Novembre 29, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

50 anni dopo, gli indimenticabili sopravvissuti che furono spinti ai cannibali sono sopravvissuti

Pubblicato in:

Il 13 ottobre 1972, un aereo che trasportava giovani giocatori di rugby tra l’Uruguay e il Cile si schiantò sulla catena montuosa delle Ande. I sopravvissuti trascorreranno 72 giorni isolati dal mondo e ricorreranno al cannibalismo per sopravvivere. Delle 45 persone a bordo, 16 sopravviveranno.

“La vita ti dà l’opportunità di sperimentare le cose che ti distinguono ma ti permette di crescere.” Questa la definizione di essere data, a fine settembre, dal 68enne Gustavo Zerpino, Al quotidiano argentino Clarin. Un uomo ci racconta, da cinquant’anni, della sua ispirazione per sopravvivere a un’altitudine di oltre 3.700 metri sul livello del mare, nel cuore delle Ande.

Gustavo Zerpino fa parte della squadra di rugby di Montevideo di Christian che doveva giocare una partita a Santiago del Cile. I sopravvissuti hanno detto che il volo era molto mosso, con grandi sacche d’aria. Improvvisamente, l’aereo ha colpito una montagna e ha perso il controllo. Termina la sua corsa su una piattaforma innevata e si ferma dopo una lunga scivolata, spezzata in più pezzi. Gli investigatori concluderanno che il pilota, morto durante l’incidente, ha commesso un errore di navigazione.

Dei 45 passeggeri, 31 sono sopravvissuti allo sbarco. Tra loro ci sono giocatori, ma anche membri dell’equipaggio e dirigenti di club. Alcuni di loro furono gravemente feriti e sarebbero morti nei giorni successivi. I sopravvissuti sentono gli aerei sopra di loro e ne vedono uno sopra di loro. “Insieme, abbiamo fatto un’enorme croce nella neve con i sacchi vuoti e abbiamo dipinto il segno SOS con i nostri piedi in modo che potesse essere visto dall’alto”, Roberto Canesa ha raccontato in un testo pubblicato dal Daily Mail in occasione del 40° anniversario del disastro. Poi pensano di essere stati avvistati, quindi saltano di gioia.

READ  l'antico presidente José Eduardo dos Santos è morto in Spagna

Siamo noi che rompiamo i tabù.

Le loro speranze di salvataggio stanno gradualmente svanendo. I soccorsi non sono arrivati ​​e 27 persone sono ancora vive a combattere una battaglia di cui non conoscono la durata e l’esito. “Non apparteniamo più a questo mondo, siamo diventati creature di un altro pianeta”, dice Roberto Canesa, che all’epoca aveva 19 anni. Come lui, la maggior parte dei suoi sfortunati compagni erano molto giovani e furono in grado di utilizzare la propria forza fisica per sopravvivere.

A una tale altezza, non ci sono piante o animali che li aiutino a combattere la fame. Manca solo acqua, grazie alla neve che si sta sciogliendo. “Saremmo stati troppo deboli per sopportare la fame. Sapevamo cosa fare ma era troppo orribile per pensare. I corpi dei nostri amici e compagni di squadra, conservati nella neve e nel freddo, contengono proteine ​​vitali che possono aiutare”, spiega Roberto Canessa «Siamo noi che abbiamo infranto il tabù», spiega Roberto Canessa.».

I sopravvissuti si abbandonano al cannibalismo. Si sono arresi a lei per salvarsi la vita, dopo averne discusso a lungo tra di loro. Questa decisione consente ai più resistenti di durare due mesi in terribili condizioni di sopravvivenza. Fino a quando i tre non scelgono di intraprendere un’ultima spedizione per cercare di prevenire i soccorsi.

Il 12 dicembre 1972 il trio iniziò la discesa lungo il fianco cileno della Cordigliera. Uno di loro si voltò rapidamente verso il campo. Dopo diversi giorni di cammino, due sopravvissuti al disastro hanno raggiunto i piedi delle montagne. Poi uno di loro, Fernando Parado, vide un contadino cileno dall’altra parte del fiume. La distanza tra loro è troppo grande e non riescono a comunicare. Fernando Parado scrive alcune frasi su un pezzo di carta che avvolge attorno a un sassolino. Questo giornale dice in particolare: “Venivo da un aereo che si è schiantato contro la montagna. Sono l’Uruguay. Cammino da dieci giorni. Vicino all’aereo ci sono quattordici feriti”.

READ  Di fronte al ritorno dei talebani, le donne afghane si ribellano

Museo, libri e convegni

L’assistenza ha impiegato alcune ore per raggiungere i sopravvissuti, quindi ha raggiunto il relitto. Non riescono a credere che sedici persone siano riuscite a sopravvivere per 72 giorni a questa altitudine. Tra i sopravvissuti c’era Roy Harley, 20 anni. Questa ala d’acciaio di 85 kg il giorno dell’incidente pesava solo 38 kg il 22 dicembre 1972. Dopo aver abbandonato la ricerca da molto tempo, le autorità cilene e argentine parlarono di un “miracolo”.

Alcuni dei sopravvissuti all’incidente, rifugiati nella cabina distrutta, quando arrivarono i soccorsi il 22 dicembre 1972. AP

Successive scoperte sul cannibalismo, riportate dai media locali, hanno cambiato la percezione di incredibili storie di sopravvivenza. Il quotidiano cileno La Segunda scrive in prima pagina “cannibalismo giustificato” con il titolo “Dio li perdoni!” Anche le Chiese cilena e uruguaiana sono invitate a partecipare alla discussione. Entrambi concedono l’assoluzione, così come papa Paolo VI.

Molti di questi sopravvissuti hanno narrato la loro epopea in vari libri tradotti in molte lingue. La loro avventura ha anche ispirato il film del 1993 “The Survivors” e Museo andino 1972che nasce dieci anni fa a Montevideo “per difendere i valori che sono emersi da questa storia”. E il cinquantesimo anniversario di questo incidente è ampiamente coperto dai media in Uruguay, come il quotidiano El Pas, che offre soprattutto un podcast.

Alcuni sopravvissuti raccontano la loro prova per molti anni alle conferenze che tengono in tutto il mondo. In ogni intervento insistono sull’importanza di non perdere mai la speranza e sulla necessità di lottare fino alla fine e aiutarsi a vicenda. Un messaggio che a volte viene loro chiesto di consegnare direttamente sui luoghi del disastro, come Gustavo Zerpino, che nel 2010 si è recato in Cile per parlare con una trentina di minatori che erano rimasti bloccati sottoterra per 70 giorni.

READ  Elisabetta II celebra il "Giubileo di platino" all'apice della sua popolarità