Maggio 21, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Economia cinese sotto pressione, nonostante la crescita record nel 2021

La ripresa è stata indebolita dagli alti prezzi delle materie prime e dalla crisi immobiliare con le battute d’arresto di Evergrande, sull’orlo del fallimento.

Crescita record da un decennio ma l’economia è sotto pressione. Se lunedì 17 gennaio la Cina annuncia un aumento del Pil dell’8,1% nel 2021, il Covid-19 mette ancora pressione sulla ripresa del colosso asiatico. Il paese si è ampiamente ripreso dallo shock iniziale dell’epidemia, ma focolai sporadici hanno continuato a interrompere l’attività.

La politica “zero covid”, che consiste nel fare di tutto per ridurre il più possibile l’incidenza di nuovi casi, ha permesso di eliminare rapidamente l’epidemia nel 2020. Ma ha un costo sociale ed economico elevato. Pertanto, il settore dei servizi (intrattenimento, turismo, alberghi e ristoranti, trasporti, ecc.) non è ancora tornato al livello pre-pandemia.

“tripla pressione”

La ripresa è stata inoltre indebolita dall’aumento dei prezzi delle materie prime e da una crisi immobiliare con battute d’arresto per il promotore Evergrande, sull’orlo del fallimento. di fronte all’economia cineseTriplo clicNing Jize, un funzionario del National Bureau of Statistics (BNS), ha ammesso alla stampa lunedì, riferendosi a una contrazione della domanda, tensioni nelle catene di approvvigionamento e bassi obiettivi economici. In questo contesto, la Cina ha comunque registrato una crescita dell’8,1% lo scorso anno.

Questo è il ritmo più veloce dal 2012. Pechino si è posta un obiettivo di crescita del 6% per il 2021. Un gruppo di analisti intervistati dall’AFP prevede un aumento medio del PIL dell’8% per il 2021.

READ  «Qui voudrait recourir aux services du français Gefco, dont le principal actionnaire, la Société des chemins de fer russes, participe à l'effort de guerre ? »

Nel quarto trimestre la crescita del colosso asiatico ha perso vigore (+4% YoY), dopo il 4,9% del trimestre precedente. Nel primo trimestre il PIL è rimasto stabile al 18,3%. Una percentuale elevata è associata a una base debole per il confronto con l’inizio del 2020, quando l’epidemia ha paralizzato la sua attività. Da un trimestre all’altro, il PIL è aumentato dell’1,6%.

Nonostante la cautela, il dato ufficiale di crescita rimane soggetto a controllo, dato il peso della Cina nell’economia globale. Così il Paese appare come una misura di ripresa. Nel 2020, la Cina è stata una delle poche economie a registrare una crescita positiva (+2,3%), quando il Covid-19 ha colpito il resto del mondo, il tasso più debole in quattro decenni.

Calano le vendite al dettaglio

Le vendite al dettaglio, principale indicatore dei consumi, hanno registrato a dicembre la peggiore performance dall’estate 2020 (+1,7%). La produzione industriale, invece, è stata più forte del previsto il mese scorso, a +4,3% in un anno.

Dopo che sono emersi diversi casi di COVID-19, tre città cinesi – circa 20 milioni di persone – sono state messe in quarantena nelle ultime settimane. La variante Omicron altamente contagiosa si distingue per un numero limitato di casi. “Ciò comporterà sanzioni significative per il settore dei servizi, in particolare dei consumi e dei trasporti.L’analista Yu Su avverte dell’Economic Information Unit (EIU).

Tanto più che le autorità sono particolarmente vigili sull’avvicinarsi delle Olimpiadi di Pechino (4-20 febbraio) e dei grandi viaggi del capodanno lunare (1 febbraio).

READ  Secondo uno dei fondatori di Solana, il metaverso "esiste davvero"!

Cadere nel tasso di riferimento

Le rigide misure sanitarie stanno così comprimendo l’economia che la potenza cinese dovrebbe “Riconsiderare la politica zero CovidYu Soo pensò. In segno delle difficoltà dell’economia cinese, lunedì la banca centrale ha tagliato il tasso di interesse di riferimento per la prima volta da aprile 2020. La misura mira ad alleviare la pressione sulle istituzioni finanziarie di piccole e medie dimensioni per incoraggiarle a concedere più credito , a condizioni più favorevoli, alle imprese.

Sul fronte occupazionale, il tasso di disoccupazione, misurato in Cina solo nelle aree urbane, è stato del 5,1% a dicembre (contro il 5% del mese precedente). Questa cifra, che le autorità stanno monitorando in modo particolare, esclude dai loro calcoli milioni di lavoratori migranti, che sono stati indeboliti dall’epidemia. Il tasso di disoccupazione ha raggiunto il massimo storico del 6,2% della popolazione attiva urbana nel febbraio 2020. Per quanto riguarda gli investimenti in immobilizzazioni, la sua crescita è rallentata drasticamente a dicembre al 4,9%, secondo la Banca nazionale svizzera.

Anche il tasso di natalità in Cina è sceso lo scorso anno a un livello storicamente basso, almeno dal 1978, secondo i dati ufficiali, in un contesto di incertezza sul futuro e sul costo dell’istruzione.

Il tasso di natalità nel paese più popoloso del mondo era di 7,52 nascite ogni 1.000 persone nel 2021. Questo tasso era di 8,52 l’anno precedente. Questo è il numero più altofastidiosoLo ha rivelato lunedì, secondo l’economista Zhiwei Zhang, a Pinpoint Asset Management. perché “Ciò indica che il potenziale di crescita (anche) della Cina potrebbe rallentare più velocemente del previsto».

READ  Francia Inter resta la radio più ascoltata