Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

video. “Non ho capito di aver sottoscritto 5 contratti”: i clienti deplorano le pratiche di Hubside. un negozio

Per diversi mesi, molti clienti dei negozi Hubside. Negozio di attrezzature multimediali Pratiche di marketing ingannevoli E in particolare le informazioni incomplete sui contratti che hanno sottoscritto… a volte senza nemmeno rendersene conto. Marian e Philip, marito e moglie di Evelyn, si sono iscritti a 5 show su Hubside.store… quando pensavano solo a firmare un contratto. Il risultato: sono stati detratti più di 800 euro ciascuno. Per Marianne, Philip, Pauline e Clarice la storia inizia allo stesso modo: vengono sorpresi per strada o all’ingresso di un centro commerciale con un buono che attira la loro attenzione. Promettiamo loro un “prodotto di qualità” se vanno al negozio Hubside. store, un marchio che vende apparecchiature multimediali e offre una serie di servizi e abbonamenti sotto forma di contratti e assicurazioni.

A metà agosto, Clarisse, una studentessa di 19 anni di Lille, se n’era andata Nel negozio EuraLille Per sfruttare la “batteria gratuita” menzionata dal venditore Hubside all’ingresso del centro commerciale. “Sono stata accolta molto bene, al massimo come se fossi stata tolta dal tappeto rosso e tutto il resto. C’erano torte e dolci”, ricorda la giovane. “Uno dei gestori mi ha portato in giro per il negozio e mi ha mostrato le offerte”. “Molto vicino a noi, molto familiare, cercando di trovare punti in comune”, ricorda Pauline, che vive ad Avignone e ha ricevuto anche questo buono.Per Marianne, 26 anni, e Philippe, il suo compagno di 48 anni, lo scenario è molto simile: Alla fine di maggio, la coppia si reca al centro commerciale Plaisir, a Yvelines, durante la pausa pranzo, e viene avvicinata dal venditore che sta distribuendo loro il famoso coupon.

READ  azienda | Errore del sito Caf: "Ho incontrato i dati di qualcun altro 19 volte"

Ci ha detto che era un contratto di cinque servizi.

Marianne e Philip vengono prelevati al negozio dove il venditore fa loro varie offerte per circa un’ora a cui possono iscriversi. Carta fedeltà, permesso per il noleggio di oggetti elettronici, assicurazione per apparecchiature telefoniche, servizio di assistenza per la creazione di un sito Web… Sottoscrivendo il contratto “Intensiv +”, la coppia ritiene di poter usufruire di tutta questa serie di vantaggi . «Ci ​​ha steso tutti gli opuscoli sul tavolo, ma ne ha aperto solo uno. Ci ha detto che era un contratto da cinque servizi. Ce l’ha venduto così, quella cosa. ci ha detto che si trattava di cinque contratti a cinque prezzi diversi”, spiega Marianne. La coppia finisce per firmare quello che pensano sia un contratto, che costerà loro 100 euro al mese ciascuno, dopo il terzo mese dall’iscrizione.

“Ma quello che mi ha stupito è che entrambi abbiamo ricevuto cinque sms di firme elettroniche… nonostante ci fosse stato detto un contratto. Mi sembrava strano, ma ehi, è vero che avevamo tanta fretta. Marian e Philip firmano e vengono di ritorno dalla pausa pranzo.Ma a fine luglio, al rientro dalle vacanze, fa freddo: la coppia si rende conto di essere già stata provata più volte dal negozio Hubside. 800 euro ciascuno.

A Lille, stessa spiacevole sorpresa per Clarice. A inizio settembre la studentessa controlla i suoi conti correnti e scopre che sono in rosso: in pochi giorni sono stati addebitati quasi 150 euro da Hubside. un negozio. La giovane studentessa non capisce: ha però rescisso telefonicamente a inizio settembre l’unico contratto Hubside che pensava di aver sottoscritto. Ma quando ho guardato i suoi estratti conto, mi sono reso conto che aveva già sottoscritto altri tre contratti, che erano stati addebitati sul suo conto. Da parte loro, Marianne e Philip si rendono presto conto di condividere diversi decenni. “Ho contattato l’assistenza clienti ma non ho mai ricevuto risposta, ho inviato un’e-mail ma non ho mai ricevuto risposta… È stato allora che ho detto a Pasta: abbiamo chiamato le nostre banche e loro hanno contestato”.

READ  Cosa c'è da sapere prima del test di mercoledì su Caradisiac

“un divario tra ciò che la persona dice al telefono e la realtà”

Alla fine di luglio ad Avignone, Pauline aveva terminato tre dei contratti che aveva sottoscritto nel negozio un mese prima, ma aveva deciso di mantenere il suo “permesso di locazione” dopo uno scambio telefonico con il suo servizio clienti dedicato. “Al telefono, questa persona mi ha parlato degli addebiti diretti mensili, ma senza dirmi che in realtà si trattava di addebiti diretti bimestrali”. Début août, alors qu’elle vérifie ses comptes bancaires, Pauline constate cinq prélèvements de la part d’Hubside: « il ya quand même eu un écart entre the discours de la personne au telephone et la réalité », deplora la jeune femme di 24 anno. “Inoltre, ho ricevuto un tampone oltre ai normali tamponi, che non dovrebbero esserci”.

Da allora Pauline ha chiesto un risarcimento ed è in attesa del suo trasferimento. Alcuni clienti, che hanno denunciato l’arbitrarietà della detrazione, hanno chiamato l’avv. Emma Liotti ad agire in giudizio. “Di solito un operatore di telecomunicazioni o un commerciale ha il dovere di fornire informazioni e informazioni accurate. C’è un vero e proprio atto informativo da parte dell’esercente che deve spiegare al consumatore in modo educativo cosa è obbligato a fare”, spiega l’avvocato Il gruppo Hubside era già stato oggetto di un’indagine ad aprile da parte della direzione Autorità generale per la concorrenza, i consumatori e la repressione delle frodi, che ha rilevato “pratiche consistenti nell’indurre in errore i consumatori a credere che i loro debiti diretti siano stati interrotti o che i loro abbonamenti siano stati risolti (. ..) le richieste di risoluzione sono state considerate o addirittura efficaci”.

READ  Thierry Breton mette in dubbio il calendario

Ho chiamato, Hubside. Il negozio ha dichiarato: “Le operazioni di vendita e assistenza clienti del marchio sono strettamente controllate e soggette a controlli regolari, soprattutto da parte di terzi. Tutte le vendite vengono sistematicamente effettuate con l’approvazione del cliente. Le vendite che non rispettano gli standard e le operazioni di qualità sono vietate e portare a sanzioni”.