Maggio 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“Più di 300.000 contribuenti” hanno presentato la dichiarazione dei redditi tramite l’applicazione mobile, rileva il direttore generale delle Finanze pubbliche

“Più di 300.000 contribuenti” hanno presentato la dichiarazione dei redditi tramite l’applicazione mobile, rileva il direttore generale delle Finanze pubbliche

“Più di 300.000 contribuenti” Hanno presentato la dichiarazione dei redditi tramite l’applicazione fiscale mobile, uno strumento disponibile per la prima volta quest’anno, ha osservato lunedì 6 maggio Amelie Verdier, direttrice generale delle finanze pubbliche (DGFIP).. Da oggi, infatti, è possibile dichiarare i propri redditi 2023 tramite l’applicativo fiscale, soprattutto nelle situazioni più semplici che richiedono pochi correttivi. “È un successo e dimostra che questa formula pubblicitaria funziona bene.”Accoglie il direttore generale della Finanza pubblica. Gli annunci sono ancora possibili anche su impots.gouv.fr. La campagna si estende fino al 6 giugno per alcuni dipartimenti.

Anche se ora la vostra imposta sul reddito viene trattenuta alla fonte, dovreste controllare la vostra dichiarazione ed eventualmente correggerla. Nel 2023, ad esempio, il 17% dei contribuenti non ha presentato la dichiarazione patrimoniale dopo ripetuti errori. Amelie Verdier ci tiene a sottolineare che è necessario fare questo: “Il dipartimento delle imposte non sa tutto, deve dirci chi vive dove, chi vive nella residenza che possiedi, qual è la tua residenza principale e qual è la tua residenza secondaria, ecc. L’anno scorso, le persone si sono trovate accusate ingiustamente, e poi… Alleggerirli”. Se il proprietario dimentica, rischia una multa di 150 euro per edificio non dichiarato.

franceinfo: Qual è il primo commento sull’applicazione che ti permette di dichiarare i tuoi redditi tramite il telefono?

Emilia Verdier : Abbiamo già più di 300.000 contribuenti, compreso il ministro del Bilancio, Thomas Cazenove, che mi ha fornito alcuni feedback da parte degli utenti, quindi è un successo. Ciò dimostra che questo formato pubblicitario, soprattutto per tutto ciò che è un semplice annuncio, funziona bene.

È più per affermazioni semplici, dove non ci sono molte cose da correggere?

esattamente. È proprio così, sapendo che altrimenti possiamo continuare ad andare su Internet impots.gouv.fr.

Nel 2023 ci sono stati non pochi errori nella dichiarazione degli immobili con diversi differimenti e alla fine il 17% dei contribuenti non lo ha fatto affatto. Come evitarlo quest’anno ?

C’è ancora un’ampia maggioranza che lo ha fatto e vorrei ringraziarli. E’ vero che l’anno scorso abbiamo incontrato difficoltà e abbiamo sviluppato applicazioni. Forse ci ricorda semplicemente che l’amministrazione fiscale non sa tutto. E in effetti sì, devi dirci chi abita nella casa che possiedi. Quando affitti, qual è la tua residenza primaria o secondaria?

“È vero che l’anno scorso ci sono state persone che si sono trovate tassate ingiustamente e si sono viste ridurre le tasse”.

Emilia Verdier

Sulla Francia Info

Ma in realtà quest’anno di solito siamo più fidanzati.

READ  Ecco come dovrebbe essere la versione sportiva della berlina elettrica

In caso di dimenticanza il proprietario rischia una multa di 150 euro per ogni edificio non dichiarato. L’anno scorso non ci sono state multe. Come andranno le cose quest’anno? ?

Ripeto, invito tutti i proprietari e gli occupanti ad annunciare dove si trovano. Ancora una volta, lo ripeto, l’obiettivo del fisco non è imporvi multe o aggiustamenti, ma spiegarvi come funziona, per farvi sentire sicuri. Soprattutto, puoi chiamarci, inviarci un’e-mail o venire a trovarci se hai domande.

Un’altra preoccupazione emersa quest’anno: il reddito generato dagli alloggi ammobiliati di Airbnb non viene registrato sistematicamente, con il risultato che sono colpite 1 milione di persone.

Se affitti la tua residenza su una piattaforma, devi dichiarare il reddito associato a tale locazione. Ci troviamo in un sistema piuttosto transitorio, in collaborazione con i vicini Stati membri dell’UE. Quest’anno non abbiamo recuperato tutto il reddito corrispondente.

“Solo perché il reddito relativo agli alloggi in affitto non è incluso nelle dichiarazioni precompilate, non è tua responsabilità dichiararlo.”

Emilia Verdier

Sulla Francia Info

I servizi fiscali sono soggetti ad una nuova rete regionale. Ci sono meno sportelli specifici della Tesoreria Pubblica, ma ci sono più punti vicini nei centri servizi e nei consigli comunali. È efficace?

