Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Quali alimenti potenziano davvero il nostro cervello?

Quali alimenti potenziano davvero il nostro cervello?

Vedremo quale effetto hanno le carenze nutrizionali sull'insorgere di alcuni disturbi… e sulla base delle ricerche scientifiche, vi daremo consigli per fare le scelte giuste, partendo dalla fase fetale se siete incinte… perché la vita comincia dentro il grembo!

Dieta, vero effetto sul cervello?

Mangiare meglio, o adottare un certo tipo di dieta, ha un impatto reale sulla riduzione dello stress, sul miglioramento del sonno, delle prestazioni cognitive o sulla prevenzione di un episodio depressivo? Guillaume Fond, psichiatra e ricercatore presso gli ospedali universitari di Marsiglia, specializzato in nutrizione psicologica, va oltre: “ Possiamo considerare la nutrizione psicologica come medicina alternativa o medicina alternativa, anche se è al centro del trattamento e della prevenzione delle malattie mentali nella salute mentale. » Catherine Lacrosnière, nutrizionista, aggiunge che se “ Purtroppo la dieta non cura, aiuta a prevenire e scongiurare meglio alcuni rischi, in particolare l’insorgenza di alcune malattie neurodegenerative. »

Coccola i tuoi microrganismi

Tra i primi consigli dati da Guillaume Fond: Microrganismi : « Effetto dei microrganismi Ciò è stato perfettamente dimostrato sul nostro sistema immunitario. Li rafforza quando sono sani e, al contrario, quando sono alterati, indeboliscono il sistema immunitario e portano a infiammazioni croniche. »

Elimina gli alimenti ultra-processati

Guillaume Fond: ” Disponiamo di diverse meta-analisi nel campo della salute mentale nel 2022/2023 che dimostrano che una volta aumentata la percentuale di alimenti ultra-processati Il 20% della dieta supera il rischio di depressione e ansia Aumenta. » Sophie Lye, neurobiologa e direttrice della ricerca presso il Centro INRAE ​​di Neurobiologia e Nutrizione, spiega il processo: Il consumo di questo tipo di cibo causerà una disbatteriosi che porterà ad un'infiammazione di basso grado che verrà trasmessa al sistema nervoso centrale e soprattutto alle cellule immunitarie residenti nel cervello.*, microglia. ** L'encefalite stessa ha un effetto dannoso sulle cellule nervose…* »

READ  Quebec: Tre cervi della periferia orientale contagiati dal Covid-19

Assunzione di triptofano

Guillaume Fond consiglia l'assunzione di triptofano: “ È un amminoacido precursore dell'importantissimo ormone serotonina, un neurotrasmettitore nel cervello che regola le nostre emozioni e altre funzioni come il mangiare. Ciò spiega, ad esempio, che le persone che soffrono di depressione hanno maggiori probabilità di consumare zucchero, il che creerà un circolo vizioso e modificherà la loro salute mentale. »

Ottimo, buon per te!

52 minuti

Antiossidanti per ridurre lo stress

Una delle più grandi scoperte recenti è che il cortisolo, l’ormone dello stress, aumenta la permeabilità intestinale che permette poi il passaggio degli antigeni e quindi dei fattori microbici che portano all’infiammazione. Catherine Lacrosnière consiglia una dieta ricca di antiossidanti che aiutano a combattere lo stress “Una dieta ricca di antiossidanti prevede molta frutta e verdura, come la dieta mediterranea. Esiste anche la dieta DASH, che mira a ridurre la pressione alta, anch’essa un fattore che attacca il cervello. La dieta mentale ritarda la comparsa dei primi segni della malattia di Alzheimer. È una dieta borghese e un trattino che aiuta a non mangiare una bella parte della frutta, soprattutto la frutta, i rossi e i legumi, e soprattutto la frutta, ma anche le olive, i cereali integrali, i legumi, ecc. 'olio d'oliva. Un modo di mangiare che limita i prodotti animali. Pasticceria e dolci dovrebbero essere consumati meno di quattro volte a settimana e il sale dovrebbe essere ridotto. »

Omega 3 sì, ma attenzione al mercurio

Gli Omega 3 sono considerati parte dei nutrienti essenziali poiché l'80% di essi è carente di Omega 3. L'oro secondo Guillaume Fond: “È molto efficace nella salute mentale, nel trattamento della depressione e nella prevenzione del declino cognitivo. Il DHA, il componente principale delle cellule nervose, si trova in piccoli pesci come le sardine e gli sgombri. Problema: questi pesci contengono anche metalli pesanti. L'ANSES consiglia di non consumare più di una porzione di pesce grasso alla settimana. Comunque, questo non è abbastanza. Da qui l'importanza degli integratori alimentari a base di olio di alghe. »

READ  Vuoi sapere per quanto tempo vivrai? Ora è possibile grazie alla scienza

Metilfolato, una forma attiva della vitamina B9

Nutrienti come zinco, vitamina D e vitamina B9 sono importanti. Guillaume Fond offre anche il metilfolato, una forma attiva di vitamina B9 che agisce nel trattamento della depressione. Guillaume Fondo: « Si trova principalmente nelle verdure a foglia verde. Ma poiché bisogna diffidare delle cotture che possono distruggere o alterare la vitamina B9, consigliamo invece insalate verdi ricche di fibre e vitamine del gruppo B.

Il resto è da ascoltare…

Nel grembo materno

22 minuti

con

  • Sebastian Bohler, giornalista scientifico, redattore capo della rivista Cerveau et Psycho, promotore della psicologia evoluzionistica, esperto nella divulgazione del lavoro scientifico.
    Cervello e psiche, N. 165, maggio 2024: Come nutrire meglio il cervello? »
  • Guillaume Fond, psichiatra e ricercatore presso gli Ospedali Universitari di Marsiglia, docente alla Facoltà di Medicina, autore del libro “Mangia bene per fermare la depressione” (a cura di Odile Jacob) e di un e-book gratuito sui fondamenti dell'alimentazione psicologica (a cura di sito web nutrizione psicologica.co). Instagram: Dr_Guillaume_Fond
  • Sophie LayNeurobiologo, Direttore della ricerca presso il Centro INRAE ​​di Neurobiologia e Nutrizione, Co-direttore del Laboratorio Internazionale OptiNutriBrain (Direttore dell'Unità NuriNeutro), Coordinatore della Rete Internazionale di Ricerca Food4BrainHealth
  • Catherine Lacrosnièrenutrizionista, laureato alla Facoltà di Medicina dell'Ouest Paris, editorialista di nutrizione per la rivista Top Santé, cucina contemporanea e corsa internazionale