Gennaio 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Ambiente e clima: 7 cose da tenere d’occhio nel 2022

Obiettivi più ambiziosi…

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, o COP26, potrebbe aver prodotto risultati contrastanti e ci sono stati progressi: un gran numero di paesi ha accettato di sottoporsi a più obiettivi di riduzione dei gas serra. Ambizioso per il 2030 e il 2050. Ci sono motivi per ritenere che alla luce della conferenza COP27, che si terrà in Egitto a novembre, altri Paesi si imbarcheranno. rimane sicuramente E una lunga strada da percorrere Per tradurre queste ambizioni in azioni concrete: Nella sua ultima relazione A novembre, il Climate Action Tracker (CAT) ha stimato che dei 40 paesi che hanno analizzato le loro promesse di neutralità del carbonio, solo quattro avevano obiettivi “accettabili” per mantenere il riscaldamento al di sotto dei 2 gradi – e 28 dei 40 paesi non hanno fornito dettagli sufficienti per essere considerato, valutato. Ma il fatto che questi obiettivi esistano costringe questi stati a essere trasparenti, consentendo ad esperti indipendenti, come quelli del Comitato contro la tortura, di monitorare i propri progressi – o battute d’arresto.

…e un pubblico più consapevole…

Collegato al punto precedente, c’è il fatto che l’opinione pubblica è più che mai consapevole della necessità di un intervento urgente. Più questa consapevolezza valica le linee di parte, più i governi sono costretti ad agire. Indagine Dal Pew Research Center, che quest’estate ha incluso 16.000 adulti in 17 paesi, ha scoperto che la maggioranza (72%) è ora preoccupata per il cambiamento climatico, entusiasta di vedere i propri governi agire e pronta per i cambiamenti dello stile di vita (80%).

Con tali studi, il rovescio della medaglia è sempre che c’è una distanza tra la volontà di agire e l’atto stesso. Ma i ricercatori vedono motivo per incoraggiare Nel fatto che di anno in anno studi di questo genere mostrano una crescita costante della percentuale di persone che sono in ansia, che criticano l’inerzia del proprio Paese e che hanno già proposto gesti individuali.

READ  COP26 | Secondo Barack Obama, "La scienza non si occupa di appartenere a un partito".

…ma le emissioni sono in aumento.

Entro il 2020, le emissioni globali di gas serra hanno registrato un calo senza precedenti grazie al contenimento. Nel 2021, non solo queste emissioni raggiungeranno il livello che erano prima della pandemia, l’hanno passato. Cattive notizie: il carbone ha registrato una solida crescita, raggiungendo il massimo storico. Il motivo è duplice: da un lato, molti Paesi, compresa la Cina, sono ancora fortemente dipendenti dalle proprie centrali a carbone e, dall’altro, le energie verdi non hanno ancora raggiunto il livello in cui possono soddisfare la domanda globale. Di conseguenza, una delle tendenze più importanti da seguire nel 2022 sarà l’evoluzione della domanda di carbone, rispetto all’energia eolica o solare. L’Agenzia Internazionale per l’Energia pubblica regolarmente Rapporti in questo argomento.

Supporto nel sedile caldo…

Un’altra importante direzione da seguire nel 2022 sono i sussidi ai combustibili fossili. Gli ambientalisti ne hanno a lungo fatto una spina dorsale, sostenendo che l’energia verde sarebbe più competitiva se i governi non fornissero molti sussidi gratuiti alle industrie del petrolio e del gas, sotto forma di sussidi diretti o indiretti (sussidi, incentivi fiscali, ecc.). A novembre, Pubblicità Sotto l’azione della COP26 ha sollevato shockVenti paesi, compreso il Canada, hanno annunciato che entro un anno porranno fine ai sussidi ai combustibili fossili “offshore”. Non c’è supporto per le industrie sul suo territorio, ma questo gesto è chiaramente il prossimo passo.

… e un ambiente economico preoccupato …

Se arriviamo a questo, non è solo per l’opinione pubblica: gli ambienti economici e finanziari Presta sempre più attenzione Bollette causate da uragani, inondazioni e altre ondate di calore. Ora ascoltiamo parole un tempo inimmaginabili: dalla rivista L’economista Chi ha denunciato nel 2018 il calo del sostegno alle energie rinnovabili, fino alla pubblicazione della rivista medica bisturi che valuta i costi economici del cambiamento climatico per la salute. L’annuncio di 20 paesi è stato sostenuto da cinque banche statali, tra cui la Banca europea per gli investimenti. Senza dimenticare i fondi pensione e gli enti pubblici che quest’anno si sono aggiunti alla lista di coloro che disinvestono dai combustibili fossili. Un linguaggio difficile da ignorare per i leader politici.

READ  Catture di carbonio: cosa devi sapere

…ma non preoccuparti di tutti i problemi.

Tuttavia, non abbiamo percepito gli stessi guadagni di interesse per la protezione degli ecosistemi. Solo 6 dei 20 obiettivi fissati dai vari Paesi alla Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità 2010 sono stati parzialmente raggiunti nel 2020. Il prossimo incontro, che si terrà in Cina dal 25 aprile all’8 maggio, potrebbe dare vita a parametri più chiari, macchiare Che in teoria potrebbe tornare sul pulpito, o la piattaforma intergovernativa di politica scientifica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici. Questo organismo di biodiversità qual è l’IPCC per il cambiamento climatico, ma Non ha mai funzionato Unificare la comunità scientifica attorno ad esso, il che non aiuta a consolidare la sua influenza. passo in alto Per un “new deal per natura e persone” citato dal suo presidente. Nel suo ultimo rapporto, nel 2019, la piattaforma ha comunque stimato in un milione il numero di specie animali e vegetali a rischio di estinzione.

Problema di comunicazione?

Se c’è stato un tempo in cui era facile individuare la disinformazione sul cambiamento climatico – in pratica: farlo sembrare una bufala – è diventato molto più sfocato. Anche le compagnie petrolifere sono meno ostili all’idea dei regolamenti. Ma d’altra parte, il fatto che, per il pubblico, sia un argomento molto complesso e diffuso in un arco di tempo molto lungo, facilita quella che i sociologi chiamano la “retorica del ritardo”: Ridurre l’urgenza Al fine di convincere la possibilità di ritardare le procedure. Ciò può consistere nel reindirizzare la responsabilità dell’industria ai consumatori, proponendo soluzioni non costruttive (“un cambiamento troppo violento non è necessario”), enfatizzando gli svantaggi dell’azione (“un cambiamento causerà troppe interruzioni”) e la capitolazione (“il cambiamento climatico non può essere mitigato”). È difficile dire quale forma prenderà tutto questo nel 2022, ma se la pandemia sarà un modello, possiamo aspettarci Specialisti della disinformazione I bot affollano pagine e gruppi di social media per negare la crisi climatica con la stessa forza con cui hanno fatto la pandemia.

READ  Nuovi allarmanti sintomi dovuti al Covid