Agosto 17, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

È morto il famoso paleontologo keniota Richard Leakey

Il paleontologo e politico keniota Richard Leakey è morto all’età di 77 anni. “Questo pomeriggio ho appreso con grande tristezza la notizia della morte del dottor Richard Erskine Freer Leakey, ex presidente della Kenya Wildlife Authority”.Lo ha detto il presidente Uhuru Kenyatta in una dichiarazione domenica 2 gennaio.

Figlio di Louis e Mary Leakey, due dei più famosi scopritori di scheletri di ominidi, Richard Leakey, nato in Kenya il 19 dicembre 1944, sembra fosse destinato alla paleoantropologia. Il destino cerca di scappare da lui nei suoi anni più giovani, lavorando come guida safari.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Richard Leakey, l’instancabile scavatore dei nostri antenati africani

Tuttavia, ha seguito le orme dei suoi genitori quando, all’età di 23 anni, senza un’istruzione universitaria, ha ricevuto una borsa di studio dalla National Geographic Society per la ricerca archeologica sulle rive del lago Turkana nel nord del Kenya, la prima di una lunga elenco dei fossili in questa inospitale terra semidesertica. .

Negli anni ’70 guidò diverse spedizioni che culminarono in scoperte importanti e senza precedenti, tra cui i primi teschi diuomo di mano (1,9 milioni di anni) nel 1972 euomo in piedi (1,6 milioni di anni) 1975. Notorietà: 1977, la rivista volta A lui dedica il suo “uno” ; Nel 1981, la BBC ha pubblicato un documentario di sette episodi, che era un narratore e presentatore, sull’evoluzione dell’umanità.

La sua scoperta più famosa risale al 1984, durante un’esplorazione nel Lago Tocana, dove scoprì uno scheletro quasi completo.uomo in piedi 1,63 metri, morto 1,5 milioni di anni fa: ‘Turkana boy’, fossile completo ritrovato da uno dei nostri antenati.

READ  Covid - Omicron : "Une nouvelle vague begin maintenant" assicurano une scientifique britannique

combattere i cacciatori

Nel 1989, è stato contattato dall’allora presidente, Daniel arap Moi, per diventare il capo del Kenya Wildlife Service (KWS). Lì condusse una feroce campagna contro il bracconaggio per l’avorio di elefante.

Nel 1993, il suo piccolo Cessna si schiantò nella Rift Valley, in Kenya. A causa dell’incidente gli sono state amputate le gambe. “All’epoca c’erano minacce regolari contro di me e vivevo con guardie armate, ma ho deciso di non intimidire e di non dirmi ‘Hanno cercato di uccidermi’, ha detto nel 2015 a Financial Times. Scelgo di continuare a vivere. “

Costretto a lasciare la KWS dopo un anno ed entrare in politica, si è unito a molte voci critiche nei confronti del regime corrotto dell’autoritarismo di Moi. La sua carriera da concorrente fu di breve durata e Daniel arap Moi lo convinse, nel 1998, a guidare la lotta alla corruzione. Il compito si è rivelato impossibile, ha gettato la spugna due anni dopo.

Nel 2015, a causa di una nuova crisi di bracconaggio, un altro presidente, Uhuru Kenyatta, lo ha invitato a prendere il timone di KWS, questa volta come presidente del consiglio di amministrazione, posizione che ha ricoperto fino al 2018.

Il cancro gli rovinava la pelle, i suoi capelli arruffati vedevano il peso degli anni e soffriva anche di frequenti disturbi al fegato e ai reni. Ma, all’età di 70 anni, stava ancora producendo il suo vino in una fattoria nella Rift Valley.

Leggi anche Leone gigante, giraffa cornuta, elefante primitivo: in Kenya i fossili dimenticati del Museo di Nairobi

Il mondo con AFP