Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Molta elettricità viene venduta… a un prezzo negativo

Molta elettricità viene venduta… a un prezzo negativo

Questo era ieri… Nel 2022, mentre l’Europa si stava già privando del gas russo, la Francia temeva di rimanere senza elettricità, poiché sedici dei 56 reattori nucleari di EDF furono colpiti da un inaspettato fenomeno di corrosione di alcuni circuiti. Per questo RTE, il gestore del sistema elettrico francese, ha invitato i cittadini a ridurre i consumi. E vengono presi in considerazione anche gli sconti.

Ora, a volte, e spesso, la situazione è opposta. Produciamo molta elettricità in Francia e in Europa. Un esempio recente: nel fine settimana del 13 e 14 aprile, l’EDF ha spento sei reattori e ha ridotto al minimo l’attività di dozzine di altri. Così la potenza del parco in servizio, da 61,4 gigawatt al massimo teorico, è stata ridotta di un terzo per poche ore.

Perché ? Poiché coincidono periodi di basso consumo (lenta attività industriale nei fine settimana e nei giorni festivi, meno riscaldamento se la temperatura aumenta) e di alta produzione, quando il vento e il sole attivano turbine eoliche e pannelli solari, sono del resto più numerosi in Francia e in Europa.

Pertanto, in un mercato elettrico all’ingrosso negoziato il giorno prima del successivo (mercato a pronti), il prezzo dell’elettricità può diventare… negativo. Così, sabato 13 aprile alle 14, il megawattora è stato “venduto” a 55 euro. Ciò significa che i produttori di elettricità hanno dovuto pagare questo importo affinché la rete potesse assorbire l’elettricità.

Invece, in un giorno feriale come venerdì 17 maggio, alle 8 del mattino, quando la domanda nelle case francesi era alta e i pannelli solari non avevano ancora raggiunto la piena capacità, un megawattora è stato venduto per circa 90 euro.

READ  Standard & Poor's abbassa il rating del debito francese da "AA" a "AA-"

Non nelle ore di punta del pomeriggio?

Il fenomeno non è nuovo, ma sta diventando sempre più frequente. In Francia, il numero di ore con tariffa elettrica negativa non raggiungeva le venti ore prima del 2020 (anno del Covid), quando raggiunse le cento ore. Ma nel 2023 ha raggiunto le 120 ore. È già esploso dall’inizio del 2024.

“Il fatto che gli episodi di prezzi negativi siano più numerosi in Francia, come in tutta Europa, non è un problema di per sé.” Lo dice Matteo Perzo, direttore mercato elettrico di RTE. “Un prezzo negativo è un segnale dato dal mercato affinché i produttori possano smettere di produrre”.

Pertanto i pannelli solari vengono disattivati ​​e le turbine eoliche limitate, sia perché lo prevede il contratto con lo Stato, sia perché continuare la produzione diventa troppo costoso per gli operatori.

Inoltre, gli investitori privati ​​stanno sviluppando una flotta di grandi batterie elettriche in grado di immagazzinare per diverse ore l’elettricità in eccesso prodotta durante le ore soleggiate, da vendere quando i prezzi sono più favorevoli. Pertanto, il parco batterie di stoccaggio francese è passato da meno di 100 MW nel 2020 a 700 MW nel 2023.

Da parte sua, EDF sta lavorando per aumentare la propria flessibilità nell’esercizio della sua flotta nucleare e sta rivedendo i periodi di manutenzione o di ricarica del combustibile tenendo conto dell’aumento della produzione di energie rinnovabili, soprattutto dalla primavera all’autunno.

D’altra parte, una certa produzione, in particolare quella di pannelli solari per privati, non può essere fermata, a condizione che EDF si impegni ad acquistarla. Ciò non costituisce un problema tecnico, come sottolineiamo noi di RTE, poiché l’energia elettrica in eccesso trova un acquirente per l’esportazione.

READ  Gorilla tedesco raccoglie miliardi di dollari

Matteo Perzo ritiene però che sarà necessario «Trovare modi per sviluppare il consumo di elettricità durante i picchi di produzione corrispondenti alle ore soleggiate, tra le 10:00 e le 17:00 » Questo, per esempio “Con incentivi sui prezzi per le attività industriali, la produzione di idrogeno tramite elettrolisi dell’acqua, stoccaggio di calore o freddo o anche il consumo privato”.

La Commissione per la Regolazione Energetica (CRE), che controlla molti regolatori del mercato e i prezzi dell’elettricità, ha appena chiesto a Enedis (il gestore della rete locale) di lavorare sulla riforma delle ore non di punta, che sono le più economiche per alcuni abbonamenti.

Durante questo periodo, che cade tra le 20:00 e le 8:00 e tra le 12:00 e le 17:00, gli scaldabagni vengono gestiti tramite contatori Linky e le persone sono incoraggiate a utilizzare lavatrici e lavastoviglie per controllare la ricarica dei veicoli elettrici. E altri dispositivi ad alta intensità elettrica, grazie all’indicatore dell’orologio senza carbonio EcoWatt. Ora possono concentrarsi durante il picco di produzione dei pannelli solari.