Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le vendite di prodotti biologici stanno crollando

Per l’adesione, il 2022 è un anno magro. “C’è una diminuzione del volume dei consumi, probabilmente dal 7 al 10% circa nel 2022. E dal 10 al 12% nei marchi di nicchia”.osserva Perec de Ron, presidente di Biocoop e Maison de la Bio, che riunisce i professionisti del settore.

Tuttavia, il fatturato del settore è triplicato nell’ultimo decennio, passando da 4 a 12 miliardi di euro. Se il 2020 ha visto un aumento del 12% del mercato dei prodotti biologici, in un contesto in cui le famiglie vincolate erano disposte a investire di più nel cibo grazie anche a maggiori risparmi, il 2021 si è comunque chiuso con un calo dell’1,3%, che sta accelerando. bruscamente quest’anno.

Suggerimenti per i consumatori per combattere l’inflazione alimentare

L’inflazione sta erodendo i bilanci

Produttori, distributori ed economisti sottolineano all’unanimità l’impatto dell’inflazione dei prezzi alimentari, che potrebbe raggiungere il picco del 15% alla fine dell’anno, molto più alta dell’inflazione generale. I prezzi elevati corrodono il budget dei francesi, che per primi hanno tagliato le spese per il cibo di circa il 4%. Può essere gestito e può essere ridotto più facilmente rispetto a canoni fissi come l’affitto o l’abbonamento. Il risultato: il biologico è tra i primi acquisti cancellati dalla lista della spesa, insieme ai prodotti freschi.

“I clienti fanno dei compromessi per il biologico. Vanno al mercato, passano dal biologico al convenzionale e scelgono il biologico più economico”.Gli appunti di Peric de Ron di Biocoop. Tuttavia, l’inflazione dei prodotti convenzionali è doppia rispetto a quella dei prodotti biologici, che non richiedono fertilizzanti e pesticidi e consumano meno energia. Continua. Non abbastanza per colmare il divario tra i prezzi dei prodotti biologici e convenzionali, di circa il 20-50% secondo Perec de Rhone.

READ  Negli Stati Uniti, Activision Blizzard è nel mirino del regolatore del mercato

Le famiglie a basso reddito non sono le uniche a contare i loro soldi. L’aumento del costo della vita si sta diffondendo e colpisce sempre più famiglie. Nel 2019, metà dei francesi ha dichiarato di avere difficoltà a mangiare ciò che voleva. Oggi sono il 63% e le classi medie e alte ne sono sempre più colpite”.avverte Pascal Hebel, direttore associato di C-WAYS.

Perdita di fiducia nei prodotti biologici

Al di là delle sole considerazioni sul budget, si sente un rappresentante della Maison du Bio “perdita di fiducia” nell’appartenenza. I prodotti biologici stanno diventando popolari in quanto stanno diventando sempre più popolari nei supermercati. Sempre più clienti controllano gli acquisti sui loro smartphone e sono sorpresi. Contraddizioni Prodotti biologici visibili. Soprattutto quando viene importato da paesi lontani.

Soprattutto il consumatore fatica a digerire tutti i comandi per consumare più verde del verde: locale, stagionale, rispettoso del benessere animale, garante del commercio equo, niente imballaggi in plastica… Prodotti venduti come “etici” o “sostenibili”, come fintanto che sono monopolizzati dai prodotti associati.

“Oggi, un solo criterio biologico non è più sufficiente per convincere. Le abitudini di consumo sono cambiate molto rapidamente dopo l’epidemia. Sotto l’influenza di consumatori più istruiti, un altro nuovo criterio di consumo viene sistematicamente espulso. La gente è rimasta delusa nel vedere che la rima organica non necessariamente rima con locale”Analizza Pascal Hebel. Questo specialista dei consumatori insiste sull’entusiasmo per i loro prodotti locali e sul successo dei negozi locali che li vendono, e in particolare del produttore.

Il “greenwashing” è sincrono

Vede Presidente della Federazione Nazionale dell’Agricoltura Biologica (FNAB) Una tendenza al greenwashing con molti prodotti che affermano di essere ecologici. Tra questi, l’appartenenza affronta tre concorrenti sugli scaffali “Locale, che non vuol dire che sia un prodotto affidabile anche se è chiaro che i prodotti biologici locali sono l’ideale. Poi la certificazione di “alto valore ambientale” promossa dal ministero dell’Agricoltura e “nessun residuo di pesticidi” che di fatto solo offre alcune garanzie ambientali rispetto all’adesionesi rammarica del presidente della FNAB Philippe Clamedio.

READ  Enorme blackout ad Orange: interruzione totale degli abbonati agli operatori in Aude e Pirenei Orientali

Per recuperare la terra che è stata ceduta ai loro concorrenti, produttori e distributori biologici ostentano i loro disciplinari che impongono la coltivazione senza pesticidi, senza OGM e senza fertilizzanti chimici. Dal 30 maggio è stata lanciata a questo scopo una campagna informativa denominata “Bioréflexe” per ricordare gli impegni del settore.

Quota di mercato non inferiore al 5%

Nei prossimi mesi i vertici di FNAB e Maison du Bio si aspettano che i player, in particolare quelli che hanno investito scommettendo sulla crescita del settore, si trovino in difficoltà o addirittura, per alcuni, spinti alla chiusura. Infatti la grande distribuzione, che rappresenta oltre il 60% delle vendite bio, limita le referenze commerciabili. Notando la diminuzione degli acquisti organici sui loro scaffali, stanno riducendo gli ordini. Questo fenomeno è già iniziato. Nella zona di Parigi Ovest, un marchio biologico, nato dopo una razione anziché un marchio discount, ha chiuso i battenti nel 2021 dopo pochi mesi, lasciando le mura a… lo stesso marchio a basso prezzo che lo ha sostituito.

D’altra parte, i leader di FNAB e Maison du Bio plaudono alla flessibilità dei canali di vendita che non si affidano ai grandi distributori per fissare i loro prezzi. Pertanto, non si aspettano un enorme ritorno dall’agricoltura biologica all’agricoltura convenzionale. Secondo Perec de Ron di Biocoop e Maison du Bio, la sfida non sarà inferiore al 5% del consumo di alimenti biologici. Questo lo condannerebbe a tornare di nuovo “mercato di nicchia”.

Leggi ancheLe vendite di uova da galline in gabbia aumentano e le vendite di uova biologiche diminuiscono