Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Quando viene annunciato il vaccino vengono morsi per la prima volta – EDIT

Pandemia di COVID-19 in Franciaun file

Sono stanchi di privarsi della vita sociale, temendo le conseguenze del loro rifiuto di essere vaccinati, o semplicemente di sentirsi un cucciolo: testimonianze di neo-iniettori, rafforzate dalle pubblicità sulla tessera delle vaccinazioni.

Di fronte allo scoppio di nuovi contagi da Covid-19, il governo ha deciso di accelerare il passo. permesso di vaccinazione L’entrata in vigore è prevista per il 15 gennaio. Conseguenza: molte persone fanno la prima iniezione e talvolta si spaventano allo stomaco. Un passo tardivo che finora si sono rifiutati di fare per paura o per gli effetti collaterali “pigrizia”. Perché sono stati negati i permessi sanitari, alcuni di loro hanno pagato circa cento euro a settimana per il test, altri hanno utilizzato quelli dei loro parenti o hanno chiesto permessi falsi tramite i social network… Sono stanchi di essere emarginati, Hanno attraversato il percorso. Secondo la Direzione Generale della Salute (DGS), sono più numerosi in questi giorni: se il tasso giornaliero di vaccinazioni per la prima volta prima dell’annuncio della tessera delle vaccinazioni era di 38.000, è aumentato poco prima della vigilia di Natale. Natale, a 50.000 testimonianze.

Patrice, 60 anni: “Lo farò perché non voglio vivere ai margini della società”

“Non voglio morire a casa! Con la tessera delle vaccinazioni in arrivo a gennaio dovrò vaccinare, questo è certo. Anche andando a lavorare diventerà un problema. Chissà cosa sta facendo il governo con la libertà individuale in tutto questo Se non l’ho fatto prima, sarà È principalmente per negligenza, ma anche perché trovo che non abbiamo abbastanza senno di poi … Normalmente, un vaccino non si trova così rapidamente sul mercato. tutto, lo farò perché non voglio vivere in disparte Società, vorrei poter essere sicuro che il vaccino sia affidabile…ma cosa sappiamo di cosa potrebbe causare tra otto o dieci anni? Per me non poter scegliere è una cosa pericolosa. Ma ehi, cosa fare? Una rissa di strada? Sono maggiorenne. Quindi sarò docile. La mia azienda facilita l’accesso al vaccino, farò il mio appuntamento a gennaio Comunque, non avremo scelta se vogliamo continuare una vita normale… Se abitiamo a Korez e non c’è mai un 50 km di distanza, andrà bene, ma lì, a Rambouillet.. .”

READ  Virus invernali: Covid-19, influenza, raffreddore... Possiamo davvero distinguerli?

Julia*, 26 anni: ‘Non potrò continuare a usare le tessere sanitarie dei miei amici per andare al ristorante a lungo’

“Sto facendo la vaccinazione solo oggi perché entrerà in vigore il libretto delle vaccinazioni. Da non vaccinato mi sento sempre più emarginato. Non potrò continuare a usare a lungo i permessi sanitari dei miei amici per andare al ristorante ! Fino ad ora, ho avuto una rabbia intensa e un profondo desiderio di resistere alla comunicazione sul vaccino. A mio parere, è stato disastroso. In effetti, non siamo stati affatto accompagnati o supportati in questo processo… Ci è stato solo detto: “Devi vaccinarti, punto.” Questa mancanza di pedagogia è un terreno fertile per tutti i tipi di domande. Tanto che il mio corpo non vuole avere questo prodotto… Da lì, dov’è l’approvazione? Ho dovuto convincermi che non mi sarebbe successo niente prendendo tutte le informazioni al riguardo. Nonostante tutto, capisco che è difficile per le autorità affrontarlo. Non abbiamo abbastanza senno di poi e allo stesso tempo dobbiamo contenere l’epidemia… Mi dispiace che questa epidemia abbia creato due campi: pro-vaccino e anti-vaccino. Le sfumature e le polemiche sembrano aver completamente abbandonato la nostra società”.

Ibrahima*, 32 anni: “Visto che gli esami pagano, mi privi sempre di più”

“Ho scelto di essere vaccinato perché voglio tornare a vedere la mia famiglia in Guinea in vacanza. Dato che il passaporto vaccinale è obbligatorio per attraversare il confine, non ho altra scelta che farlo. Non direi che sono fondamentalmente contro il vaccino.Inoltre, non ho nemmeno una minima apprensione all’idea di essere morso.Oggi…Se non l’ho fatto prima, molto probabilmente è per negligenza o comunque per riluttanza. Per farlo, ma non mi reputo contrario alla purificazione.Al di là del viaggio, Anche l’aspetto economico è una cosa Il che mi ha spinto a prenotare il mio appuntamento più velocemente. Dato che i test pagano i non vaccinati, mi sto privando sempre di più perché non posso permettermeli. Ogni volta che volevo andare al ristorante con mia moglie, dovevo pagare di tasca mia un permesso sanitario valido. Alla fine, ha davvero un costo per me. Tutte queste restrizioni aggiunte l’una all’altra mi hanno fatto decidere. Riflettendoci, la trovo ancora una forma di impegno nascosto”.

READ  Non nevica più nell'Artico, piove!

Zahra 21 anni: Certo che sono in ritardo ma prima o poi l’avrei fatto

“Ho preso il Covid nel febbraio 2021, poco prima che iniziasse la campagna di vaccinazione. Dal momento che il mio corpo ha prodotto abbastanza anticorpi, sono stato in grado di evitare la puntura per un po’. Quando ho dovuto farlo, devo ammettere che ero un po’ pigro… Vivo nei sobborghi di Lione. Dato che non faccio il pendolare, è stato molto complicato per me trovare una data ed essere in grado di andarci, ma dato che sono nella zona di Parigi per le vacanze…finora, ho avuto a che fare con le restrizioni che mi sono stati imposti. A volte scrivevo a un’amica chiedendole di inviarmi la sua tessera sanitaria in modo che potessi entrare in determinati luoghi pubblici. Ma questa non è una soluzione e, dopo, non è molto semplice! Se c’è qualcosa che mi incoraggia a vaccinarmi oggi, sono prima di tutto le mie tre giovani figlie. A volte mi sembra di privarli della loro infanzia: sono mesi che non riesco a portarli al cinema, al ristorante o al parco. Non devono pagare perché ho scelto di ritardare la scadenza. Sono decisamente in ritardo, ma prima o poi l’avrei fatto. Mio padre è morto di Covid lo scorso marzo e non ha avuto il tempo di vaccinarsi…”

(* nome cambiato)