Maggio 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il mistero del “cuore” di Plutone è stato finalmente risolto

Il mistero del “cuore” di Plutone è stato finalmente risolto

Mentre gli scienziati lottano per riportare Plutone al suo status di pianeta, il mistero del suo “cuore” bianco è stato senza dubbio risolto. Questo “cuore” è in realtà un'enorme missione a forma di cuore che è stata rivelata nel 2015 grazie alla navicella spaziale New Horizons. Si chiama il “Cuore di Plutone”.

Il suo vero soprannome è Regione di Tombaugh, dal nome di Clyde Tombaugh, l'astronomo che scoprì Plutone nel 1930. Per quasi 10 anni, la sua geologia e la sua forma originale, così come la sua superficie notevolmente riflettente, furono più bianche del resto di Plutone. , gli scienziati intrigano.

Una ciotola piena di ghiaccio d'azoto

Esiste un bacino profondo chiamato Sputnik Planitia, che forma il “lobo sinistro” del nucleo e quindi contiene una grande quantità di ghiaccio di azoto di Plutone. Questo bacino si estende su un'area di 1.000 km per 2.000 km. È quattro volte più grande della Francia e si trova ad un'altitudine compresa tra i 3.000 e i 4.000 metri. O l'equivalente del Monte Bianco fino alla sua vetta. Al contrario, il “lobo destro” del nucleo è molto più sottile, ma contiene anche uno strato di ghiaccio di azoto.

Quindi la domanda è: come si è formata questa regione? Una recente ricerca sullo Sputnik Planitia ha permesso a un team internazionale di scienziati di trovare l’inizio della risposta. Dopo analisi comprensive di simulazioni numeriche, i ricercatori hanno dimostrato che all'origine della formazione del nucleo c'era un evento catastrofico. Più precisamente, un corpo celeste con un diametro di circa 700 chilometri probabilmente entrò in collisione con Plutone all'inizio della sua storia.

READ  "Titanic nel cuore del relitto", giovedì 29 settembre in Francia 5 (video)

Il software ha permesso di modellare l'effetto

È quanto emerge da uno studio pubblicato su Astronomia della naturaQuesto team di ricercatori ha già rivelato alcuni segreti del nostro sistema solare, come le irregolarità sul lato nascosto della Luna, anch'esse senza dubbio causate da collisioni.

Per raggiungere queste conclusioni, i ricercatori hanno creato simulazioni numeriche utilizzando il programma Smoothed Particle Hydrodynamics, che costituisce la base per un’ampia gamma di studi sulle collisioni planetarie. Questa applicazione ha permesso di sviluppare diversi scenari dei possibili impatti, velocità, angoli e combinazioni della collisione teorica di questo corpo celeste con Plutone.

Fonte immagine: Università di Berna / Illustrazione: Thibaut Roger

Pertanto, gli scienziati hanno capito che questo corpo celeste potrebbe essersi scontrato con Plutone con un angolo obliquo e non frontale. “Il nucleo di Plutone è così freddo che questo elemento è rimasto molto solido e non si è sciolto nonostante il calore dell'impatto “L’autore principale dello studio, il dottor Harry Ballantyne, ricercatore associato presso l’Università di Berna in Svizzera, scrive in un articolo dichiarazione. “Grazie al basso angolo di impatto e alla velocità, l’essenza di questo elemento non è affondata nel cuore di Plutone, ma è rimasta intatta come uno spruzzo d’acqua su di esso”.

All’interno del sistema solare, le collisioni sono meno violente

Questo è anche ciò che dà la forma a “lobo” alla zona interessata. Altri tipi di effetti più veloci e diretti avrebbero creato un aspetto più simmetrico. “Siamo abituati a pensare alle collisioni planetarie come eventi incredibilmente intensi i cui dettagli sono sconosciuti tranne che per cose come energia, quantità di moto e densità. Ma in un sistema solare distante, le velocità sono molto più lente e il ghiaccio solido è davvero solido, e lo è per essere molto più precisi nei calcoli. È qui che inizia il divertimento.” Conclude il coautore dello studio Eric Asfaugh, professore al Lunar and Planetary Laboratory dell'Università dell'Arizona, in un comunicato stampa.

READ  Un uomo con psicosi dopo aver contratto un'infezione da Covid