Dicembre 2, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Morbo di Alzheimer: infilarsi un dito nel naso, fattore che favorirebbe la demenza

Secondo i ricercatori australiani, stuzzicarsi il naso può aumentare il rischio di demenza e persino del morbo di Alzheimer.

Questa conclusione può sembrare sorprendente. Ma secondo gli scienziati della Griffith University di Brisbane, in Australia, grattarsi il naso può aumentare le possibilità di sviluppare malattie degenerative, come la demenza o l’Alzheimer.

studi sugli animali

“Siamo i primi a dimostrare che C. pneumoniae può viaggiare direttamente dal naso al cervello dove può portare a condizioni simili a malattie. Alzheimer. L’abbiamo visto nei topi e probabilmente è spaventoso anche per gli esseri umani”. In un comunicato stampaIl professor Saint John è uno degli autori dell’articolo.

Il clamidia pneumoniae È un batterio che ha la capacità di attaccare il cervello e stabilirsi in questa zona del corpo umano. Dopo diversi test sui roditori, gli scienziati hanno notato che il cervello dei roditori è stato colpito in meno di 72 ore. Entro 2-28 giorni compaiono i primi segni del morbo di Alzheimer.

L’uomo, il futuro bersaglio degli esperimenti

in questo momento, Scienziati Speriamo di condurre uno studio simile sugli esseri umani per saperne di più sul meccanismo che colpisce i roditori.

Il professor St John ha aggiunto: “Questa è una ricerca che è stata suggerita da molte persone, ma non è ancora completa”.

READ  gli obiettivi climatici 2030 validi per l'iniziativa Science Based Targets