Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I sopravvissuti del Kibbutz Beri testimoniano un mese dopo

I sopravvissuti del Kibbutz Beri testimoniano un mese dopo

I sopravvissuti al massacro di Hamas del 7 ottobre nel Kibbutz Berei hanno parlato a BFMTV un mese dopo la tragedia.

Ricostruisci te stesso, dopo un mese di terrore. BFMTV ha incontrato una famiglia israeliana sopravvissuta agli attacchi di Hamas al Kibbutz Beri il 7 ottobre. Questo villaggio agricolo collettivo si trova nel sud di Israele, a quattro chilometri dal confine con la Striscia di Gaza, dove i terroristi del movimento islamico palestinese hanno lanciato il loro attacco nel sud di Israele.

Secondo l’ONG umanitaria Zakka, lì sono stati uccisi più di 100 residenti. Michel ha perso i suoi genitori durante l’attacco. Si è rifugiata in un rifugio e ha comunicato con loro tramite SMS fino all’ultimo minuto.

“Alle 12:15, mia madre mi ha mandato un messaggio per l’ultima volta, ‘aiuto’, e basta”, ricorda.

Dopo essere stata ricoverata in un hotel con la sua famiglia, la nativa di Perry crede che “questo non sia il momento di essere tristi” e sta aspettando il momento in cui “troverà una casa”. Sostenitrice della coesistenza pacifica tra israeliani e palestinesi, non è sicura se un giorno vorrà tornare a vivere nel suo kibbutz.

Suo figlio Erbil ricorda “la tensione, la tristezza e le domande: quando arriveranno finalmente i soldati? Cosa succede agli altri residenti?”

Il Kibbutz Berry, insieme al luogo del rave party, o Kibbutz Kfar Azza, rappresenta uno dei luoghi più colpiti dall’attacco di Hamas, che ha causato la morte di oltre 1.400 persone da parte israeliana, la maggior parte dei quali erano civili uccisi a colpi di arma da fuoco. , bruciato vivo o morto. Alla mutilazione il primo giorno dell’aggressione.

READ  Sur Telegram, la moitié des contenus sur la Shoah "nient ou falsifient les faits", selon une étude