Luglio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il gruppo RTL rinuncia finalmente a vendere l’M6

Il gruppo RTL rinuncia finalmente a vendere l’M6

Il gruppo Bertelsmann ha deciso di dedicare tempo. “Lavoriamo da quasi due anni per rafforzare questo settore. Forse questo progetto era troppo presto. Ce ne rammarichiamo”, ha detto Nicholas de Tavernoust.

Il kit M6 non sarà venduto. Lunedì sera, dopo un fine settimana di meditazione, il gruppo Bertelsmann ha deciso di concedersi del tempo. “Abbiamo ricevuto tre offerte, tutte di alta qualità. Tuttavia, il gruppo RTL dei nostri azionisti, in consultazione con noi, ha ritenuto necessario migliorare la stabilità in un quadro normativo complesso, Si riferisce a Nicholas de Tavernoust, presidente dell’M6, prima di aggiungere: “ Sono così felice di continuare l’avventura con RTL Group che accompagna la nostra storia di successo da 35 anni».

Lo scorso fine settimana, tre offerte confermate erano sul tavolo. Premiere di FL Entertainment, leader mondiale nella produzione audiovisiva (Banijay) controllata da Stéphane Courbit, associata a Rodolphe Saadé, presidente del colosso navale CMA-CGM, e Marc Ladreit de Lacharrière (Fimalac). Il secondo è formato da Xavier Niel, presidente di Free e MediaForEurope, il gruppo della famiglia Berlusconi. Il terzo, infine, è stato coniato dal miliardario ceco Daniel Kretinsky, che ha un gruppo stampa in Francia con CMI (Ciao Mariano).

Il primo ha valutato anche la partecipazione di Bertelsmann in M6 a circa 1,2 miliardi di euro, o 20 euro per azione. Ciò costituisce un premio di quasi il 57% rispetto all’attuale prezzo dell’azione, circa 12,40 euro. Ma la vendita della M6, dopo la mancata fusione con la TF1, ha comportato molte insidie. Dopo aver ricordato in un comunicato stampa che “M6 è una delle società televisive meglio gestite in EuropaThomas Rabe, CEO di Bertelsmann, proprietario della M6 tramite RTL Group, ha giustificato con precisione la sua decisione di mantenere la sua quota del 48,3% attraversoRischi legali e incertezze eccessivi».

READ  Il vortice infernale delle vittime delle false piattaforme di investimento

Benoit Courier, presidente dell’Autorità garante della concorrenza (ADLC), e Roch Olivier Meister, presidente di Arcom, hanno avvertito la scorsa settimana davanti al Senato che il calendario era “Incasinato”. La licenza di trasmissione M6 su DTT deve essere già rinnovata a maggio 2023 da Arcom. Trascorso tale termine, ogni variazione del controllo di frequenza sarà impossibile per cinque anni, secondo le disposizioni di legge. Il problema, però, era che lo studio del cambio di capitale, soggetto al controllo di Arcom o addirittura al via libera dell’Autorità garante della concorrenza, avrebbe richiesto più tempo. Un sacco di tempo, hollow mi ha fatto capire Arcom e ADLC.

«Lavoriamo da quasi due anni per rafforzare questo settore. Forse questo progetto era troppo presto. Siamo così dispiaciuti“, apprezza Nicolas de Tavernost. Adesso si volta pagina e la M6 vuole andare avanti”.Sono felice di vedere l’interesse per il nostro gruppo. Era molto forte. Il gruppo rimarrà l’obiettivo principale per il consolidamento dell’industria televisiva francese. Continuiamo ad essere attraenti per i partner locali e internazionali. RTL non prevede di cedere il controllo della M6. Ma nulla ci impedisce di collaborare in un modo o nell’altro con altri partner.».

Guarda anche – TF1 e M6 annunciano l’abbandono del progetto di fusione