Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Apple ha imposto nuove concessioni sul suo App Store

Apple si sta ancora arrendendo. Il produttore di iPhone ha annunciato mercoledì 1 che una fionda permanente prende di mira i termini di utilizzo dell’App Store, il suo app store.egli è A settembre, ora consentirà ad alcune app come Spotify, Netflix o Deezer di includere un collegamento al loro sito. Ciò consentirà agli utenti di sottoscrivere o gestire il proprio abbonamento, senza passare dal sistema di pagamento di Apple e, di conseguenza, senza pagare la commissione dal 15% al ​​30% dovuta al gruppo statunitense.

Leggi anche Google e Apple mirano alla legge sudcoreana che pone fine al monopolio dei pagamenti delle app

Questa licenza è riservata alle applicazioni che sono ritenute essere “lettori” Contenuti culturali e mediatici: musica, serie, film, giornali, riviste, libri… Ma tocca un punto dolente che da tempo rivendica leader in questo settore, come Spotify o Netflix, che sono diventati membri attivi della rivoluzione contro il App Store. Tous deux avaient même cessé d’offrir la possibilité de s’abonner dans leur application, pour éviter de payer la commission d’Apple, jugée exorbitante (pour les abonnements, elle est de 30% la première année de part%, puir the second ). Apple ha da tempo giustificato il suo sistema come un modo per proteggere e finanziare il suo App Store, in cui le app vengono riviste e convalidate manualmente.

Il ritiro di Apple arriva meno di una settimana dopo altre concessioni: il 26 agosto, Tim Cook ha permesso agli sviluppatori di indirizzare i propri utenti via e-mail, notificando loro la possibilità di acquistare abbonamenti diretti o altri prodotti online. Per le “piccole” applicazioni (meno di 1 milione di dollari – 844.000 euro – volume di vendita annuo), il gruppo americano ha annunciato un fondo di sostegno di 100 milioni di dollari. Queste PMI nell’App Store avevano già, alla fine del 2020, una riduzione della loro commissione al 15%, in nome delle difficoltà incontrate durante la pandemia di Covid-19. Apple ha esteso questa eccezione ai prossimi tre anni. Parallelamente, il produttore di iPhone ha continuato a criticare gli editori “troppo grandi”: Spotify, Netflix o Epic, il creatore del gioco. È un gioco elettronicoSono presentati come aziende pesanti che cercano solo di sfruttare l’App Store senza pagare nulla.

READ  L'armatore francese CMA CGM porta nuovi soldi a Brittany Ferries

in difesa

Ci sono due modi per guardare alle modifiche apportate da Apple: in primo luogo, è un modo per dividere il campo degli avversari e anche un tentativo di persuadere le autorità o chiudere varie azioni legali contro l’App Store. Pertanto, la modifica concessa alle app Reader è stata avviata a seguito di un’indagine da parte dell’Autorità giapponese per la concorrenza, che ha accettato di chiuderla. La concessione su e-mail e app “piccole” è una proposta di composizione amichevole per evitare una causa, a seguito di una denuncia da parte degli sviluppatori statunitensi.

Hai ancora il 32,24% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.