Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La catena di abbigliamento Esprit ha dichiarato fallimento a causa delle sue attività in Europa

La catena di abbigliamento Esprit ha dichiarato fallimento a causa delle sue attività in Europa

La dichiarazione di fallimento riguarda la filiale Esprit Europe e altre sei società tedesche del gruppo.
James Arthur Gecker/AFP

La catena di negozi di abbigliamento punta sulla ristrutturazione per superare le difficoltà che deve affrontare, legate in particolare all’aumento dei costi e ai conseguenti effetti della pandemia di Covid-19.

Un altro marchio di abbigliamento è in difficoltà. La catena di negozi di abbigliamento Esprit ha annunciato mercoledì di aver dichiarato fallimento a causa delle sue attività in Europa, basandosi sulla ristrutturazione per superare le difficoltà che deve affrontare, in particolare legate all’aumento dei costi e alle conseguenze della pandemia di Covid-19. Il gruppo, quotato alla Borsa di Hong Kong e con sede in Germania, spera che questa procedura, aperta davanti al tribunale di Dusseldorf (ovest), permetta “Riorganizzazione delle risorse finanziarie e dei flussi di cassa” Delle sue filiali, aggiungendolo “Diversi potenziali investitori hanno espresso interesse per una partnership strategica”..

La dichiarazione di fallimento riguarda la filiale Esprit Europe e altre sei società tedesche del gruppo. In Europa, il gruppo ha punti vendita nei Paesi Bassi, Lussemburgo, Francia, Grecia, Bulgaria, Austria, Finlandia, Svezia, Inghilterra, Germania, Danimarca, Polonia, Italia e Spagna, secondo il suo sito web. Le filiali in Svizzera e Belgio, dove Esprit ha negozi, hanno dichiarato fallimento a marzo e aprile.

“Negli ultimi anni le filiali hanno dovuto affrontare costi molto elevati a causa dell’inflazione, dei tassi di interesse, dei prezzi dell’energia, delle conseguenze del coronavirus e delle conseguenze dei conflitti internazionali.”“Questa era la situazione”, spiega Esprit in un comunicato stampa “Aggravati dal peso dei costi ereditati dal passato”.continua il gruppo, citando affitti elevati e negozi di dimensioni inadeguate.

READ  UBS ha spinto ad acquistare Credit Suisse ed evitare il disastro - 18/03/2023 alle 23:44

Una strage nel settore del prêt-à-porter

Questa combinazione di difficoltà, aggravata dalla concorrenza del “fast fashion” e dei beni di seconda mano, ha causato una carneficina nel settore del prêt-à-porter per più di un anno con il crollo di marchi iconici come Camayue e Burton a Londra. , Gap France, Naf Naf, Kokai e altri. Si tratta della seconda procedura di insolvenza in quattro anni per Esprit, che al tempo della pandemia ha licenziato circa un terzo dei suoi dipendenti e chiuso 100 punti vendita.

La catena di abbigliamento è stata fondata nel 1968 a San Francisco da una coppia hippie americana, Douglas e Susie Tompkins – che erano anche dietro il marchio The North Face -, che vendevano i loro primi prodotti viaggiando per la California a bordo di un minivan Volkswagen. Questi fondatori non rimasero in carica a lungo. Il gruppo è quotato dal 1993 e ha sede a Ratingen vicino a Düsseldorf (Germania occidentale). Esprit afferma di essere presente in più di 40 paesi e di avere 586 negozi.