Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Campionato francese 1 – “Mocassini” e “Il sogno”: Stade Rennes – Brest, un derby pazzesco e un'atmosfera

Campionato francese 1 – “Mocassini” e “Il sogno”: Stade Rennes – Brest, un derby pazzesco e un'atmosfera

Una bella follia si è impadronita del Parc de Roizon mentre domenica Brest e Rennes hanno giocato un infuocato derby. Nove i gol segnati, uno scenario hollywoodiano ricco di colpi di scena: era semplicemente al chiaro di luna. Ma al termine della partita più gol della stagione nel primo campionato, il sentimento di necessità è diverso da un campo all'altro poiché il Brest è riuscito a ottenere la vittoria con un gol segnato da Liliane Brasier nei minuti di recupero (90 + 6). Ma su una cosa tutti erano d'accordo: è pazzesco. “Nelle ultime settimane abbiamo promosso L1, quindi spero che le persone si divertano davanti ai loro schermi TV. Eric Roy si infilò nel microfono di Canal+.

Domenica gli spettatori si sono sicuramente divertiti. Ma forse capiranno anche perché questa squadra del Brest non è per caso in corsa per la Champions League. Sotto 2-0 dopo nove minuti di gioco, i Finisteriani, nonostante un calo di forma nelle ultime settimane, hanno mostrato straordinarie risorse mentali per rialzare la testa e assicurarsi i tre punti che hanno assicurato loro il mantenimento del prezioso terzo posto. “Se arriviamo al terzo posto è perché ce lo meritiamo”. Brendan Chardonnet, difensore del Brest, lo ricorda con orgoglio.

Una forma di impermanenza e immaturità

La partita di domenica lo ha chiarito. Gli abitanti di Brest non si sono mai arresi. Ha fatto una grande prestazione per battere il Rennes. “Il nostro team è un po’ insolito ma anche molto attraente. (…) Ha cuore e qualità“, rileva Eric Roy. La squadra sorpresa del torneo, il Brest, ha la garanzia di giocare in Europa anche la prossima stagione con questo nuovo successo. “Siamo una squadra di guerrieri e concorrenti. Il finale è inspiegabile ma riassume la nostra stagione, apprezza Jonas Martin. Il terzo a tre giorni dalla fine: anche nei nostri sogni non ci pensavamo“.

READ  Mercato - Paris Saint-Germain: per questa recluta è attivo lo spogliatoio di Luis Enrique

Al contrario, il Rennes si vedeva al terzo posto all'inizio della stagione. Ma da allora, il Rennes ha visto di tutto. Ascendente e discendente. Un po' come questa domenica. Questo non accade realmente nella capitale bretone. “È inaccettabile che subiamo cinque gol in casa. Siamo stupidiBenjamin Bourregood era sconvolto dopo la partita. La stagione non è finita, ma oggi ci è mancato qualcosa e la colpa è solo di noi stessi“.

Abbiamo delle ambizioni…

Il problema dello Stade Rennes è che non è la storia di una partita. Ma è la stagione. “Abbiamo queste lacune nella stagione che ci fanno male“, osserva Julien Stephan. C’è una forma di incoerenza e immaturità che ci fa male in questo tipo di partite. Sono state fatte tante cose buone, nell'uso della palla e nei movimenti offensivi, ma nei momenti caldi dobbiamo riuscire a sprigionare più potenza e più calma. Dovremo cercare di ottenere il settimo posto nella speranza di qualificarci per l'Europa. Non c’è abbastanza rigidità per ottenere il meglio“.

L'osservazione è chiara. E senza appello. Siamo lontani dal discorso di Brest. Perché mentre il Rennes abbassa le sue ambizioni, il Finistère comincia a sognare in grande. Non si nasconde più. “Essendo al terzo posto qualche giorno fa, abbiamo delle ambizioni…“, conclude Brendan Chardonnet, pensando alla C1.