Dicembre 6, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Covid-19 sta distruggendo definitivamente le economie del pianeta

È una specie di doppia sanzione. Oltre a subire le conseguenze dell’epidemia di Covid-19 che ha colpito l’economia dell’intero pianeta, i Paesi in via di sviluppo, i più colpiti in termini di numero di ore di lavoro perse, stanno ora subendo gli effetti dannosi della riduzione delle vaccinazioni.

Secondo un rapporto dell’Osservatorio dell’ILO, “Covid-19 e il mondo del lavoro”, annunciato mercoledì 27 ottobre, la vaccinazione ha avuto un impatto positivo sull’occupazione, sia attraverso il mantenimento che la creazione di posti di lavoro. “Confrontando la differenza di ore lavorate tra il primo e il secondo trimestre del 2021, che è legata all’andamento della vaccinazione nello stesso periodo, vediamo che i paesi più vaccinati hanno anche sperimentato una maggiore crescita dell’orario di lavoro .”Spiega Stefan Kuhn, economista e responsabile degli indicatori del mercato del lavoro presso l’Ufficio internazionale del lavoro (ILO), collegato all’Organizzazione internazionale del lavoro.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati La pandemia di Covid-19 ha spinto 114 milioni di persone all’inattività e alla disoccupazione

I calcoli sono complicati, ma secondo una fondazione ginevrina sono state vaccinate quattordici persone nel secondo Trimestre 2021, l’equivalente di un lavoro a tempo pieno. Il problema, afferma l’agenzia delle Nazioni Unite che comprende rappresentanti di governi, datori di lavoro e dipendenti di 187 Stati membri, è questo problema “Mentre il 34,5% della popolazione mondiale era completamente vaccinata all’inizio di ottobre, ci sono differenze significative tra i paesi ad alto reddito, il 59,8% [des habitants] Vaccinazioni e persone a basso reddito 1,6%”. Secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro, tassi di vaccinazione più elevati corrispondono anche a minori restrizioni all’accesso ai luoghi di lavoro.

READ  "Indennità per l'inflazione": perché alcune persone possono ottenere il doppio dell'aiuto di 100 euro?

Le giovani donne più colpite

Questo scenario apparentemente irreversibile – uno studio pubblicato dall’UNICEF, sempre mercoledì, ha rivelato che i paesi del G20 hanno ricevuto dosi di vaccino pro capite quindici volte superiori rispetto, ad esempio, all’Africa sub-sahariana – ha conseguenze per l’economia. recuperare. Ciò avviene in maniera differenziata, per regioni e per categorie. “I giovani, in particolare le giovani donne, e quelli con scarse competenze continuano a far fronte a crescenti deficit occupazionali e i paesi a reddito medio sono ancora in ritardo”., osserva l’Organizzazione internazionale del lavoro.

Il divario di produttività tra le economie in via di sviluppo e sviluppate si sta ampliando. Anche all’interno di queste ultime si sono ampliati i divari tra le imprese più piccole, che hanno registrato una riduzione dell’orario di lavoro maggiore rispetto alle imprese più grandi. Insomma, le aziende più produttive e le persone con redditi più alti sono state meno colpite dagli effetti della pandemia. Nel 2020, un lavoratore in un paese ad alto reddito ha prodotto, in media, 17,5 volte di più di un lavoratore in un paese a basso reddito.Scrivi gli autori del rapporto. Il fenomeno dovrebbe aumentare di più.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati COVID-19: le donne pagano il prezzo più alto nella crisi

La pandemia di Covid-19 sta costando cara all’economia globale. “L’occupazione globale è diminuita di 112 milioni di posti di lavoro nel 2020 rispetto al 2019. Dovremmo anche contare i 32 milioni di posti di lavoro che normalmente vengono creati ogni anno, ma non è stato a causa della pandemia. Quindi stimiamo che la pandemia ci sia costata 144 milioni di posti di lavoro in totale, che è superiore al numero che abbiamo introdotto all’inizio del 2021”.Spiega Stefan Cohn, che ha notato che è ancora impossibile ottenere statistiche accurate sulla perdita di posti di lavoro a causa della mancanza di vaccinazione. Ma per l’ILO, la diffusione dei vaccini contribuirà sicuramente alla ripresa economica, proteggerà le persone, eviterà la chiusura dei luoghi di lavoro e aiuterà ad alleviare le restrizioni sulla salute pubblica.

READ  Wall Street chiude in rosso con timori di inflazione - 09/11/2021 22:23

equa distribuzione dei vaccini

Inoltre, ci sono dubbi sull’evoluzione dello stato di salute, in particolare sull’emergere di varianti. Per gli economisti dell’Organizzazione internazionale del lavoro è molto difficile prevedere quale sarà l’evoluzione della pandemia. “Ciò rende difficile prevedere quale sarà lo sviluppo del mercato del lavoro, a seconda di eventuali nuovi periodi di reclusione”Stefan Cohen si fida.

Ma qualunque siano gli scenari futuri, l’equa distribuzione dei vaccini è fondamentale per raggiungere una ripresa economica condivisa a livello globale, secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro. Secondo i calcoli di questa organizzazione, uno scenario “vaccinazione equa” Nell’ultimo trimestre del 2021 saranno ammessi i paesi a basso e medio reddito “Ridurre significativamente le loro perdite nell’orario di lavoro”.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Il Brasile sprofonda nella povertà estrema

“Sorprendentemente, possiamo vedere che è la disponibilità disomogenea di vaccini e le capacità di stimolo fiscale dei paesi che stanno alimentando i principali rischi di deterioramento del mercato del lavoro globale, con ampi divari tra le economie avanzate e in via di sviluppo. Dobbiamo assolutamente correggerlo il più rapidamente possibile. il più possibile”.Giudice Guy Ryder, direttore generale dell’Organizzazione internazionale del lavoro. L’organizzazione insiste sulla necessità di “Dialoghi nazionali tripartiti all’interno degli Stati membri” E supporto finanziario e tecnico dai paesi sviluppati ai paesi in via di sviluppo.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati L’appello di François Hollande alla Germania: “L’accesso ai vaccini contro il Covid-19 non può essere un privilegio”