Febbraio 8, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un test delle urine può rivelare i segni

Gli scienziati affermano che un semplice test delle urine può rilevare il deterioramento del cervello molto prima che i sintomi dell’Alzheimer peggiorino. spiegazioni.

La malattia di Alzheimer sconvolge la vita quotidiana di milioni di persone in tutto il mondo. Patologie con gravi conseguenze possono essere diagnosticate molto prima, secondo le conclusioni di una nuova ricerca scientifica pubblicata sulla rivista Frontiers in Aging Neuroscience e riportata da il Sole. Dicono che un semplice test delle urine può rilevare il deterioramento del cervello molto prima che i sintomi peggiorino.

Nello specifico, funziona rilevando alti livelli di acido formico, che secondo loro sono segnali d’allarme per il cervello. “Le prime fasi della malattia si verificano prima della fase della demenza irreversibile, e questa è la finestra d’oro per l’intervento e il trattamento”. Il Dr. Qihao Guo ha menzionato, spiegando che il prof Screening diffuso per la malattia di Alzheimer in fase iniziale ero “Indispensabile per gli anziani”.

Video – Dr Christian Recchia: “Per evitare l’Alzheimer ci sono una serie di cose su cui abbiamo il controllo, che possiamo fare”

“pratico e redditizio”

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno invitato 574 persone, divise in cinque gruppi. Alcuni avevano l’Alzheimer, altri no. I risultati sono definitivi. Con il progredire della malattia, i livelli di acido formico urinario hanno mostrato una tendenza generale al rialzo. hanno detto i ricercatori. Hanno stimato che il rilevamento da parte dei biomarcatori urinari lo fosse “pratico e redditizio”.

Come promemoria, la malattia di Alzheimer è la malattia neurodegenerativa più comune. In totale, 55,2 milioni di persone sono affette da questa malattia o da una malattia correlata nel mondo secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Si stima che questo numero raggiungerà i 78 milioni nel 2030 e i 139 milioni nel 2050.

READ  La scienza nucleare, una potenza nella prevenzione delle epidemie

Video – Parkinson, Alzheimer ed epilessia: come individuare i primi segni