Gennaio 21, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Clarice Agpegno è stata nominata atleta francese dell’anno 2021 da Eurosport

Sport francese 2021

1. Clarice Agbegnio

Atleti dell’anno

Agbegnenou: “Quando ricevo la mia lista di premi, mi dico ‘Io, ho fatto davvero tutto questo?'”

6 ore fa

Sport: Judo
Punti: 241
Numero di citazioni: 25
Miglior Classifica: 1° (17 volte)
Classifica 2020:-

Perché lei?

Quest’anno olimpico, i posti erano molto costosi. Soprattutto quando, fuori dall’arena dei Giochi, tanti campioni francesi hanno segnato la storia dello sport francese nelle loro discipline, che si tratti di Alexis Pintorault, Fabio Quartararo o addirittura Julien Alaphilippe. La gara è stata dura, ma finalmente Clarice Agpegno ha messo d’accordo tutti, e in modo abbastanza chiaro.

Dei 25 membri del comitato di redazione che hanno partecipato alla votazione, 17 membri hanno ottenuto il primo posto. Quindi, con un comodo margine, l’arbitro finisce in vetta alla nostra classifica. Piccolo evento, visto che è la prima volta dal 2006 e da Amélie Mauresmo (che quell’anno vinse due titoli del Grande Slam) che una donna viene incoronata dalla redazione di Eurosport.

Clarice Agpignino aveva già un track record ma mancava ancora della dedizione definitiva, quel titolo olimpico che le è scivolato sotto il naso nel 2016 a Rio. I soldi non lo rendevano davvero felice in quel momento. Da allora, ha sorvolato la sua classe -63 kg ed è imbattuta nel grande torneo. Ma tutto ciò che ha ottenuto negli ultimi cinque anni, se non dall’inizio della sua carriera, avrebbe dovuto avere un senso in Giappone quest’estate. Questa potrebbe non essere stata la sua ultima possibilità (aveva intenzione di tornare a Parigi nel 2024), ma era la più bella e chiara, prendendo il controllo della sua materia.

READ  Pierre Gasly (Alpha Toure), dopo le qualifiche per il Gran Premio del Brasile: "Uno dei miei migliori giri in qualifica di questa stagione"

Questa medaglia d’oro, l’ha meritata per quello che è ora per quello che ha ottenuto negli anni. Ma il titolo olimpico non si vince per merito. Doveva averlo, magari portando altrettanto il peso sulle spalle, una forma di impegno per vincere, tanto quanto competere per la sua scarpa. Naturalmente, la sua ultima avversaria, Tina Trstenjak, la sua grande rivale, la campionessa olimpica in carica, non era solo una di loro. Ma vincerla nella lotta per l’oro era meglio. Ciliegia sul dessert.

Agbegnenou in oro: rivivi la sua storica vittoria con il video

Au-delà du titre, et même des titres, puisqu’elle s’était imposée aux Championnats du monde au mois de juin avant de contribuer activement au sacre de l’équipe de France dans le Team Event a Tokyo, ilc restera de la consé de Clarisse Agbegnenou une émotion incomparable et peut-être une des images de l’année: une fois l’or en poche, elle a fondu en larmes sur le tatami, comme une digue qui s’ouvre après avoir retenu trop stress longtempet Pressure.

Poi la somma degli sforzi profusi sul suo volto, queste migliaia di ore per soffrire, prepararsi e controllare si sono misurate nel giro di pochi minuti. Questa è la vita dell’eroe, dove i sogni sono precari e virtuali. Ma quando prendono vita, come fecero con Clarice Agpegno il 27 luglio 2021, la loro forza ha qualcosa di incomparabile, anche per noi, che arrestiamo solo da lontano.

Clarice Agpegno è una macchina che non lascia nulla al caso.

Il suo anno in 5 date

9 giugno: A Budapest conquista il suo quinto titolo mondiale. Ha vinto i suoi cinque incontri con l’EPON e ha concluso con successo la finale contro la slovena Andreja Leske.

5 luglio: Clarisse Agbegnenou è nominata portabandiera della delegazione francese a Tokyo per partecipare alla cerimonia di apertura insieme al ginnasta Samir Ait Said.

27 luglio: quattro giorni dopo la cerimonia di apertura, la giuria di Champigny si rivolge alla Francia vincendo l’oro olimpico nella categoria under 63kg dopo essersi presa una rivincita in finale su Tina Trstenjak. Ora ha vinto tutto.

Dopo l’oro, Marsiglia ad Agbegnenou, mano nella mano sul cuore

31 luglio: il secondo oro di Agbegnenou, questa volta nella gara a squadre, guadagna un punto in finale battendo il campione olimpico dei 70kg, classe sovrappeso, il giapponese Chizuru Arai.

29 settembre: Sul set di C à Vous in France 5, rivela di essere stata vicina alla morte sin dalla sua nascita. Nata prematuramente con il fratello gemello, aveva poche possibilità di sopravvivere. “Ero in coma.Loro (i medici) hanno detto ai miei genitori: “Devi separarla, è complicato”. I miei genitori hanno detto: No, no, no. È una combattente e combatterà. Hanno aspettato qualche settimana, qualche giorno, e sono tornati con degli specialisti e hanno detto: “Beh, non tornerai, la separeremo …”, e in quel momento mi sono svegliato. “

Atleti dell’anno

Thomson Hera, fulmine al femminile

17 ore fa

Omni Sport

Man U, Top 14 e Top 2, Periodo dell’anno, Sci: Novità sull’Altopiano

un giorno fa