Ottobre 3, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Doritos, Findos, Pampers, Lipton… Queste marche riducono le quantità e aumentano i prezzi

Doritos, Findos, Pampers, Lipton… Queste marche riducono le quantità e aumentano i prezzi

Meno prodotti ma prezzi alti. Sembra che l'”inflazione deflazionistica” sia in pieno svolgimento in questo momento di inflazione. E con lo stesso desiderio di nascondere ai consumatori gli aumenti reali dei prezzi. BFMTV svela alcune produzioni particolarmente colpite.

“Siamo al culmine del cinismo.” Questa domenica su BFMTV, il capo di Carrefour non è stato gentile con alcuni di questi fornitori. Citando alcuni giganti alimentari come PepsiCo (patatine fritte), Unilever (gelato magnum e Carte d’Or) o addirittura Findus, Alexandre Bompard li accusa di ricorrere ad una “deflazione” a livelli finora senza precedenti.

Ricordiamo che questa nuova parola, derivata dalla parola inglese “shrink”, descrive una pratica ben nota nel mondo dei consumi di ridurre la quantità di prodotti venduti nei supermercati senza abbassare i prezzi. Sebbene questa inflazione mascherata non sia di per sé illegale in quanto è indicata dal nuovo grammo sulla confezione, è tuttavia accusata da alcune associazioni di consumatori di trarre in inganno il consumatore che non sempre controlla il peso dei prodotti acquistati.

Se il patron di Carrefour, così come di molti altri marchi, condanna sempre più la deflazione, è perché dall’inizio del rally inflazionistico questa ha assunto una nuova dimensione. Alcuni produttori non solo hanno ridotto il peso senza incidere sul prezzo, ma ora hanno anche ridotto le quantità aumentando significativamente il prezzo.

+113% per le cucine lineage

BFMTV ha così ottenuto un elenco delle produzioni quotidiane particolarmente colpite da questo fenomeno. Con aumenti di prezzo al chilo che talvolta raggiungono il 100% senza che il consumatore se ne accorga.

È il caso di un noto marchio di alimenti per animali appartenente al colosso americano Mars: Pedigree. L’azienda ha inviato nuovi prezzi agli acquirenti della distribuzione di massa per il 1° ottobre. Così il prezzo di un sacchetto di Pedigree Vitality per pollame o manzo adulto varia da 16,67 € a 24,90 €. Un incremento già significativo, superiore al 49%. La confezione è però rivista al ribasso e varia dai 10 ai 7 kg. Pertanto, il prezzo al chilo del prodotto è aumentato da 1,67 euro a 3,56 euro, con un aumento di oltre il 113%.

READ  Strada notturna - motore rotativo, motore senza uscita

Mentre i mangimi per animali sono da più di un anno una delle categorie più inflazionate, molti altri prodotti sono colpiti da questa inflazione nascosta. Come le patatine e le tortillas vendute dal gruppo statunitense PepsiCo. A maggio, una confezione da 300 g di patatine normali è stata ridotta di 50 g. Il prezzo di vendita è aumentato da 2,90 euro a 3,20 euro. Cioè, l’aumento di un chilo è superiore al 32%. Anche le piccole tortilla chips triangolari Doritos hanno preso fuoco. Il marchio ha eliminato solo 10 grammi dalle confezioni da 170 grammi, ma ha aumentato i prezzi di 26 centesimi, con un aumento di quasi il 19% al chilo.

E i gruppi americani non sono gli unici a seguire questo metodo. Il colosso anglo-olandese (che commercializza in Francia soprattutto i gelati Magnum o Carte d’Or) ha approfittato di questo periodo per gonfiare anche i suoi prezzi. A volte raggiunge pochi grammi. I Magnum alle Mandorle sono venduti in confezioni da 4, quindi ogni peso varia da 328g a 300g. Il risultato: un aumento del prezzo al chilo di oltre il 23%. Anche le vaschette di gelato Carte d’Or peseranno meno sulla bilancia a novembre. Invece di mettere 470-500 g per barattolo, il marchio li riempirà in media solo con 380 g. Tuttavia, i loro prezzi non cambieranno, con un conseguente aumento compreso tra il 28 e il 29% a parità di peso.

Le patatine fritte sono costose

Gli amanti delle patate stanno ancora assaporando le prelibatezze surgelate di qualche mese fa. Il marchio Findus fa un ulteriore passo avanti con le sue patate alle nocciole o patate marroni. Una scatola da 600 grammi di hash browns è salita a luglio a 590 grammi. D’altro canto, il suo prezzo non era soggetto allo stesso regime poiché il prodotto veniva venduto a 3,70 euro rispetto a 2,24 euro all’inizio dell’anno. Il prezzo al chilo è aumentato di circa il 68%.

READ  Prix ​​​​des carburants: quelle est cette nouvelle aide "plus généreuse" pour ceux qui sont "obligés de prendre leur voiture pour aller travailler"

Non è solo cibo. Anche l’igiene non è esclusa. A cominciare dai prodotti Pampers (Procter & Gamble). Nell’elenco dei prodotti colpiti dalla crisi, il marchio americano è uno dei più rappresentativi. Si tratta di una quarantina di referenze Pampers. A partire dagli strati. Basta mettere nella confezione qualche pannolino, cosa che l’azienda di igiene infantile non manca di fare. La confezione Baby Dry x62 è passata a una confezione da 58, da 47 a 45 o anche da 41 a 39. Tuttavia, il suo prezzo è aumentato da una media di 12,85 € a 16,13 €, con un aumento medio del 30% per strato.

Il brand sembra stia adottando diverse strategie per aumentare i prezzi. Per quanto riguarda le salviette, ad esempio, non sono più “deflazionistiche” in senso stretto poiché le referenze Harmonie Coco 0% Plastic o On The Go hanno più prodotti. Così il primo passa da 42 a 44 tovaglioli, il secondo da 40 a 46. Così il consumatore può avere l’impressione di pagare di più, ovviamente, ma per più prodotti. È chiaro però che il prezzo è molto più alto delle quantità fornite. Circa il 27% per il prodotto plastic free e il 76% per la seconda referenza.

Pratiche che non lasciano indifferenti le autorità. Bruno Le Maire la settimana scorsa lo ha definito “fuorviante” e “offensivo” e ha promesso di lavorare per modificare la legislazione in modo che i marchi siano tenuti a indicare la variazione di peso sulla confezione in modo che i consumatori siano consapevoli di ciò che stanno acquistando.

Frédéric Bianchi e Gaetany Meslin

Articoli principali