Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Rugby – Coppa delle Nazioni: L’interpretazione sbagliata della storia

Rugby – Coppa delle Nazioni: L’interpretazione sbagliata della storia

Il rugby mondiale guarda già al futuro. In attesa della partita finale della Coppa del Mondo 2023, che riunirà sabato sera Nuova Zelanda e Sud Africa, l’organizzazione ha ratificato, attraverso una votazione tenutasi martedì al Roland Garros, la nascita anticipata della Coppa delle Nazioni. Questo vedrà la luce tra tre anni, nell’autunno del 2026, e avverrà ogni due anni. La sua integrazione in un calendario molto fitto ha suscitato qualche esitazione, soprattutto da parte della Francia. Ma i perdenti della storia, alla fine, saranno sempre loro stessi. Sono paesi piccoli.

Come sarà esattamente la Coppa delle Nazioni? Se le caratteristiche precise di questa nuova competizione sono ancora da chiarire, le conosciamo a grandi linee. La prima divisione sarà composta dalle migliori dodici squadre: quelle del Campionato Sei Nazioni (Francia, Irlanda, Inghilterra, Galles, Scozia, Italia), quelle del Campionato di Rugby (Nuova Zelanda, Sud Africa, Australia, Argentina) e due” invitati”, molto probabilmente il Giappone e le Fiji.

Il mondo ha commesso un errore nel prevedere la lotteria?

Per quanto riguarda la seconda divisione, riunirà i paesi classificati tra il 13° e il 24° posto nella classifica mondiale. Attualmente, a titolo informativo, troviamo in questo periodo Portogallo, Georgia, Samoa, Tonga, Uruguay, Stati Uniti, Spagna, Romania, Namibia, Cile, Canada e Hong Kong.

Poster delle scommesse per sostituire le partite di prova

Ogni squadra affronterà sei concorrenti del proprio campionato, durante le partite in programma a luglio e novembre, con le due migliori squadre che si affronteranno nella finale. I turni estivi e autunnali vedranno quindi le tradizionali partite di prova sostituite da manifesti su tematiche sportive specifiche, poiché si tratterà di determinare la classifica e al termine della prova verrà assegnato il titolo. Il calcio ha una propria Nations League, recentemente installata nel calendario al posto delle amichevoli senza grande interesse. L’idea è quasi la stessa per la Coppa d’Africa, che genererà, si immagina, entusiasmanti contratti televisivi.

READ  Carlos Sainz (Ferrari) vince il Gran Premio di Singapore e Max Verstappen finisce quinto
immagine

Sudafrica – Inghilterra | Semifinale della Coppa del mondo di rugby 2023

Credito: immagine

Certo, possiamo legittimamente dubitare che conquistare questo nuovo trofeo, sul quale dovranno costruire una storia e cercare di acquisire prestigio, diventi l’obiettivo finale per le stelle di domani. Tuttavia, dare più entusiasmo e importanza agli shock estivi e autunnali è una buona idea, anche se le partite di prova che la Francia ha giocato contro gli All Blacks o gli Springboks, rispettivamente nel 2021 e nel 2022, non sono state prive di intensità. D’altro canto non possiamo fare a meno di deplorare l’apparente emarginazione delle “piccole nazioni” nel rugby.

Una questione di credibilità e di immagine

La Coppa del Mondo del 2023 è stata così prolifica in termini di risultati che a volte è stata addirittura imbarazzante, evidenziando il profondo divario che ancora separa le selezioni di massimo livello da quelle di secondo livello. Altri, i proprietari del circo”, si è lamentato Pablo Lemoine dopo la devastante sconfitta del Cile contro l’Inghilterra (71-0). L’allenatore dei Condors ha aggiunto: “Tra quattro anni sarà lo stesso e avremo 60 punti contro queste squadre”. sono profondi cambiamenti a livello internazionale.

immagine

“No, i francesi non sono cattivi perdenti”, sibilò O’Keefe.

Anche se è stato appena annunciato che la Coppa del Mondo 2027 sarà estesa a 24 squadre, World Rugby avrà un vivo interesse nel sostenere paesi che, come Cile, Uruguay e Portogallo, chiedono solo di essere “vicini al livello dei migliori ”. In gioco c’è la credibilità dell’evento, ma anche l’immagine della disciplina. Questo è semplicemente il senso della storia. Per avanzare, queste scelte devono confrontarsi regolarmente con i migliori concorrenti. Tuttavia, ciò è attualmente impossibile nell’ambito del Sei Nazioni o del Campionato di rugby, che si conclude in due turni.

Sistema su e giù… a partire dal 2030

Il rugby avrebbe molto da guadagnare dall’apertura, incoraggiando i giocatori più anziani ad affrontare i giocatori più giovani il prima possibile. Permette invece ai Giants di continuare a divertirsi tra loro e a dividersi le fette più grandi della torta finanziaria. I più piccoli vengono sempre lasciati indietro. Se il corso della storia non cambia, li rivedremo solo una volta ogni quattro anni, periodo dei Mondiali. E ogni volta ci vergogneremo di vederli calpestati.

immagine

I Blues dovrebbero rientrare nella top 14 il prima possibile?