Ottobre 6, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Fino a 50 centesimi di sconto, ma per quanto tempo?

Meno di 30 centesimi da 1lui è settembre

Non deve essere 1.lui è Settembre che le stazioni di distribuzione appariranno in regressione. Questo può essere valido solo dalle consegne ricevute in 1lui è E dopo. Non vi è dubbio che lo sconto verrà applicato alle azioni esistenti. I distributori dovranno completare il loro inventario prima di passare al nuovo prezzo. Inoltre sulle pompe verranno apposti degli adesivi in ​​sostituzione delle vecchie con uno sconto di 15 centesimi (tasse escluse) menzionato. Guarda il prezzo prima di correre a riempire.



Se i distributori indipendenti sono indignati dallo sconto aggiuntivo avviato da Total, i consumatori, attraverso la voce delle organizzazioni di tutela dei consumatori, vedono la pubblicità come una buona corsa per i loro portafogli. immagine d

Problema di contrasto

In accordo con il governo, Total ha prontamente annunciato che stava investendo uno sforzo aggiuntivo di 20 centesimi nella sua rete di stazioni di servizio (capacità totali e accesso totale); Il che ha fatto reagire Michel-Edouard Leclerc, denunciando un avversario a due velocità con cui lui e gli altri distributori non potevano interferire. Il distributore indipendente non riceve il carburante allo stesso prezzo e non può prelevare ulteriori 20 centesimi perché non può vendere in perdita (cosa vietata dalla legge). Risultato, Carrefour, Intermarche, Leclerc, ecc. Si ritrovano a vendere carburante più costoso di Total.

Caduta di breve durata?

Inizialmente, il governo spera che i prezzi si stabilizzino alla pompa al ribasso. Il prezzo di un barile di petrolio Brent era di circa $ 100 a luglio, ed era di circa $ 92 venerdì 2 settembre. Ma l’OPEC+ (insieme alla Russia) prevede di tagliare la produzione, che era aumentata durante l’estate, per frenare la febbre del mercato. Con una naturale conseguenza di prezzi più alti.