Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Whatsapp ha colpito con una multa record dal regolatore irlandese

Inserito il giovedì 02 settembre 2021 alle 17:35

L’autorità digitale irlandese Whatsapp, una sussidiaria del colosso dei social media Facebook, è stata colpita da una multa record di 225 milioni di euro per violazione delle normative europee sulla protezione dei dati personali.

La sanzione è la più grande mai imposta dal regolatore irlandese e la seconda da un regolatore digitale in Europa, dopo la multa di 746 milioni di euro contro Amazon a luglio in Lussemburgo per non aver rispettato le normative europee sui dati privati ​​degli utenti di Internet.

Dopo una lunga indagine, l’Autorità irlandese per la protezione dei dati (DPC) ha imposto una “multa di 225 milioni di euro a Whatsapp” e “ha anche imposto un rimprovero” a questa controllata di Facebook, premendo per il “compliance”.

Il regolatore irlandese supervisiona Facebook per conto dell’Unione Europea, poiché la società ha sede in quel paese.

L’indagine avviata nel 2018 si è concentrata sul rispetto da parte di Whatsapp degli obblighi di trasparenza previsti dal Regolamento europeo sulla protezione dei dati (GDPR), in particolare “sul trattamento delle informazioni tra Whatsapp e altre società di Facebook”.

Dopo aver ricevuto le prime conclusioni dell’indagine, il regolatore europeo, che comprende 27 autorità nazionali europee per la protezione dei dati, lo scorso luglio ha chiesto alle autorità irlandesi di “condurre rapidamente nuove indagini” e andare avanti con le sanzioni proposte.

Catturato in particolare dall’autorità tedesca dopo le controverse modifiche alle condizioni di utilizzo del sistema di messaggistica, l’autorità europea in particolare voleva maggiori informazioni sull’uso che Facebook intendeva fare dei suoi dati sussidiari, e in particolare sulle possibilità di riferimenti incrociati relative all’uso di identificatori univoci.

READ  Ricezione PS5 supportata con il tuo abbonamento in fibra (ma affrettati)

– ‘Sanzioni sproporzionate’ –

Nella sua decisione, il DPC ha citato “violazioni gravissime” della trasparenza e una “significativa mancanza di informazioni” fornite all’utente.

“Il mancato rispetto del principio di trasparenza potrebbe minare altri principi fondamentali della protezione dei dati”, compresi i “principi di equità e responsabilità”, osserva il regolatore.

Giovedì, un portavoce di Whatsapp ha denunciato le “pesanti sanzioni sproporzionate”, facendo notare che la società avrebbe presentato ricorso.

“Whatsapp si impegna a fornire un servizio sicuro e privato. Abbiamo lavorato per garantire che le informazioni che forniamo siano trasparenti e complete e continueremo a farlo.”

David Martin, un funzionario dell’ufficio europeo, ha risposto su un quotidiano che la sanzione di Whatsapp era “troppo tardiva. Invia un messaggio serio a Facebook e ai suoi affiliati che il mancato rispetto delle norme europee sulla protezione dei dati ha delle conseguenze”. pubblicazione.

L’Unione Europea per la Difesa dei Consumatori ha precisato di aver sporto denuncia separata contro Whatsapp, che accusa di “esercitare pressioni ingiuste” sugli utenti affinché accettino le recenti modifiche alle condizioni d’uso del sistema di messaggistica.

Le denunce contro Facebook e i giganti digitali europei stanno crescendo, nonostante gli attivisti accusino l’autorità irlandese di essere troppo compiacente e lenta, poiché Dublino beneficia delle entrate fiscali di diverse multinazionali con sede in Europa.

Il regolatore irlandese aveva proposto una sanzione iniziale di 50 milioni di euro e costretto altre autorità europee ad aumentarla a 225 milioni di euro, Max Schrems ha accolto in un comunicato stampa, la figura della lotta per la protezione dei dati personali e il fondatore del non -organizzazione governativa “NOYB” (non sono affari tuoi).

READ  Oltre 1 miliardo di dollari Ethereum è stato bruciato dall'ultimo hard fork di Londra

“Accogliamo con favore questa prima decisione del regolatore irlandese. Ma (quest’ultimo) ha ricevuto circa 10.000 denunce all’anno dal 2018 e questa è la prima grande multa”, ha comunque lamentato Shrims, alla radice di un lungo stallo con la comunità rete fondata da Mark Zuckerberg.