Settembre 24, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I vecchi PEL molto redditizi scompariranno?

Prima del 2015, il denaro depositato su PEL guadagnava più del 2%. Piuttosto, le sue entrate sono aumentate al 3,27% tra il 2000 e il 2003 e hanno superato il 4% prima del 1994. L’Audit Bureau chiede una riduzione dei loro stipendi a causa del suo costo per lo stato e le banche.

Piccole miniere d’oro per risparmiatori prima del 2011, vecchi schemi di risparmio residenziale (PEL) sono nel mirino della Corte dei Conti, che lunedì ha chiesto una riduzione degli stipendi tenendo conto del loro costo per lo Stato e le banche. Attualmente, la Performance Appraisal Act, che viene pagata una volta per tutte al momento della sottoscrizione di un contratto, non sembra molto inutile a un tasso dell’1% dal 2016, mentre il libretto A porta il doppio (2%) e il libretto del risparmio popolare ( LEP) ) 4,6%.

Ma non è sempre stato così: prima del 2015, i soldi depositati su PEL hanno restituito più del 2%. Il suo rendimento è salito al 3,27% tra il 2000 e il 2003 e ha superato il 4% prima del 1994. In teoria, il PEL è un investimento a medio termine: consente di ottenere un prestito a condizioni vantaggiose per acquistare immobili o finanziare un’impresa. Dal 2011 è diventato possibile nutrirlo solo per 10 anni e maturare interessi per 15 anni.

Un abbonamento PEL precedente al 2011 ha continuato a maturare interessi a tempo indeterminato, al tasso fisso al momento del contratto, incoraggiando alcuni risparmiatori a mantenerlo più a lungo. In un rapporto pubblicato lunedì, la Corte dei conti ha denunciato: “Il programma ELP è stato trasformato dall’obiettivo storico della proprietà di una casa in un prodotto di risparmio a lungo termine”, afferma.

READ  Recensione del frigorifero multiporta Samsung RF65A967FSR: perfezione su tutti i fronti

“Un grosso costo per finanziare l’economia”

Secondo la fondazione, i vecchi PEL sono come “una vera rendita, in particolare per gli anziani in posizioni di alto rango”. Questa situazione è stata denunciata da diversi anni dalle banche pagatrici di interessi. La Federazione bancaria francese (FBF) assicura all’AFP che “questi vecchi prodotti non sono più compatibili con il mercato di oggi e costituiscono un costo significativo per il finanziamento dell’economia”.

Secondo la Banque de France, i PEL aperti prima del 2011 rappresentavano l’anno scorso 107,7 miliardi di euro con uno stipendio medio del 4,5%, contro il 3,04% di tutti i PEL. In una lettera alla Corte dei Conti pubblicata lunedì, il suo governatore, François Villeroy de Gallo, ha descritto la situazione come “anormale”.

I PEL costano anche soldi statali perché quelli aperti prima del 2018 sono esenti dall’imposta sul reddito fino al tredicesimo compleanno e consentono, se spesi in prestito, di ricevere un bonus statale (fino a 1.525 euro), il cui importo dipende dagli interessi percepiti.

soggetto sensibile

La Corte dei conti stima che 411 milioni di euro siano costati allo Stato nel 2022 per queste vecchie aziende, “senza che lo Stato ottenga alcun ritorno finanziario o indirizzi le risorse verso lavori di interesse pubblico come avviene per gli opuscoli organizzati”, sottolinea.

Raccomanda di prendere in considerazione un dispositivo per rimuovere “il vantaggio dei PEL legacy rispetto ad altri prodotti di risparmio, che considera “ingiustificati e persino sproporzionati”.

Il ministro dell’Economia Bruno Le Maire ha risposto lunedì di aver “preso atto” delle raccomandazioni della corte, affermando solo che la conclusione della corte sul codice penale generale “potrebbe legittimamente portare a interrogativi sull’efficienza dell’allocazione di questi risparmi abitativi”.

READ  Auchan vit un cauchemar, ce rappel de produit sur ce produit très recherché lui fait perdre beaucoup d'argent !

Rivedere le vecchie tariffe PEL non è facile perché sono regolate da contratti tra privati ​​e banche. Questo argomento è più delicato perché l’inflazione, che ha raggiunto il 5,8% ad agosto su un periodo di un anno secondo INSEE, sta erodendo i guadagni reali per i risparmiatori. “Un impegno è un obbligo e deve essere rispettato”, ha affermato François Carlier, delegato generale dell’Associazione dei consumatori CLCV.

Se le banche decidono di ridurre la retribuzione per i vecchi libri mastri, ciò porterà a importanti cause legali e danneggerà la loro immagine nei confronti dei loro clienti, assicura l’Audit Bureau. Quindi specifica altre soluzioni, come negoziare tra banche e clienti per chiudere il codice penale in cambio di un risarcimento, o modificare per legge i contratti in nome dell’interesse pubblico, in cambio di un obbligo delle banche. . Per finanziare progetti prioritari, come la trasformazione ambientale e la transizione energetica. La FBF assicura che “la professione è aperta alla partecipazione al lavoro raccomandato dal tribunale alle autorità pubbliche” e favorisce una modifica normativa per eseguire i vecchi PEL.