Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’incontro con un beduino ha salvato vite umane durante un rave in Israele

L’incontro con un beduino ha salvato vite umane durante un rave in Israele

Il 7 ottobre, un autista di minibus beduino ha evacuato 30 giovani che erano stati attaccati da Hamas nel luogo del festival vicino alla Striscia di Gaza. Da allora l’uomo ha ricevuto minacce di morte, ma anche messaggi di sostegno da tutto il mondo.

È la storia di un uomo diventato un eroe nazionale in Israele, un autista di minibus beduino musulmano. Il 7 ottobre ha salvato decine di giovani intrappolati nel luogo del concerto vicino alla Striscia di Gaza, che era stata invasa dai combattenti di Hamas prima di uccidere decine di persone.

Dal 7 ottobre, Youssef Ziadna è confinato nella sua casa a Rahat, nel sud di Israele, per la maggior parte del suo tempo. “Non sono così bravo”, Fiducia . “Ci sto pensando, non riesco nemmeno più a dormire. Uno psichiatra mi segue. Non ho ripreso a lavorare, quindi non ho più un reddito e ho una famiglia da mantenere”.

Questo beduino, padre di sette figli, è un miracolo. La mattina dell’attacco di Hamas, all’alba, ha ricevuto una telefonata dai clienti che aveva portato sul luogo della festa il giorno prima. Lo pregano di venire a prenderli perché i combattenti di Hamas si sono infiltrati e hanno massacrato i partecipanti al festival.

“Quando sono arrivato lì, mi sono trovato sotto pesanti colpi di arma da fuoco. È stato terrificante.”

Youssef non c’è

In Francia Informazioni

“Io sono israeliano, loro sono israeliani, e non mi sono nemmeno fatto nessuna domanda”.Youssef Ziadna dice. “Mi sono detto: ‘Devo andare a salvare loro la vita’. Il mio minibus era stato progettato per contenere 14 passeggeri, ma io potevo ospitarne 30. Ho anche visto un combattente di Hamas su un aliante che volava intorno a noi, che sparava tra la folla”.

Ma la parte più difficile deve ancora arrivare, ora dobbiamo lasciare l’area della festa sotto costante fuoco d’arma da fuoco. La sua piena conoscenza del terreno sarà fondamentale.

“Per tornare ho evitato la strada principale perché c’erano dei terroristi di Hamas che tendevano delle imboscate. Ci avrebbero ucciso.”

Youssef non c’è

In Francia Informazioni

“Così ho preso strade tra i campi, strade sterrate, I beduini continuano Prima di arrivare al Kibbutz Tzelem, dove finalmente eravamo al sicuro. Mi sono accorto che una lunga fila di macchine mi seguiva, guidate da giovani ai quali avevo aperto la strada”.

Da questo episodio Youssef Ziadna ha ricevuto minacce di morte. “Era lunedì, ho ricevuto una telefonata da uno che si è presentato come di Hamas e mi ha detto: ‘Hai salvato la vita a 30 ebrei. Verremo e ci prenderemo cura di te”. Allora gli ho chiesto di andare all’inferno, e sono andato a sporgere denuncia.” Ma l’autista del minibus ha ricevuto anche messaggi di sostegno da tutto il mondo. Questa è la sua migliore ricompensa.

READ  11 paesi, tra cui la Francia, firmano una dichiarazione congiunta per "spingere il Regno Unito a onorare l'accordo sulla Brexit"