Maggio 16, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Baguette a 0,29€: criticato da FNSEA, Michel Edouard Leclerc critica le “Dispute del Vecchio Mondo” – 17/01/2022 14:20

(Foto di Jules Saget/AFP) (AFP/ Jules Saget)

(Foto di Jules Saget/AFP) (AFP/ Jules Saget)

“I negoziati sono appena iniziati. Non so in quale veste (FNSEA) possano parlare”, ha chiesto in privato Michel-Edouard Leclerc, capo del Comitato strategico dei grandi magazzini E.Leclerc.

ospite su un gruppo di

Affari BFM

Lunedì 17 gennaio Michel-Edouard Leclerc, capo del Comitato strategico E.Leclerc Stores, è tornato sulle critiche formulate da Christian Lambert, presidente della FNSEA – la prima associazione agricola – che lo accusava di voler mantenere un basso livello . Prezzi del cibo.

“Questi sono argomenti che non hanno senso, sono argomenti del mondo antico. Primo, i negoziati sono appena iniziati. Non so in quale veste lei possa parlare”, iniziò.

“Ho un campo da difendere, per i miei clienti, la FNSEA sa che ci sono molti aumenti nei prodotti alimentari che devono essere trasmessi ai consumatori, il 25% delle nostre vendite di cibo è influenzato da un aumento del 6% degli ordini. Se noi dobbiamo lavorare sulla rivalutazione dei prodotti agricoli senza intimidire i consumatori, dobbiamo fare il nostro lavoro e ho bisogno di rassicurare i consumatori”, ha continuato Michel-Edouard Leclerc.

E il Presidente del Consiglio di Amministrazione ha proseguito: “Anche se ci sono prezzi che salgono, aumenteranno”. Ciao FNSEA: I tuoi prezzi aumenteranno ma non potrai mai permetterteli, e quindi devi permetterci di gestire questo rapporto di fiducia con il consumatore”, il Comitato Strategico per E.Leclerc Stores.

“Quello che è certo è che chiediamo ai produttori francesi di essere trasparenti, chiederemo se stanno effettivamente acquistando a un prezzo più alto, chiederemo fatture e, se sì, la legge richiederà la tutela dei prodotti agricoli, non pressione, quindi applichiamo la legge”.

Baguette a 29 centesimi

Michel-Edouard Leclerc ha annunciato martedì che avrebbe congelato il prezzo delle baguette nei negozi del gruppo a 29 centesimi di euro – o addirittura 23 centesimi – per sei mesi, in nome della difesa del potere d’acquisto dei francesi. contesto inflazionistico.

Cereali, molini e fornai, così come la FNSEA in un comunicato congiunto, hanno denunciato “i prezzi che distruggono deliberatamente i valori”, indignati per la “dichiarazione demagoga”.

Christian Lambert, Presidente di FNSEA

BFMTV

: “Michel-Edouard Leclerc si oppone all’aumento del prezzo del grano – discute di tutto, è un classico! In 20 anni il prezzo del grano è raddoppiato. Siamo passati da 150 a 300 euro. La baguette prende un centesimo a anno! Quando la farina aumenta molto, da Bisogna passare gli aumenti a fine filiera. E se no, chi riscuote la perdita? Il contadino o il mulino. I fornai hanno appena accettato gli aumenti del prezzo della farina , non capiscono perché allo stesso tempo “spezzerò”, ha detto Michel-Edouard Leclerc.

Il Presidente del Comitato Strategico di E.Leclerc Stores ha risposto: Ancora su

BFMTV,

che “non ha mai avuto a che fare con una controversia così ridicola”.

“Eravamo già a questo prezzo, sono le baguette al primo prezzo, e sono le baguette che vendiamo a milioni (…). Di fronte all’imminente inflazione, abbiamo voluto prendere un segno della nostra intenzione di non andare oltre alzare il prezzo senza discussione e senza moderazione”.

“La questione del potere d’acquisto sarà la questione principale per il prossimo semestre” “A questo prezzo abbiamo tenuto conto di due rincari che i frantoi ci hanno chiesto di subire” e “accettiamo la santificazione dei prodotti agricoli” come Egalim la legge lo impone, ha difeso il presidente del Comitato Strategico Magazzini E.Leclerc, considerando che FNSEA “gli sputa in faccia” con questa polemica.

Michel-Edouard Leclerc ha dichiarato: “È molto importante che quando il muro dell’inflazione colpirà – penso che saliremo al 4% dell’inflazione – che il settore privato faccia uno sforzo”, sorprendendo che “quando il prezzo dell’elettricità sale, noi scoprire che lo stato deve intervenire (…) Ma quando il settore privato congela i prezzi, non va bene. È un argomento senza senso, i nostri consumatori non vedono le cose in questo modo”.

“La questione del potere d’acquisto sarà la questione principale per i prossimi sei mesi”, ha affermato. Il prezzo di una baguette è “un indicatore molto forte, che ricordiamo come il prezzo del carburante”, secondo Michel-Edouard Leclerc, che ha confermato di voler congelare il prezzo di altri beni di prima necessità.

READ  Decentraland (MANA) vince il 370% e chiude velocemente $5