Dicembre 2, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“È normale commettere errori nella scienza”: la NASA non si aspettava che l’asteroide Demorphos si discostasse di molto

DART ha colpito un asteroide per cambiarne l’orbita. La NASA ha previsto solo un piccolo cambiamento nel tempo impiegato dal corpo per orbitare attorno al suo corpo genitore. Il risultato del test è diverso: perché?

Per la prima volta nella storia, l’umanità ha fatto questo È riuscito deliberatamente a deviare il percorso di un asteroide nello spazio. L’11 ottobre 2022 lo abbiamo appreso DART missione Ha raggiunto con successo il suo obiettivo principale: l’interruzione orbitale L’asteroide Demorphos, sul quale la sonda si è schiantata a fine settembre. Tutto questo esercizio:asteroide Non rappresenta alcun rischio noto.

Demorphos orbita attorno a un asteroide più grande, Didymus. dopo, dopo DART EffettoGli scienziati hanno osservato il cielo con potenti telescopi. La loro conclusione: l’orbita di Demorphos attorno a Didimo è stata ridotta di 32 minuti. In altre parole, gli asteroidi più piccoli impiegano meno tempo per aggirare il più grande. Tuttavia, è molto più di quanto previsto dalla NASA: l’agenzia spaziale prevedeva un cambiamento di appena 1 minuto e 13 secondi nell’orbita di Demorphos. Allora perché questa deviazione dalle aspettative?

Gli scienziati che hanno studiato questi asteroidi hanno commesso due errori

Ci sono due ragioni per questo, spiega a Nomirama Stephanie Lizzie Destrese, Research Professor ISAE-SUPAERO: Dubbi sulla massa del corpo principale, Didymos, e un errore sulla composizione del Dimorphos Il secondo motivo è il più grande “errore” dei due.

Per comprendere meglio questi asteroidi, gli scienziati stanno lavorando con dei modelli. Ecco un sistema binario, in cui un asteroide orbita attorno a un altro. I modelli utilizzati sono paragonabili a quelli utilizzati nello studio del movimento la lunache gira intorno alla Terra. ” Così siamo in grado di avvicinarci alla distanza, al periodo (il numero di giri fatti in un dato tempo), grazie alle proprietà fisiche. In particolare, la massa di ogni oggetto Stephanie Lizzie L’angoscia continua.

READ  10 vantaggi inaspettati di iniziare la giornata con un picnic
Rappresentazione di Didimo e Demorfo. // fonte : Screenshot di YouTube ESA

Tuttavia, finché non viene lanciata una missione di esplorazione verso un asteroide, per vederlo da vicino è difficile determinarne la massa. ” Le informazioni ci vengono dalla luce. Possiamo stimare la massa [d’un astéroïde] A seconda della luce ricevuta, dando intuizione alla sua composizione. Poiché questi calcoli rimangono stime, è probabile che si verifichi un errore. Questo è quello che è successo con l’asteroide più grande di questa coppia. ” Lo scettro di Didimo non era del tutto corretto. Tuttavia, questo gioca sulla massa di Dimorphos. È come se cambiassimo la massa della Terra, la luna avrebbe un altro movimento. Questa è la nostra prima incertezza. »

“È normale sbagliare nella scienza.”

Che cosa è successo con l’altro parametro, la configurazione Dimorphos? ” Si pensava che fosse molto forte, ma il filmato ha rivelato che era fatto di molta polvereriassume il mondo con Nomirama. Ciò significa che aveva una grande dimensione, ma una piccola massa.. Quando un incidente DART è accaduto a Dimorphos, un’enorme quantità di massa è stata espulsa da lui. ” cos’è rimasto [de Dimorphos] Quindi era più piccolo. Poiché questo nucleo era più piccolo di quanto ci aspettassimo, la deflessione era maggiore di quanto ci aspettassimo.. »

Questi errori nelle previsioni non mettono in dubbio il successo dell’attività DART. ” È normale commettere errori nella scienza, è così che impariamodice Stephanie Lizzie Distress. È quasi rassicurante: il principio generale di deviare un asteroide da una sonda che lo colpisce, funziona. L’abbiamo visto funzionare. Successivamente, possiamo migliorare l’accuratezza del risultato ottenuto. Ma il fatto che siamo riusciti a toccare un oggetto così lontano dalla Terra è insolito. »

Per più

Dimorphos dopo l'effetto di DART.  // Fonte: OBS E. Guido, M. Rocchetto, G. Savini e S. Fossey (immagine ritagliata)