Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

consumo. I santuari di Garbit, William Saurin e Zapetti scarseggeranno

Il protettorato è in crisi. Il gruppo agroalimentare Cofigeo (William Soren, Garbett, Raynal, Roqueleur, Zapetti, ecc.) sospenderà la produzione in quattro dei suoi otto siti in Francia dal 2 gennaio 2023 a fronte dell’aumento dei prezzi dell’energia. Thomazeau martedì. E non è l’unico gruppo ad aver annunciato misure choc.

Cosa succederà negli stabilimenti Cofigeo?

Il 2 gennaio 2023, quattro degli otto siti in Francia saranno chiusi. Questo rappresenta l’80% della sua produzione e avrà un impatto sugli 800 degli oltre 1.200 dipendenti del gruppo che saranno soggetti a un accordo di attività parziale a lungo termine (APLD). fino a quando ? Questa è la grande domanda. “L’obiettivo è che duri il più breve possibile”, ha detto Matteo Tomazo.

Le località in questione sono Pouilly-sur-Serre (02), Lagny-sur-Marne (77), Capdenac (12) e Camaret-sur-Aigues (84).

Perché questa chiusura?

“Non possiamo più permetterci ondate di inflazione che finiscono per travolgerci”, ha spiegato Matthew Tomazo.

Queste misure sono state prese “per far fronte all’aumento vertiginoso dei costi energetici (gas ed elettricità necessari per cucinare e sterilizzare i piatti pronti), che dall’inizio dell’anno si moltiplicheranno per 10”, ha definito il gruppo in un comunicato, energia voto a 1lui è Gennaio andrà “da un giorno all’altro, da 4 milioni a 40 milioni di euro”.

A ciò si aggiunge l’inflazione delle “materie prime alimentari e industriali” utilizzate da Cofigeo, in particolare bovini, suini e pomodori, oltre a imballaggi e trasporti, spiega il gruppo.

È questa l’unica categoria che soffre la crisi?

no. Ad esempio, le famose vetrerie Duralex hanno annunciato a settembre che avrebbero dovuto mettere in stand-by il loro forno per almeno quattro mesi a partire da novembre presso la loro storica fabbrica, situata a Chapelle-Saint-Mesmin nel Loiret, e mettere tutto in ordine. dei suoi dipendenti soffre di disoccupazione parziale per risparmiare energia e mantenere le proprie risorse finanziarie. Di fronte all’entusiasmo, lo Stato gli ha concesso un prestito di 15 milioni di euro per “aiutarlo a superare l’inverno”.

READ  Azioni da tenere d'occhio domani alla Borsa di Parigi mercoledì 29 settembre 2021

“Quest’estate c’erano già tensioni sul prezzo dell’acciaio per le lattine, come ci ha spiegato Olivier Duvers a fine settembreingegnere agrario e Specialista del commercio al dettaglio e dei consumatori. C’è pressione sul prezzo del cartone, con i produttori che non sono più in grado di consegnare gli imballaggi ordinati. Le fabbriche smettono di produrre perché costano troppo in termini di elettricità e gas… e non sono più redditizie. »

“L’energia era la nostra seconda voce di costo. Ora è la prima “, afferma Pascal Hamon, direttore industriale del produttore di zucchero Cristal Union, dell’LSA. Lo zucchero, prodotto dalla barbabietola o dalla canna da zucchero, è un’industria ad alta intensità energetica. Come caffè, alcolici, latte in polvere, alimenti surgelati, coltivazione in serra, conserve, cibo in scatola e così via.

Alcuni conservifici hanno già annunciato di operare solo tre giorni alla settimana.

I prezzi di fornitura per conservifici, caseifici, zuccherifici e altre aziende di produzione alimentare sono aumentati rispettivamente del 350% per l’elettricità e del 380% per il gas naturale in un anno. secondo Le Figaro, la bolletta energetica per il gruppo Breton Sill (Petit Basque, Malo, ecc.) è balzata dell’800% dal 2021. Il sindacato di settore avverte che alcuni ora preferiscono la produzione di burro o polvere, a scapito delle attività di essiccazione o essiccazione. Latte, ad alta intensità energetica.

Continuerai?

Olivier Duvers è chiaro: “Sì, finché il costo dell’energia sarà molto alto, avrai problemi di imballaggio e quindi di consegna. Molte aziende preferirebbero, in questo caso, non produrre, fermare l’impianto. L’alternativa sono prodotti molto più costosi.”

Perché oltre alla guerra in Ucraina, quest’estate la siccità ha portato a una diminuzione fino al 50% del raccolto di ortaggi in pieno campo (fagiolini, piselli, fave, ecc.).

READ  Alla Medef Summer School, Geoffroy Rue de Bisieux e Bruno Le Maire sono all'unisono sulle misure da adottare per rilanciare l'economia

Secondo le misurazioni dell’Ania, il prezzo dell’energia è aumentato del 57%. Tuttavia, il 71,43% delle industrie agroalimentari (IAA) dipende fortemente dall’elettricità. e il 55,65% è fortemente dipendente dal gas.

Tanto più che questo può portare a un effetto domino: se le aziende chiudono temporaneamente, hanno bisogno di meno materie prime, e quindi meno acquisti da agricoltori e allevatori.

Cosa possono fare le aziende?

“I problemi esistono e non scompariranno dall’oggi al domani, secondo un’analisi di metà novembre Frédéric Abiteboul, presidente del Consiglio nazionale degli amministratori giudiziari, metà novembre. L’obiettivo, per superarli, è prima di tutto risparmiare tempo. Perché il tempo è il capacità di rispondere e ricreare Regolamentare e quindi riequilibrare bilanci e conti economici. »

rimodulare i debiti, negoziare nuovi contributi in denaro, riorganizzare il lavoro, “ad esempio negoziando con i sindacati per lavorare di più di notte, quando i costi energetici sono più bassi”… “Ecco cosa fa la prevenzione: coinvolgere tutti gli stakeholder attorno al tavolo, così per risolvere le crisi e preservare il tessuto industriale del Paese”, ha proseguito Frédéric Abiteboul.

Le industrie di questo settore chiedono limiti sui prezzi del gas e dell’elettricità, così come i privati, in modo che non ci sia pericolo di perdere carichi (i caseifici, ad esempio, dovrebbero scaricare tutte le loro scorte di latte, per motivi di salute), e facilitare le procedure amministrative per progetti di autonomia energetica. Perché questo settore sta ora passando all’autonomia energetica “verde”: recupero del metano per il biogas, pannelli solari, forno con legna di recupero, ecc.