Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un nuovo tempio etrusco è stato scoperto a Vulci in Italia

archeologia – L’ombra di un antico edificio di culto è stata scoperta quest’estate da un team tedesco delle campagne laziali. L’antica città rivela gradualmente i suoi segreti.

Novembre potrebbe essere diventato il mese delle scoperte etrusche? Durante la stessa settimana Importante tesoro di statue in bronzo provenienti da un santuario etrusco-romano Toscana Presentato da un team italiano Gli archeologi tedeschi hanno annunciato il 10 novembre di aver individuato un tempio precedentemente sconosciuto a Vulci, nel cuore dell’antica Etruria.

Questo sistema è stato scoperto dai ricercatori Missione Vulci Cityscape, un progetto di ricerca congiunto delle Università di Friburgo e Magonza. Ambientato nel 2020, il progetto si concentra su un campo operativo di 22,5 ettari nella parte settentrionale dell’antica città di Valsi. le Lazio. Lì, vicino al santuario del Tempio Grande scavato negli anni ’50, i ricercatori hanno trovato la struttura immediatamente riconoscibile di un nuovo edificio di culto. La prima campagna di ricerca, nel 2021, ha confermato le misurazioni geofisiche superficiali raccolte l’anno precedente. Gli scavi di questa estate hanno completato il ritorno al sole italiano dei blocchi di tufo sepolti da tempo.

Lungo 45 metri e largo 35, questo santuario era monumentale. Ancora in parte interrato, questo edificio arcaico, su piattaforma, risale alla fine del VI.e o l’inizio di Ve secolo avanti la nostra era, o dal cielo del mondo etrusco. “Il nuovo tempio ha le stesse dimensioni e orientamento del Tempio Grande, costruito all’incirca nello stesso periodo”Lo spiega in un comunicato l’archeologa Mariachiara Francesini, responsabile degli scavi dell’Università di Friburgo.

READ  Gastronomia made in Italy: gusto e la cosa migliore!
Vista dall’alto del Tempio Nuovo di Vulci parzialmente scavato accanto al Tempio Grande scavato negli anni ’50 (in basso a sinistra). Mariachiara Franchini/Albert Ludwig Università di Friburgo

Non si sa a chi fosse dedicato l’edificio. Tuttavia, i ricercatori hanno affermato di aver trovato molti resti di terracotta. Un gran numero di queste ceramiche sono riconosciute dagli esperti come prodotti attici, i più antichi dei quali appartengono allo stile orientalizzante, popolare in Grecia nel VII secolo.e secolo I frammenti più recenti di costruzione romana risalgono alla fine dell’antichità, quasi un millennio dopo. Nel sito è stata recuperata anche un’antica decorazione caduta dal tetto del tempio, un antiquario con testa di satiro.

Un secondo tempio reliquiario è stato scoperto a Valsi “particolarmente degno di nota”, ha salutato il 28 agosto il completamento dell’ultima campagna di scavo della Direzione Scientifica del Paesaggio Urbano di Vulci. Questo edificio dovrebbe consentire agli archeologi di comprendere meglio la connessione tra i luoghi sacri e il resto di questa città. È ancora poco conosciuto a parte alcune strutture urbane di epoca romana e una presunta necropoli. La ricchezza delle sue sepolture risale al periodo etrusco.

Se la necropoli di Vulci fu abbondantemente saccheggiata nel corso del XIXe secolo, la città è stata oggetto di più recenti estesi scavi. Mariachiara Franchini/Albert Ludwig Università di Friburgo

Secondo gli archeologi, i livelli più profondi delle fondamenta di questo nuovo tempio contengono ancora alcune tracce che confermano l’esistenza della struttura più antica. Cioè, un’occupazione può essere datata Dall’età del ferro E insomma, può fornire nuovi dettagli sull’origine della città etrusca. “In Valsi finora non sono stati trovati segni di questo genere»Paul P. Pasieka, responsabile del sito presso l’Università di Magonza, ne è rimasto molto soddisfatto.

Distruggi la città

Altri studi condotti negli ultimi due anni a Wulsi da team tedeschi hanno individuato una parte importante del tessuto urbano nel nord della città. “Ora possiamo capire meglio le dinamiche delle case, la rete stradale e i diversi quartieri della città”, Paolo B. Basieka continua. Nei prossimi anni, l’archeologo spera di scoprire le sottili trasformazioni e gli adattamenti della città nel corso dei secoli, soprattutto a partire dal suo periodo romano, che ha lasciato molti spazi tra le mura del suo antico rivale, gli Etruschi.

READ  Il primo bilancio del governo Maloney è stato adottato dopo un voto di fiducia

Istituito nell’VIIIe secolo a.C J.-C., Vulci era una delle dodici maggiori città che costituivano la confederazione etrusca. Situato a 80 chilometri di distanza nell’Etruria settentrionale Da Roma, tra il Mar Mediterraneo e il Lago di Bolsena, la città fu conquistata dai vicini latini intorno al 280 a.C. dC e fu subito romanizzato.

La città ha beneficiato di importanti scavi effettuati nella prima metà del XIX secolo.e secolo sotto il patrocinio Luciano Bonaparte, il principe romano di Canino e sua moglie, Alexandrine de Blesschamp, erano, un tempo, attività di razzia più organizzate che ricerca scientifica. Durante il periodo etrusco europeo, più di 15.000 vasi antichi furono strappati dalle tombe di Vulci e venduti in tutta Europa. Tuttavia, la maggior parte della città è ancora sepolta.