dei quasar brilla, mentre in questo caso è improvvisamente aumentata tre anni fa.

“un vero mistero”

“Non abbiamo notato una cosa del genere (…). Sembra uscire dal nulla”, osserva lo scienziato. La sua squadra ha un’idea, che è contenuta nello studio. La sua teoria è che un’enorme nuvola di gas, delle dimensioni di 5.000 soli, venga divorata da un buco nero supermassiccio.

Poiché il principio della scienza è che “non ci sono certezze assolute”, il team sta lavorando a nuove simulazioni – utilizzando i dati – per testare la “plausibilità indiscutibile” della loro teoria. Il problema è che i buchi neri supermassicci dovrebbero essere al centro delle galassie. E questo evento, AT2021lwx, dovrebbe avere all’incirca le dimensioni della nostra galassia, la Via Lattea.

Tuttavia, nessuno ha ancora rilevato una galassia vicino all’evento osservato. “È un vero mistero”, dice Philip Wiseman. La ricerca rimane nei cieli e nei database celesti, eventi simili probabilmente aiuteranno a sollevare il velo sull’eruzione.

READ  MW3: La lenta rigenerazione della salute è criticata dalla comunità