Luglio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La Flèche Wallonne – ‘Forse il miglior velocista di tutti i tempi’: la competizione si ritira a Tadej Pogacar

La Flèche Wallonne – ‘Forse il miglior velocista di tutti i tempi’: la competizione si ritira a Tadej Pogacar

C’era una strana sensazione appollaiato in cima al muro di Huy, teatro della nuova mostra di Tadej Pogacar (UAE). Sul macadam altico della diga vallona, ​​il prodigio Cominda ha acceso ancora una volta la concorrenza con il suo ineguagliabile talento. Versatile, abile e ora perfettamente sostenuto, lo sloveno ha usato tutte le sue armi per domare un campo così scarso, soprattutto in assenza di Julian Alaphilippe o Dylan Tunis, vincitore dello scorso anno.

Impegnandosi in una classica di cui fino ad ora non ha mai sorriso, “Pogi” ha rotto un nuovo soffitto di vetro, diventando il quarto corridore della storia a vincere la coppia Amstel-Flèche nello stesso anno. La tripletta delle Ardenne ora lo raggiunge, un’impresa precedentemente raggiunta solo da David Repplin (2004) e Philippe Gilbert (2011). Questo mercoledì, la sceneggiatura è cucita con filo bianco. “Volevamo iniziare dall’inizioIl vincitore ritorna il giorno dopo il completamento. Volevamo rendere la gara più impegnativa e penso che i miei compagni di squadra abbiano pagato all’arrivo guidando per 200 km. Questo era ciò che era stato pianificato. “

Freccia e colore

La caduta… che Pogacar ha evitato per poco

10 ore fa

Un anno e un mondo a parte: Pogacar è volato dove si è rotto nell’anno 2022

Non molte persone sono motivate a provare qualcosa

Questa volta non c’è stata improvvisazione in funzione dei movimenti della gara, come ad Amstel, dove lo sloveno si è ritrovato presto davanti quasi suo malgrado. Su Flèche, Pogacar ha permesso ai suoi compagni di squadra di eliminare ogni volontà audace e ha dissuaso alcuni coraggiosi dal prolungare i loro sforzi al fronte. Partito a 34 chilometri dal traguardo, Louis Vervaeke (Soudal – Quick Step) è stato l’ultimo superstite della fuga, inghiottito dal gruppo dei favoriti ai piedi del muro di Huy. Da solo, il belga è stato sorpreso da un gruppo intriso di totale abbandono di fronte all’insolente superiorità di Pogacar.

READ  diretto. Stadio del Tolosa: il Tolosa batte l'Ulster a Belfast e si qualifica agli ottavi! Guarda la trasmissione in diretta dopo la partita

non so (perché ci sono stati così pochi attacchi, ndr), Vedere Cochrane Firefox. Apparentemente, non molte persone erano ansiose di provare qualcosa. Più squadre avrebbero dovuto attaccare oggi. Frustrazione meno visibile in bocca a Mikel Landa, terzo mercoledì, nonostante il basco abbia riconosciuto la supremazia del doppio vincitore del Tour de France (2020, 2021):Essere secondo a Pogacar significa essere il primo degli altri corridoriammette. È semplicemente superiore. “

Pogacar e l’Emirates, testacoda e poi colpo di grazia: “Volevamo rendere la gara più difficile”

Questa mattina mi sono detto che sarei stato molto felice di ottenere il secondo posto dietro a Pogacar

Citato tra i seri outsider quel giorno, insieme al compagno di squadra Giulio Ciccone, Matthias Skgelmos (Trek – Segafredo) ha convalidato un inizio di stagione positivo con un secondo posto a Flèche. Alla domanda sul dominio del suo carnefice, Dane ha tradotto l’idea prevalente che il suo plotone fosse stato reso impotente. “Sì, è come una vittoria (secondo posto dietro a Pogacar, ndr), Ammette dopo la fine. Questo è quello che mi sono detto questa mattina, sarò molto felice di ottenere il secondo posto dietro a Pogacar. Ho cercato di stargli vicino, e abbiamo cercato di seguirlo il più a lungo possibile. Altri corridori ci hanno provato, ma la squadra degli Emirati Arabi Uniti ha fatto molto bene. “

Skjelmose non è avaro di elogi e il meglio deve ancora venire. “Potrebbe essere il miglior corridore di sempreLo scandinavo si infiamma. Penso che la sua unica debolezza sia quando diventa così ansioso in una gara che si dimentica di mangiare. Jumbo-Visma ne ha beneficiato l’anno scorso, ma non credo che ripeterà lo stesso errore. Tadig è solo il corridore del secolo. Speriamo di avvicinarci al suo livello, ma al momento non ha punti deboli. L’impresa di calare un orco sloveno si preannuncia così da gigante alla luce della Liegi-Bastogne-Liegi (domenica), anche per lo spessore di Remco Evenepoel (Soudal – Quick Step).

Freccia e colore

Un anno e un mondo a parte: Pogacar è volato dove si è rotto nell’anno 2022

11 ore fa

Freccia e colore

Bidcock, solo 18 anni: ‘Non mi sono ripreso bene’ da Amstel

13 ore fa