Maggio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Wall Street ha chiuso in forte ribasso, Fed e Netflix hanno abbassato gli indicatori – 21/01/2022 alle 22:58

Banchi di esperti presso la Borsa di New York (GETTY IMAGES NORTH AMERICA / SPENCER PLATT)

Banchi di esperti presso la Borsa di New York (GETTY IMAGES NORTH AMERICA / SPENCER PLATT)

La Borsa di New York ha chiuso venerdì a un nuovo minimo, temendo una maggiore stretta monetaria osservata ogni giorno negli Stati Uniti, sulla scia della caotica stagione degli utili, con Netflix beffardo.

Il Dow Jones ha perso l’1,30%, segnando la sua sesta sessione consecutiva di calo, mentre il Nasdaq, fortemente influenzato dai titoli tecnologici, ha perso il 2,72% e l’S&P 500 ha esteso l’1,90%.

Dal suo massimo di fine novembre, il Nasdaq è sceso di oltre il 15%. Nell’ultima settimana, l’indice è sceso del 5,6%, la peggiore performance dall’inizio della pandemia, mentre il Dow Jones ha perso il 4,5%.

“La Fed rimane la grande storia”, ha detto l’analista di Baird Ross Mayfield. Gli investitori ritengono che “sta diventando più aggressivo con ogni nuovo discorso, ogni nuova informazione. E logicamente, questo è un male per i titoli tecnologici e la crescita”.

Alcuni analisti ora parlano di un aumento di 50 punti base del tasso della Fed (0,50 punti percentuali) rispetto alla riunione di marzo, mentre l’istituto tiene generalmente un quarto di punto (0,25 punti percentuali).

-Rotolo Netflix-

La novità della giornata sarà la discesa nell’inferno di Netflix, dopo l’annuncio, giovedì, di una previsione di crescita per i suoi abbonati considerata deludente.

La piattaforma ha visto il suo portafoglio crescere di 2,5 milioni di abbonati netti nel primo trimestre, il numero peggiore per questo periodo dell’anno in dodici anni.

Il titolo ha chiuso in ribasso del 21,79% a $ 397,50. In due mesi, gli affari sono diminuiti di oltre il 43%. Netflix è tornato alla sua valutazione nell’aprile 2020, all’inizio della pandemia di coronavirus.

Secondo Ross Mayfield, “Ha spaventato il mercato”. L’indice VIX, che misura la volatilità del mercato, ha registrato un forte rialzo, registrando livelli prossimi alla conoscenza dopo la scoperta della variabile Omicron.

La preoccupazione pubblica ha beneficiato delle obbligazioni i cui prezzi sono aumentati e i loro rendimenti sono scesi (i due si stanno muovendo in direzioni opposte). Il tasso di riferimento dei titoli di Stato statunitensi a 10 anni è sceso all’1,77% dall’1,83% del giorno prima.

Molti, moltissimi valori hanno seguito Netflix nella sua caduta, in particolare le star della pandemia, che volavano alte fino allo scorso novembre.

L’exchange di criptovalute Coinbase (-13,38%), il sito di e-commerce Shopify (-13,85%) o la piattaforma di gioco online Roblox (-8,57%) sono stati presi di mira in modo specifico.

Ross Mayfield ha insistito sul fatto che il gruppo di società che hanno beneficiato della prenotazione e del telelavoro era stato colpito. “Abbiamo la sensazione che il consumatore stia cambiando di nuovo i propri usi”, provocando una “reazione a catena”.

I giganti delle infrastrutture IT, come il produttore di schede grafiche Nvidia (-3,21%), i professionisti dei microprocessori AMD (-2,53%) o Micron (-3,69%), hanno continuato a lottare.

Tutte queste società sono titoli growth, che devono investire molto e potrebbero subire un aumento del costo del denaro, a seguito della normalizzazione monetaria della Fed.

Intel ha delineato il danno che finisce in equilibrio dopo l’annuncio di venerdì di un investimento di oltre 20 miliardi di dollari nella costruzione di due impianti in Ohio.

L’attuale venditore è andato ben oltre i titoli di tecnologia e crescita, da Ford (-5,23%) a Bank of America (-1,81%), tramite la compagnia di crociere Carnival (-3,89%) o il produttore di pellet di minerale di ferro Cleveland-Cliffs (-9,73) % ).

Dopo il crollo di giovedì, dopo che la CNBC ha annunciato che il gruppo avrebbe sospeso la produzione, Peloton è rimbalzato (+11,73% a $ 27,06). In una lettera diffusa internamente e consultata dal Wall Street Journal, il direttore generale delle cyclette e dei tapis roulant avanzati ha menzionato solo una “ricalibrazione” della produzione.

Sotto pressione, giovedì sera il gruppo ha pubblicato i risultati trimestrali preliminari, che mostrano un fatturato di 1,14 miliardi di dollari, nel range delle previsioni inizialmente fornite da Peloton, ovvero tra 1,1 e 1,2 miliardi.

Il produttore di attrezzature sportive Under Armour è stato uno dei pochi vincitori oggi (+0,69% a $ 16,09), dopo aver pubblicato diverse note positive da parte degli analisti, in particolare Citigroup, che vede il titolo raddoppiare in valore.

Nasdaq

tu / vmt / er

READ  Trois magistrats français ont atterri à Beyrouth