È un ritorno maggiore che otteniamo. Si tratta di una riforma ancora molto recente, che ha permesso di professionalizzare i servizi, con agenti della finanza pubblica veramente impegnati a soddisfare le esigenze di tutti, e anche di adattarsi meglio alla rete puntuale del territorio. Pertanto, la finanza pubblica è presente in tutti i dipartimenti ed esiste una rete specifica di sottodipartimenti. Organizziamo infatti incontri nelle case di servizio francesi dove possiamo fissare un appuntamento video, ma anche di persona, per formare i consulenti in modo che possano rispondere alle prime domande delle hotline del municipio. E infatti lo facciamo in modo molto preciso, cioè definiamo le cose a livello locale.

READ  Le smic va augmenter automatiquement de 2,01% le 1er août en raison de l'inflation

Ciò significa una riduzione del personale e la scomparsa dei servizi statali in alcune comunità rurali?

Concretamente, oggi, dopo questa riforma chiamata Nuova Rete di Prossimità, abbiamo più punti di contatto di prima perché in realtà ciò che interessa alle persone non è sapere se c’è il logo della finanza pubblica sulla facciata dell’edificio dove si trovano andando, ma si tratta di arrivare a rispondere, a parlare con qualcuno, questo per noi è molto importante. C’è davvero una cultura molto forte da servire per la DGFIP e per questa rete regionale. E lo ripeto, puoi farlo anche telefonicamente allo 0 809 401 401 o tramite messaggistica sicura tramite il tuo spazio Internet.

Quindi meno flusso di cassa non significa meno dipendenti?

Non è questo che determina lo sviluppo della forza lavoro della DGFIP. Il nostro costante interesse, e sarà anche il mio interesse in futuro, è quello di essere il più vicino possibile alle esigenze degli utenti. Ancora una volta, è meglio avere la persona giusta che risponda al telefono in caso di necessità piuttosto che qualcuno che non si conosce. E abbiamo una riforma che richiederebbe molti agenti fiscali che vorrei elogiare, poiché ce ne sono molti che hanno cambiato la loro missione, sono andati avanti o hanno dovuto riorganizzarsi.

“Ci sono luoghi in cui diamo il via a quella che chiamiamo deurbanizzazione dei call center, e non è meno efficace”.

Emilia Verdier

franceinfo

Soprattutto, ci sono sempre luoghi in cui apriamo i servizi, quindi non si tratta di un movimento solo in una direzione verso la riduzione del servizio pubblico, ma piuttosto nel contrario.

Quindi non è perché non c’è fisicità, dove non abbiamo una persona fisica davanti a noi o al telefono, quando in realtà abbiamo un problema?

READ  La fuoriuscita di petrolio non giustifica l'arresto del gasdotto Nord Stream, regola Siemens dopo l'annuncio di Gazprom

Ci andrò venerdì 10 maggio. Come sapete, ci sono molti francesi che colmano il divario, ma i servizi pubblici saranno lì per rispondere, se necessario. Quindi, ancora una volta, ciò che conta per noi è avere la risposta giusta in base alle esigenze degli utenti.

La misura dell’imposta sul reddito del 4,8% è stata adeguata all’inflazione in modo che i contribuenti non risentano finanziariamente dell’aumento dei prezzi. Non è facile per le finanze pubbliche: un deficit di sei miliardi di euro. Lo scorso anno abbiamo riscontrato un gap di 21 miliardi di euro nei ricavi totali. Cosa preferiresti: essere processato per incompetenza o slealtà?

Ti trovo un po’ duro. C’era un divario tra le aspettative di fine anno e ciò che effettivamente abbiamo osservato. Abbiamo avuto ottime dichiarazioni dei redditi durante l’inizio dell’anno, quindi non è che non vogliamo vederle. Le entrate fiscali erano buone fino all’inizio dell’anno scolastico. Per il momento fermiamo le cose, a settembre, ma fino all’inizio di ottobre. E poi quello che succede è che c’era già e lo stiamo ancora analizzando.

“Forse siamo rimasti un po’ sorpresi dal fatto che l’inflazione abbia rallentato in modo significativo”.

Emilia Verdier

Sulla Francia Info

Vediamo molto chiaramente che l’IVA è basata sul fatturato, quindi meno inflazione, meno IVA, meno imposte sul reddito, meno imposte sulle società, un’imposta grazie alla quale le aziende hanno una capacità abbastanza ampia di sapere quanto stanno versando nelle finanze pubbliche. Nell’anno in questione fanno previsioni sui loro guadagni per l’anno successivo. Quindi vedremo anche cosa accadrà nei prossimi mesi. È quindi ovviamente molto importante poter rendere le nostre previsioni affidabili ed essere completamente trasparenti su ciò che sta accadendo. È un po’ difficile seguire il divario tra questa situazione economica, che era abbastanza buona, e le tasse, che non erano al livello adeguato.