Dicembre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Champions League: il Barcellona è ‘piccolo’ in Europa?

Un gigante in declino: dopo essere stato eliminato mercoledì dalla fase a gironi di Champions League per la seconda stagione consecutiva, l’FC Barcelona continua a perdere soldi e prestigio, al punto da vedersi una spaccatura europea. Nonostante le stravaganti reclute estive, il Barcellona è diventato ‘piccolo’ in Europa? La domanda è sorridente, ma infondata dopo questa famigerata trasferta, la seconda consecutiva per coach Xavi.

Al vertice del continente dieci anni fa, con la famosa partita ‘Tiki-Taka’ di Pep Guardiola (2008-2012) e perfettamente eseguita da Lionel Messi, Andres Iniesta e lo stesso Xavi, il club catalano si trova costretto a gareggiare ancora una volta nel Europa League meno redditizia e meno conosciuta. .

Champions League

Inoltre, il Barcellona ha preso una stanza

7 ore fa

Tuttavia, l’FC Barcelona è ancora uno dei 5 club più ricchi del mondo. Secondo lo studio Football Money League che Deloitte pubblica ogni anno, il Barcellona ha generato 582 milioni di entrate nel 2020-2021, più di leader europei come Paris Saint-Germain, Liverpool o Chelsea.

Il suo stadio, il Camp Nou, è ancora il più grande d’Europa (99.000 posti a sedere) ed è sull’orlo di una standing ovation. Il suo centro di allenamento, La Masia, rimane tra i migliori al mondo e ogni anno fa emergere alcuni tra i migliori talenti mondiali, come Pedri o Gavi, gli ultimi vincitori del Trofeo Kopa, premiando la migliore speranza durante il Galà del Pallone d’Oro .

Oltre al Real Madrid, il Barcellona è il club più seguito del pianeta sui social network, con circa 260 milioni di followers (contro i circa 280 milioni del Real).

READ  Mercato | Mercato - ASSE: Romierre e Katsuo ricevono due enormi lettere per vendere il club!

ammettere il fallimento

Ma eccolo qui: sulla Terra, non tutto va come previsto. Nonostante l’attivazione di diverse leve economiche, l’ingente contratto di sponsorizzazione firmato con Spotify, tutte le quote degli asset in pegno, 143 milioni di euro spesi e i sette giocatori reclutati durante il mercato di questa estate, i catalani sono stati esclusi dalla Champions League non appena l’autunno per la seconda stagione, rispettivamente, hanno superato nel proprio girone Bayern Monaco e Inter. Non succedeva dalla stagione 1998-1999, 24 anni.

Una terribile ammissione di fallimento contro il Real Madrid, campione d’Europa in carica ed eterno rivale della capitale spagnola, che ha corretto il Barcellona per 3-1 al Clasico al Bernabéu il 16 ottobre. Temiamo il peggio per il resto della stagione del Barcellona, ​​dopo la sosta ai Mondiali in Qatar (20 novembre – 18 dicembre).

Già nella scorsa stagione la cessione della C1 aveva rovesciato il Barcellona, ​​già visto dalla partenza del suo logo Lionel Messi al Paris Saint-Germain e indebolito da molteplici terremoti economici e istituzionali. In primavera, i catalani (3-2, 1-1) sono caduti nei quarti di finale di Europa League contro l’eventuale vincitore della competizione, l’Eintracht Frankfurt.

cura

Credito: Getty Images

20 milioni di perdite

A parte l’aspetto etico, questa esclusione precoce ha un costo. Il 9 ottobre, durante l’assemblea generale ordinaria del Barcellona, ​​la dirigenza ha presentato un budget provvisorio record di 1.255 miliardi di euro… supponendo che la loro squadra avrebbe almeno raggiunto i quarti di finale di Champions League.

Abbandonando la fase a gironi, il Barcellona ha così perso i bonus di merito pagati dalla UEFA: 9,6 milioni per qualificarsi agli ottavi e 10,6 milioni per qualificarsi ai quarti di finale.

O, in tutto, un deficit di almeno 20,2 milioni… irreparabile anche in caso di vittoria in Europa League (l’intera trasferta fino a una potenziale vittoria porterà a 14,4 milioni).

Per non parlare delle carenze causate da scarsi risultati nella fase a gironi (3,6 milioni di euro su 10,8 possibili per cinque vittorie in cinque partite), o perdite di biglietti e prodotti derivati, dato che le competizioni in C3 probabilmente susciteranno meno interesse di i grandi manifesti per C1.

Vincere l’European League ripristinerà l’immagine sbiadita del Barcellona? difficile da credere. Il Barcellona è sicuramente uno degli istigatori della Premier League, ma tiene ancora il suo posto in Champions League…

lega

Una lezione elaborata si è svolta con Dembele: “Ecco perché volevo che restasse”

23/10/2022 alle 22:47

lega

Dembele rende felice il Barcellona

23/10/2022 alle 20:57