Dicembre 6, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Cop26: Greta Thunberg ha fornito il miglior riassunto della Carta di Glasgow

Hannah McKay tramite Reuters

Greta Thunberg, qui a Glasgow, in Scozia, il 5 novembre 2021.

COP26 – Dopo aver concluso un accordo questo sabato 13 novembre alla Cop26 di Glasgow, l’attivista svedese Greta Thunberg Ha deplorato che la conferenza fosse arrivata a “così e così e così”, ripetendo le accuse che aveva già rivolto ai leader mondiali.

“La vera azione continua al di fuori di queste stanze. Non ci arrenderemo mai”, ha detto su Twitter l’iconica figura di Friday for the Future. Al termine della Conferenza mondiale sul clima.

Pochi giorni fa, l’attivista ha avvertito che un accordo descritto come “piccoli passi nella giusta direzione”, “fare progressi” o “vincite graduali equivalgono a perdere”.

In risposta a una domanda dell’AFP a metà ottobre, Greta Thunberg temeva già che nonostante la sua natura “decisa” per il futuro del pianeta, poliziotto 26 Non fare “grandi cambiamenti”.

“Il disastro climatico bussa sempre alla porta”

La Glasgow Climate Charter, adottata al termine di due settimane di duri negoziati da 200 Paesi alla Cop26, mira ad accelerare la lotta al riscaldamento globale, senza garantire che contenga 1,5 gradi Celsius o rispondere alle richieste di aiuto delle nazioni povere.

Il primo ministro britannico gli ha detto: “C’è ancora molto da fare nei prossimi anni”. Boris Johnson. “Ma l’accordo di oggi è un enorme passo avanti, e ciò che è importante è che abbiamo il primo accordo internazionale in assoluto per ridurre l’uso del carbone e un piano per ridurre l’uso del carbone. Il riscaldamento globale Ha aggiunto che 1,5 gradi erano “più alti che nell’era preindustriale”.

READ  Quello che sappiamo (e ancora non sappiamo) della variabile Omicron che preoccupa il pianeta

Da parte sua, ha avvertito il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres che “il disastro climatico bussa sempre alla porta”. Il capo delle Nazioni Unite ha affermato in una dichiarazione che la conferenza globale sul clima ha portato “a graditi passi in avanti, ma non sono sufficienti”.

Menziona gli obiettivi “non abbiamo raggiunto durante questa conferenza” e cita in particolare “porre fine ai sussidi ai combustibili fossili, uscire dal carbone, dare un prezzo al carbonio” e gli aiuti finanziari ai paesi più vulnerabili.

“I testi approvati sono un compromesso. Rispecchiano gli interessi, la situazione, le contraddizioni e lo stato attuale della volontà politica nel mondo. (…) Purtroppo la volontà politica collettiva non è stata sufficiente a superare le profonde contraddizioni, ” scrisse.

“È tempo di entrare in modalità ‘emergenza’”, continua, rilevando che gli attuali impegni di riduzione delle emissioni non consentono di mantenere l’obiettivo dell’accordo di Parigi di contenere il riscaldamento globale “ben al di sotto” dei 2°C rispetto all’era preindustriale , e anche al di sotto del target L’ideale è + 1,5 ° C.

“È morbido, è debole”

“È debole, è debole, l’obiettivo di 1,5°C è ancora vivo, ma c’è un segnale che l’era del carbone è finita. Questo è importante”, ha commentato Jennifer Morgan, presidente di Greenpeace International.

READ  Un passeggero smarrito ignora le chiamate di emergenza perché il numero è sconosciuto

“Questo è un insulto ai milioni di persone le cui vite vengono distrutte dalla crisi climatica”, ha affermato Teresa Anderson, dell’ONG ActionAid International.

La Commissione Europea, da parte sua, ha stimato che la Carta di Glasgow “ha mantenuto vivi gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, dandoci l’opportunità di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C”.

“Abbiamo compiuto progressi nel raggiungimento dei tre obiettivi che ci siamo prefissati all’inizio della COP26”, ha dichiarato il presidente della Commissione Ursula von der Leyen in un comunicato stampa. “Ci rende fiduciosi di poter offrire all’umanità un luogo sicuro e prospero su questo pianeta. Ma non ci sarà tempo da perdere: il duro lavoro è ancora davanti a noi”.

Hanno risposto anche Jean-François Julliard, direttore generale di Greenpeace francese, Clement Senchal, portavoce per il clima di Greenpeace France, e Jean-Luc Mélenchon, leader di La France Insoumise, Puoi anche leggere nei tweet qui sotto.

Vedi anche su HuffPost: Thomas Bisquet SOS sul riscaldamento globale dalla Stazione Spaziale Internazionale

READ  Gli Stati Uniti hanno annunciato di avere 3.750 testate nucleari