Ottobre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La Turchia ripristina pienamente le relazioni diplomatiche con Israele e ricorda il suo sostegno alla “causa palestinese”

La Turchia conferma che non abbandonerà la causa palestinese. Mercoledì 17 agosto Israele ha annunciato la piena ripresa delle relazioni diplomatiche con Ankara e il ritorno degli ambasciatori nei due Paesi. “Si è deciso di elevare il livello delle relazioni tra i due paesi al livello di piene relazioni diplomatiche e di restituire ambasciatori e consoli generali nei due paesi”.Lo ha detto il primo ministro israeliano Yair Lapid in una nota.

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha sottolineato che la Turchia “Non abbandonerò la causa palestinese” Continuerà Per difendere i diritti dei palestinesi, di Gerusalemme e di Gaza.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Tra Israele e Turchia, la riconciliazione a piccoli passi

Tuttavia, l’annuncio non è stato ben accolto da Hamas. Nessuna normalizzazione con l’occupante [israélien] Legittima la sua presenza nelle nostre terre”.reazione di movimento. “Ci aspettiamo che tutti i paesi arabi, islamici e amici isolino l’occupante e facciano pressione su di esso affinché risponda ai diritti legittimi dei palestinesi”.Basem Naim, un membro del movimento armato palestinese a Gaza, ha detto all’AFP.

Dodici anni di freddo diplomatico

Le relazioni bilaterali tra Israele e Ankara si sono inasprite nel 2010 con condizione Marmara Blu, quando le forze israeliane hanno lanciato un attacco mortale contro questa nave turca che stava cercando di fornire aiuti alla Striscia di Gaza, l’enclave palestinese sotto l’assedio israeliano. seguendo per Questo evento, Ankara ha adottato una serie di misure: espellere l’ambasciatore israeliano, Sospensione degli accordi militari bilateraliProcedure dinanzi alla Corte internazionale di giustizia per impugnare l’assedio imposto a Gaza.

READ  l'Otan condamne les frappes "irresponsables" de l'armée russe sur la centrale nucléaire de Zaporijjia, dont elle a pris le contrôle

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, un convinto sostenitore della causa palestinese, ha spesso criticato le politiche israeliane nei confronti dei palestinesi. Nel maggio 2018, dopo che una cinquantina di palestinesi sono stati uccisi dall’esercito israeliano a Gaza, la Turchia ha richiamato il suo ambasciatore in Israele ed ha espulso l’ambasciatore israeliano. Israele ha risposto riportando il console generale turco a Gerusalemme.

interessi strategici comuni

Nonostante le tensioni, israeliani e turchi mantennero canali di discussione, A volte un segretoGettare le basi per la normalizzazione delle relazioni tra di loro. I due Paesi hanno anche aperto una nuova era nelle loro relazioni negli ultimi mesi, segnata in particolare dalla storica visita del presidente israeliano Isaac Herzog ad Ankara nel marzo 2022. – A fine maggio una visita a Gerusalemme nel quadro di questo tracollo diplomatico .

Già nel novembre 2021, il signor Erdogan ha parlato al telefono con il suo omologo israeliano ed ex primo ministro Naftali Bennett – i primi colloqui di questo tipo dal 2013 – in occasione del rilascio e del rimpatrio dei turisti israeliani detenuti in Turchia. spiando.

L’annuncio della ripresa dei pieni rapporti arriva anche in un momento La Turchia deve affrontare un’inflazione elevata e un crollo della valuta. Nel gennaio 2022, Erdogan ha annunciato che il suo paese era pronto a collaborare con Israele al progetto del gasdotto del Mediterraneo orientale, a cui una volta si era opposto.

La questione della cooperazione energetica tra i due paesi, sullo sfondo delle scoperte di giacimenti nel Mediterraneo orientale, è diventata più urgente con molti paesi europei che cercano di ridurre la loro dipendenza dal gas russo.

READ  Il delta variabile aumenterebbe il rischio di reinfezione

Il mondo con AFP