Aprile 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il mercato azionario teme che la crisi bancaria provochi ora una recessione

Il mercato azionario teme che la crisi bancaria provochi ora una recessione

La seduta odierna di borsa è stata ancora una volta molto complicata per i titoli bancari. a Parigi, a Cac 40 (-1,43% alla chiusura, -4% durante la settimana), La Banca Nazionale di Parigi Paribas Chiude in fondo alla classifica, in calo del 2% (-14% sulla settimana), anche se, come confermano oggi molte analisi, la banca francese è una delle più forti d’Europa. nei dati settimanali, Società Generale Segno del più grande calo del Paris Stars Index (-17%).

I fallimenti delle banche regionali negli Stati Uniti (Silvergate Bank l’8 marzo, Silicon Valley Bank il 10 marzo, Signature Bank il 12 marzo) hanno minato la fiducia del pubblico e degli investitori nel sistema finanziario globale. E sebbene le autorità statunitensi ed europee ripetano di essere fiduciose nella propria forza, l’indice europeo degli istituti bancari perde ancora oggi il 2,5% (-11,5% in settimana), mentre credito svizzeroche non fa parte dello Stoxx, è sceso dell’8% dopo un tranquillo rimbalzo del 19% di ieri a seguito dell’intervento della Banca nazionale svizzera (-26%).

Wall Street Banca della Prima Repubblica Recidiva oltre il 20% (-79%). Anche qui c’era il motivo della pacificazione della decisione di ieri di undici delle più grandi banche degli Stati Uniti, tra cui JPMorgan, Citigroup, Bank of America e Wells Fargo, di collocare congiuntamente un deposito non garantito di $ 30 miliardi in quest’altra banca regionale indebolita da una grande fuga di rischio Dai depositi per mostrare la loro fiducia nel sistema, sarà di breve durata.

Leggi anche:

La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, non ha avuto più successo nel suo tentativo di riassicurazione, affermando di aver prestato quasi 12 miliardi di dollari alle banche da domenica nell’ambito del suo nuovo pacchetto di emergenza (Term Bank Financing Program), per un massimo di un anno. L’istituto ha anche affermato ieri di aver prestato 152 miliardi di dollari nell’ultima settimana sotto la consueta finestra per prestiti a breve termine (massimo 90 giorni) al tasso di prestito marginale, rispetto ai soli 5 miliardi di dollari della settimana precedente.

READ  Twitter sospende l'account di monitoraggio del jet privato di Elon Musk

Ci sono diversi motivi per mitigare il rischio di contagio per il settore bancario europeoma l’analista di settore Benoît Valleaux, della banca privata Oddo BHF. Il suo finanziamento è ben diversificato e abbinato a un buon livello di liquidità, con basi di deposito ampie e abbastanza stabili per i clienti (la maggior parte delle basi di deposito in Europa proviene da privati). Trovare “Finora i flussi di deposito sono ancora corretti” Chiede di non estrapolare l’intero sistema bancario statunitense, in particolare le grandi banche sistemiche come JPMorgan, che è il caso molto specifico delle banche regionali, che sono meno regolamentate.

Meno credito all’economia reale

Di più “Il fallimento di SVB, le tensioni in Credit Suisse e più in generale nel settore bancario statunitense ed europeo, hanno portato a mettere in discussione la stabilità finanziaria su entrambe le sponde dell’Atlantico”, osserva l’analista Inna Muftieva di Natixis. Le ripercussioni di questa crisi bancaria sull’economia reale stanno ora emergendo. I rischi di recessione, in particolare, hanno causato una perdita di oltre il 12% questa settimana Renault alla Borsa di Parigi. Il comparto europeo “petrolio e gas”, anch’esso influenzato dal ciclo economico, ha chiuso la settimana in calo del 10%. Gli strateghi di Bank of America Securities sottolineano che le crisi bancarie, come le guerre e le epidemie, creano recessioni. Perché ? Perché quelloSono seguiti da un inasprimento dei prestiti e da un calo della propensione al rischio. » Le piccole imprese sono le più colpite, poiché dipendono maggiormente dai prestiti delle banche regionali e creano i due terzi dei posti di lavoro negli Stati Uniti. Le banche, se hanno paura di prelevare denaro dai propri clienti, eviteranno, per prudenza, di concedere prestiti per preservare la propria liquidità. E se, inoltre, devono stabilizzare i loro depositi compensandoli maggiormente, ciò ridurrà i loro margini e quindi la loro capacità di prestare.

READ  Una persona su due in Francia possiede più di 128mila euro, il doppio della ricchezza dei tedeschi

Anche prima che il crollo della SVB portasse a una rivalutazione dello stato di salute del sistema bancario globale, le condizioni del credito erano già inasprite in risposta all’aumento dei tassi di interesse.spiega Simon McAdam di Capital Economics. Possiamo essere relativamente certi che ora è probabile che le banche limitino l’accesso al credito alle famiglie e alle imprese in modo più aggressivo di quanto avrebbero fatto altrimenti. Insieme alle segnalazioni di una domanda di prestiti più debole, è probabile un ulteriore deterioramento del credito all’economia reale. Quindi, anche se i peggiori timori di una crisi finanziaria su larga scala non dovessero concretizzarsi, l’attività economica negli Stati Uniti e in Europa sarà più debole a causa delle turbolenze delle ultime due settimane. »

Goldman Sachs non pensa che la crisi dei prestiti porterà a una recessione, ma la banca d’investimento pensa ancora che dovrebbe rallentare la crescita economica quest’anno. Tuttavia, la probabilità di una recessione negli Stati Uniti entro dodici mesi è salita al 35%, dal 25% precedente.