Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

‘Riportare l’inflazione’: da lunedì i supermercati dovranno allertare i clienti, ma si prevedono pochi bollini

La “Reduflation” o “skrinkflation” comporta la riduzione della quantità di prodotto in una confezione vendendolo allo stesso prezzo.
Da lunedì i supermercati con superficie superiore a 400 metri quadrati dovranno indicare, attraverso un cartellone, l’andamento al rialzo dei prezzi per i prodotti la cui quantità è diminuita.
Ma secondo gli specialisti, di questi manifesti dovrebbero trovarsi sugli scaffali solo pochi.

Rendere gli aumenti dei prezzi meno visibili ai consumatori. Questo è ciò che consentono le pratiche di “inflazione” o “deflazione”, che sono pratiche legali, ma il loro principio è ridurre la quantità di prodotto nella confezione senza aggiustare il prezzo, o addirittura aumentarlo.

Per contrastare il ritorno dell’inflazione è stato emanato un decreto Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 4 maggio Che entra in vigore da lunedì 1 luglio, impone ai supermercati con una superficie superiore a 400 metri quadrati di indicare, mediante un’etichetta, quali prodotti, alimentari e non, sono stati testati. “La quantità diminuisce, ma non il prezzo”.Come spiega il quotidiano Francia occidentale La segretaria al Commercio Olivia Gregoire a metà aprile. Ma secondo gli specialisti del settore, già da lunedì arriveranno sugli scaffali altri manifesti di questo tipo.

“Meno di dieci” riferimenti rilevanti

Ad esempio, in Coopéative U, quarto attore del settore dietro E.Leclerc, Carrefour e Les Mousquetaires/Intermarché, “Meno di dieci” Un portavoce dell’azienda ha detto all’AFP che il numero di referenze sarebbe influenzato, tra le migliaia o addirittura decine di migliaia vendute dal supermercato. Quando rispettiamo le regole e gli standard stabiliti dal sistema, solo questi prodotti rientrano in questa categoria.

Carrefour, da parte sua, afferma di averlo fatto “Sviluppare una procedura finalizzata all’identificazione” Prodotti a monte potenzialmente interessati. Quindi non ci sarà “Nessun caso ‘deflazionistico’ nei negozi dal 1° luglio.”Il distributore conferma che il dispositivo è preso in considerazione “Responsabilizza i fornitori” Si specifica che rispetterà l’ordinanza se il prodotto verrà successivamente interessato. A Les Mousquetaires/Intermarché non c’è “Non ci saranno prodotti interessati dal 1 luglio, quindi non ci saranno adesivi.”Secondo le comunicazioni del gruppo. Leclerc non ha risposto all’AFP venerdì pomeriggio.

READ  Questi cioccolatini di Natale dovrebbero essere riportati al negozio rapidamente.

Carrefour e Intermarche avevano già protestato contro il licenziamento l’anno scorso. Così hanno scelto di prendere l’iniziativa e di avvisare i propri clienti utilizzando le etichette presenti sugli scaffali lo scorso settembre.

Carrefour ha installato adesivi come questi lo scorso settembre sui suoi scaffali sui prodotti interessati dallo sconto. -medico

Sviluppi della ricetta

Su queste etichette, che i negozi di grandi e medie dimensioni devono installare adesso, e che devono conservare anche per due mesi, deve essere indicato: “Per questo prodotto, la quantità venduta è aumentata da X a Y e il suo prezzo per chilo, grammo o litro è aumentato del X% o X €”, Olivia Gregoire ha spiegato a metà aprile. Tuttavia, l’indicazione del prezzo al litro o al chilo, che indica un aumento del prezzo, è già diventata obbligatoria e gli specialisti sottolineano anche che le riduzioni delle quantità sono spesso accompagnate da variazioni delle entrate.

  • Leggi anche

    Inflazione nascosta: i produttori hanno trovato un modo per aggirare le nuove regole anti-deflazione

Di recente, la Foodwatch Association, che ha lanciato l’allarme sull’argomento, ha individuato il famoso formaggio fuso Kiri, che ha perso 2 grammi nel 2022. Ma il produttore Bell ha sottolineato che non si tratta di nascondere l’inflazione ma piuttosto di un cambiamento nella ricetta, soprattutto con Un prodotto made in France a base di latte francese. Per quanto riguarda i supermercati, ritengono che spetti ai produttori dell’agroindustria farsi carico dell’approvvigionamento.


Nick con l’AFP