Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Chi sei Stéphane Diarra, futuro dipendente ASSE?

Chi sei Stéphane Diarra, futuro dipendente ASSE?

Volendo un attaccante in più, l’ASSE accetterà il prestito senza la possibilità di acquistare il nasello Stéphane Diarra. Questo giocatore rinforzerà la squadra che ha segnato solo 1 gol in 2 partite. vista del giocatore.

Sun Côte d’Ivoire si è formato all’ETG

  • 24 anni (9 dicembre 1998)
  • Costa d’Avorio
  • 1m73
  • Ala destra
  • Gosher
  • Sotto contratto con l’FC Lorient dal 2020 al 2025
  • Stagione 2022/23: 30 partite, 1.220 minuti giocati (circa 41 minuti a partita), 3 gol

Racconta la sua infanzia in un’intervista del 2020 per MaLigue2 :”Sono nato ad Abidjan, in Costa d’Avorio, prima di arrivare in Francia con i miei genitori all’età di sei anni, prima vicino a Lione e poi in periferia a Bron. Ha iniziato a giocare a calcio all’età di otto anni all’AS Cheminots de Saint-Priest e poi è passata a un club più prestigioso, l’AS Saint-Priest. Quando sono entrato al college, mi sono iscritto a Sports Studies e poi all’Evian TG Training Center all’età di 15 anni. All’epoca esistevano processi di scoperta “aperti” in cui era possibile inviare la domanda online. Una sera ho visto una pubblicità su Google. Mi sono iscritto alle 22:00 ed entro le 23:00 ho avuto una risposta e un appuntamento pochi giorni dopo. Ricordo anche che c’era Pascal Dupraz a bordo campo durante lo scouting. Io non sapevo chi fosse ma appena è arrivato tutti gli stavano intorno e volevano parlargli. Dopo di che l’ho incontrato.

Allenato nel club di Pascal Dupraz a Evian Tonon Gaillard, il nativo di Abidjan giocherà le sue prime partite in Ligue 2 nel 2016. Poi, troverà una via d’uscita a Rennes dopo il fallimento del club. Haute-Savoyard nel luglio 2016 Dopo due stagioni con le riserve di Breton, è stato ceduto in prestito al Le Mans National 1 nel luglio 2018.

READ  Jerome Rothen si occupa di Lucas Paqueta

Grazie ad una buona stagione contribuì all’ascesa di Manco in seconda divisione ed entrò definitivamente nel club del Sartua. Nel 2019-2020 disputa una stagione in Ligue 2 con 23 presenze con 3 gol e 3 assist e vede aprirsi per lui il progetto Lorient. Dopo 56 partite di Ligue 1, il 24enne verrà ceduto in prestito al Frese per la stagione 2023-2024.

24 Johan L’Epinant (1°) – 07 Stéphane Diarra (fcl) durante la partita Uber Eats Serie A tra Lione e Lorient allo stadio Groupama il 5 marzo 2023 a Lione, Francia. (Foto di Christophe Saidi/FEP/Icona Sport)

infortuni frequenti

Stéphane Diarra ha visto le sue prime due stagioni al Lorient in gran parte interrotte da infortuni. lo scorso ottobre a mercato dei piediParla dei cambiamenti che ha dovuto fare per proteggere il suo corpo: “Jcambio di chef. Ora tutto quello che mangio viene pesato, quali proteine ​​assumere vengono discusse con il club. Tutto ciò di cui ho bisogno in termini di cibo è un millimetro a settimana. Ad esempio, per non mangiare molta carne rossa, mangio più pesce. Lo rispetto totalmente. Dormo anch’io, cerco di essere a letto entro le 22:30. Perché dormo e dormo minimo 8:30/9.

Sono stato contagiato praticamente per 8 mesi. Sapevo che non poteva durare. E anche se fosse continuato, avrei combattuto. Ho una mente solida. Non mi fermo mai, finché non mi dicono: ‘Ferma il calcio, è definitivo. “

Il francese ivoriano organizza anche sessioni per intensificare muscolarmente il suo corpo ed evitare così infortuni, afferma L Calcio 365 :”Devi sapere che quando sono arrivato a Lorient pesavo 61 chili. Oggi ho 67 anni e mezzo. Sto ancora lavorando molto sul lato fisico. Faccio molto allenamento per la forza della parte superiore e inferiore del corpo, quattro sessioni a settimana per continuare a fare progressi su quel fronte. Ligue 1 Fisico. Devi essere duro per esibirti a questo livello”.

ingrandito

Diarra è un esterno circolare, ha una grande capacità di velocità, questo tipo di giocatore farà male alle difese avversarie. Potente e provocatorio, questo giocatore mancino cercherà regolarmente di fare la differenza con il suo dribbling. In un’intervista, si è descritto nel 2020 come “matassa, scaltro. Non penso, agisco d’istinto. Quando devo dribblare un giocatore, non mi dico “passerò a sinistra” o “passerò a destra”. Faccio tutto d’istinto. “

READ  Dopo Peraldo e Moscardo, è nota la nuova priorità nel mercato invernale?

Inoltre, lo stesso Stéphane Diarra racconta a Foot Mercato: “Se non ci provi, non puoi essere decisivo. Se ci provo, fallirò, ma alla fine passerà e questo sarà il problema. Devo essere sicuro delle mie qualità. Certo, perderò palloni, come tutti, anche i grandi giocatori, ma quando andrò sarà un bene per la mia squadra.

Viene utilizzato principalmente come esterno destro e quindi in caso di piede sbagliato deve guadagnare stats (segnando più gol e dando più assist). Inoltre, Diarra ammette che “Devo essere più decisivo per la mia squadra. Questo è quello che stai chiedendo all’aggressore”.

Ha una certa versatilità perché è stato utilizzato più volte anche come seconda punta. Potrebbe avere un profilo complementare a Brahim Sissoko, soprattutto in assenza di Brahima e Guy.

Ecco un grafico per confrontarlo con le ali L1 medie. Dati che andranno necessariamente migliorati in lega 2 con contrasti meno forti.

Gallo o elefante nel futuro?

Il franco-ivoriano ha la doppia nazionalità e può quindi scegliere i colori del Paese che vuole difendere. Ammette lo stesso che al momento non ci sono contatti per entrare in nazionale: “In tutta onestà, sono molto concentrato sulla mia carriera da club. La selezione è buona, è un vantaggio. Ma la mia prestazione è in modo tale che un giorno mi porterà nella squadra della Francia o della Costa d’Avorio. Questo è ciò che mi renderà speciale. Cerco solo di essere il più efficiente possibile con la mia squadra. E quando ricevo una chiamata, rispondo da il cuore, con orgoglio. Non ho fatto la mia scelta, ma sono ancora nato in Costa d’Avorio e cresciuto in Francia. Quindi è una scelta difficile… Vedremo quando sarà il momento”.

READ  "Stavo tornando", ha confidato l'allenatore del Revel a Luis Enrique al termine della partita

Anteprima nelle immagini di avvio